x

SEI IN > VIVERE JESI > POLITICA
articolo

Nuova manovra di equilibrio di bilancio: Belcecchi ci riprova

2' di lettura
1894
di Ilaria Cofanelli
redazione@viverejesi.it

Ricompattata la maggioranza e scongiurato il pericolo del commissariamento, alla seduta comunale del 2 luglio prossimo il sindaco Belcecchi presenterà una nuova manovra di equilibrio di bilancio, preparata dall'assessore alle finanze Vincenzo Sorana.

Sul tema, il sindaco aveva perso la maggioranza il mese scorso a causa del mancato voto di Paolo Cingolani, presidente dell'Assemblea, che aveva espresso la sua contrarietà alle manovre correttive proposte dalla giunta per il disavanzo del Bilancio 2009, che ammonta a 538 mila euro.

Vincenzo Sorana illustra nei dettagli le modifiche che sono state apportate alla manovra finzanziaria per coprire il deficit:"Sono due le strade che si possono seguire, o quella delle entrate straordinarie per coprire il disavanzo, o la riduzione della spesa corrente. Abbiamo cercato di effettuare dei tagli indolori per non avere ricadute negative sulla qualità dei servizi offerti alla cittadinanza e aumentando le imposte in maniera contenuta."

In effetti, il primo settore a rimetterci è quello della cultura, a cui sono stati sottratti 206mila euro che vanno a ricoprire il 7% del bilancio, seguono turismo (20mila euro per 9% del bilancio) e settore sociale (133mila euro per l'1,22% del bilancio). "L'elevato numero dei servizi non è stato coperto da adeguate entrate, si è dovuto ricorrere alle entrate straordinarie, anche a causa del mancato rimborso ICI. In effetti, nel 2009 la spesa corrente si è mantenuta stabile, ma abbiamo riscontrato una diminuizione delle entrate, anche per questo proveremo a combattere con maggior vigore l'evasione fiscale, ma non basta.-continua Sorana-ad oggi il bilancio è in equilibrio, ma è necessario rivedere l'erogazione dei servizi. Quanti sono davvero necessari? Di quali si può fare a meno? Probabilmente si offre più di quanto si può in realtà. La spesa corrente deve essere finanziata con le entrate ordinarie senza ricorrere sempre alla manovra di equlibrio."

Sorana ricorda come da almeno 10 anni in settembre a Jesi si effettua la manovra di bilancio per destinare le entrate straordinarie a coprire la spesa corrente. Con la nuova manovra che Belcecchi presenterà il prossimo venerdì 2 luglio, forse per quest'anno non ce ne sarà bisogno.





Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2010 alle 19:16 sul giornale del 30 giugno 2010 - 1894 letture