Ostra Vetere: una via da intitolare ad Almirante, Craxi e Tambroni

26/07/2010 -

“Esisitono nel nostro territorio comunale alcune piazze, vie e luoghi pubblici, che non hanno alcuna denominazione. Così abbiamo ritenuto opportuno avviare le procedure per la intitolazione di alcune di esse, per il momento, a personaggi di rilievo, che hanno segnato la Storia d’Italia.”



A parlare è il Sindaco di Ostra Vetere, Massimo Bello, a proposito della decisione della Giunta di intitolare una via, una piazza o un luogo pubblico all’On. Bettino Craxi, statista e Presidente del Consiglio dei Ministri, all’on. Giorgio Almirante, statista e parlamentare, e all’on. Ferdinando Tambroni, statista e Presidente del Consiglio dei Ministri.

Le cerimonie previste saranno l’occasione anche per ricordare le figure, la vita e l’attività politico-istituzionale di tre uomini di Stato, che hanno scritto pagine e pagine della storia italiana del dopoguerra.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2010 alle 16:40 sul giornale del 27 luglio 2010 - 4216 letture

In questo articolo si parla di attualità, ostra vetere, comune di ostra vetere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aCW


Cercasi tiratori scelti per demolizione targhe.<br />
Almirante tanto tanto... Ma il maialino Craxi e Tramboni... Certo che Massimo Bello da Alleanza Nazionale e passato a Rabilitazione Nazionale.<br />
<br />
E poi il suo partito era uno di quelli più inferociti contro il Ladro Craxi.<br />
<br />
La cura "Silvio" funziona.<br />
Mangano Eroe, Craxi Santo.<br />
<br />
ahahahhaahaha<br />

Commento modificato il 26 luglio 2010

A quando Totò Riina padre Costituente della Seconda Repubblica?<br />
Le commemorazioni, da parte del sindaco Bello, di Giorgio Perlasca e dei Martiri della Resistenza (ma anche delle vittime delle foibe) perderebbero valore se dovesse accadere ciò.<br />
Tristezza....<br />

