Montecarotto: picchia l'ex moglie durante la festa del paese, arrestato

pugni lite botte 08/07/2010 -

Un uomo di Montecarotto, G.G., è stato arrestato dai Carabinieri di Jesi per atti persecutori. Da mesi perseguitava l'ex moglie fino ad arrivare ad aggredirla in pubblico. Condannato a sei mesi di reclusione.



La goccia che ha fatto traboccare il vaso ed ha spinto la donna a denunciare l'ex marito è arrivata nelle scorse settimane quando, durante una festa di paese dove la donna prestava servizio volontario, è stata aggredita e malmenata. Mentre parlava al cellulare è stata avvicinata dall'ex che ha iniziato a picchiarla. Sono dovute intervenire alcune persone per sedare l'uomo ed allertare le forze dell'ordine.

Ma l'episodio è risultato essere solo l'ultimo di una lunga serie di atti persecutori che l'uomo da tempo infliggeva all'ex. Dalle minacce verbali a vere e proprie aggressioni fisiche passando per il continuo pedinamento. La donna non ha avuto mai la forza di denunciare l'ex fino all'aggressione alla festa.

L’uomo è comparso davanti al Giudice del Tribunale di Ancona, sezione di Jesi. Convalidato l’arresto, G.G. è stato condannato sei mesi di reclusione.






Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2010 alle 13:16 sul giornale del 09 luglio 2010 - 2779 letture

In questo articolo si parla di cronaca, riccardo silvi, montecarotto, lite, pugni, botte, stalking

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZG


Sei mesi, con l'attuale legislazione, vuol dire che l'uomo è già fuori per la condizionale.<br />
<br />
Ora chi terrà il tipo lontano dalla sua vittima? Chi proteggerà la donna?




logoEV