Patologia oncologica metastatica, centro di riferimento nell'ortopedia di Jesi

ospedale 19/07/2010 -

Un centro di riferimento per la patologia oncologica metastatica e la qualificata collaborazione con il dipartimento di Chirurgia oncologica e ricostruttiva dell’ospedale CTO di Firenze, diretta da Rodolfo Capanna, nell’Ortopedia dell’ospedale di Jesi, diretta da Nicola Pace, direttore del dipartimento dell’Apparato Locomotore.



Sono già oltre 50 i casi nel nuovo ambulatorio, trattati dalla Ortopedia, di cui l’ultimo, di qualche giorno fa, è il caso di un giovane uomo con una frattura patologica del femore. Il paziente, inviato a Jesi da altre strutture sanitarie della regione, è stato sottoposto ad intervento con prelievo in estemporanea, per verificare le effettive condizioni della parte malata e poter quindi operare in maniera meno invasiva. L’intervento sul femore, effettuato da Nicola Pace, Daniele Aucone e Giovanni Beltrami, quest’ultimo del CTO di Firenze, è perfettamente riuscito ed il paziente è tornato a casa dopo appena quattro giorni. Il servizio pubblico, con il Dipartimento dell'Apparato Locomotore, si pone quindi in una posizione di eccellenza, in attesa che la Rete Oncologica della Regione Marche (R.O.Re.M.), istituita con delibera regionale del marzo 2010, diventi pienamente operativa: un esempio di buona sanità, che nasce dalla volontà di crescere culturalmente e professionalmente con l’obiettivo di offrire un servizio pubblico sempre più qualificato ai tanti pazienti, ed alle loro famiglie, che versano in condizioni di necessità.

Jesi, quindi, può porsi come centro di riferimento, anche in area vasta, nell’ottica della ottimizzazione delle risorse e delle competenze, soprattutto nel caso di patologie come quella in argomento. Il progetto è nato con l’obiettivo di offrire un aiuto alle persone afflitte dalla patologia oncologica metastatica dell’apparato locomotore e vanta la collaborazione di numerosi specialisti (oncologi, ortopedici, anatomopatologi, radiologi, anestesisti, fisiatri), nonché dei medici di Medicina Generale. L’ambulatorio ortopedico oncologico dedicato è gestito da Daniele Aucone, dirigente medico di Ortopedia, e come detto ha già annoverato oltre 50 accessi. Importante momento di crescita culturale è stato il congresso sul tema “Le Metastasi Ossee”, che si è tenuto a Jesi nello scorso mese di maggio sotto l’egida di Nicola Pace e Giorgio Rossi, direttore dell’Oncologia di Jesi, che ha visto la partecipazione di numerosi operatori sanitari e di illustri ospiti. La felice esperienza ha ribadito la necessità di un approccio di tipo multidisciplinare alla patologia, e è sfociata nell’avvio di una bella collaborazione con il Dipartimento di Chirurgia Oncologica e Ricostruttiva dell’ospedale C.T.O. di Firenze diretta dal Dott. Rodolfo Capanna, ospite d’onore della giornata. In quest’ottica, sono state avviate numerose iniziative tra le quali l’organizzazione di stage formativi presso la clinica fiorentina, il continuo scambio di opinioni riguardo ai casi clinici più delicati e la realizzazione di interventi chirurgici in équipe.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2010 alle 19:22 sul giornale del 20 luglio 2010 - 6361 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, ospedale, jesi, Asur Jesi, ortopedia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aon