Bartolini Enea

Chi è stato craxi lo sanno anche i somari oramai, chi è stato almirante lo sanno in pochi forse, tanto ammirato dal sindaco di Montenovo, queste sono solo alcuni suggestivi passi della vita del "grande statista" fascista. <br />
Che vergogna leggere queste cose, Bello non si smentisce mai e riesce sempre a darci prova delle sue stupefacenti capacità, la mediocrità del piccolo uomo in doppiopetto.<br />
<br />
-giorgio almirante:<br />
<br />
"Firmatario nel 1938 del Manifesto della razza, dal 1938 al 1942 collaborò alla rivista La difesa della razza come segretario di redazione.<br />
<br />
Su questa rivista si occupò di far penetrare in Italia le tesi razziste provenienti dalla Germania nazista, che già avevano portato all'approvazione nel 1938 delle leggi razziali fasciste, e che faticavano ad imporsi nella società italiana, dov'erano percepite come un elemento estraneo alla cultura nazionale. All'accusa che il regime si stesse appiattendo sempre più sulle posizioni naziste, Almirante, nell'ottobre del 1938, rispondeva che:<br />
<br />
« il razzismo è il più vasto e coraggioso riconoscimento di sé che l'Italia abbia mai tentato. Chi teme ancor oggi che si tratti di un'imitazione straniera non si accorge di ragionare per assurdo: perché è veramente assurdo sospettare che il movimento inteso a dare agli italiani una coscienza di razza […] possa servire ad un asservimento ad una potenza straniera » <br />
(Giorgio Almirante,[2] 1938) <br />
<br />
Ancora nel maggio del 1942 Almirante, nell'articolo "Contro le pecorelle dello pseudo-razzismo antibiologico", ribadiva l'adesione del regime alle tesi razziste rispondendo alle accuse che le indicavano come un corpus estraneo alla cultura cattolica e nazionale:<br />
<br />
« Noi vogliamo essere, e ci vantiamo di essere, cattolici e buoni cattolici. Ma la nostra intransigenza non tollera confusioni di sorta […] Nel nostro operare di italiani, di cittadini, di combattenti – nel nostro credere, obbedire, combattere – noi siamo esclusivamente e gelosamente fascisti. Esclusivamente e gelosamente fascisti noi siamo nella teoria e nella pratica del razzismo » <br />
(Giorgio Almirante,[3] 1942) <br />
<br />
Riguardo la sua collaborazione a La difesa della razza Almirante affermò in seguito: "di aver superato la sua adesione al movimento razzista per ragioni umane e concettuali, per uno di quei superamenti di coscienza ai quali bisogna pur pervenire se si vive con piena onestà la propria fede e la propria dottrina".[4]<br />
<br />
Allo scoppiare della Seconda guerra mondiale Giorgio Almirante fu arruolato, combattendo nella campagna d'Africa.<br />
<br />
Nella Repubblica Sociale Italiana (RSI) [modifica]<br />
Il 3 settembre del 1943 venne firmato l'Armistizio di Cassibile reso noto l'8 settembre. Alla creazione della Repubblica Sociale Italiana Giorgio Almirante passò a Salò, arruolandosi nella Guardia Nazionale Repubblicana con il grado di capomanipolo. Successivamente, dopo aver ricoperto il ruolo di Capo di Gabinetto del Ministro della Cultura Popolare di Mussolini passò al ruolo di tenente della brigata nera dipendente sempre dal Minculpop. In questa veste, al pari delle altre camicie nere, si impegnò nella lotta ai partigiani in particolare in Val d'Ossola e nel grossetano. Qui, il 10 aprile 1944, apparve un manifesto firmato da Almirante in cui si decretava la pena della fucilazione per tutti i partigiani (definiti "sbandati", all'interno del manifesto) che non avessero deposto le armi e non si fossero prontamente arresi. Nel 1971 il manifesto - ritrovato nell'archivio comunale di Massa Marittima, pubblicato da l'Unità il 27 giugno 1971 e poi riconosciuto come autentico in sede giudiziale[5] - susciterà roventi polemiche per via della feroce repressione antipartigiana compiuta dai fascisti in quelle zone: a titolo di esempio basti ricordare che nella sola frazione di Niccioleta, a Massa Marittima, tra il 13 ed il 14 giugno 1944 vennero passati per le armi 83 minatori." -fonte wikipedia-<br />
<br />
Enea Bartolini, antifascista e antirevisionista.

X Enea:<br />
Lavoro ammirevole direi...

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Perché ce l'avete tutti con craxi,che ha evitato all'Italia di stare nel terzo mondo,perché è facile infierire su un uomo che ha avuto il coraggio di rappresentare se stesso?Se non c'è il mostro da linciare ,non siete contenti,meglio se mos...ca bianca e indifeso ,la frustrazione è vigliacca.La massa è medioevale,è quella che lapida le adultere,quella che tira le monete,che assiste in piazza alle esecuzioni perché infelice con la propria persona.

Voglio vedere senza Craxi ,come si sarebbe vissuti,il preambolo erano i disastrosi,mesti,tragici ,'70.Basta,non discorro più,però non è possibile che Craxi sia innominabilkle,dovreste cospargervi ogni giorno dicenere di fronte a Craxi,nessuno vale nemmeno mezzomignolo ripsetto alui,siete proprio pecore,readical chic del pensiero unico,cioè poco consapevoli.

facile buttare fango dove non c'è contraddittorio:una vigliacata estrema...che avrebe fato craxi..io Di pietro porterei di filato davanti alla corte internazionale dell'aia .

La libertà non ha ragione di esistere ,se non è fonte di evluzione del'intelletto e pare non sia ciò,per nessuno,veramente nessuno.Cosa c'entarano Mangano e Carxi,assolutamente nula,ignorante non spararle se non sai.Questi sono miei estrati della pagina di facebook.Sono venti anni che è così,mi sono stufato di sopportare queste infamie,se qualcuno reeplica ,continuiamo finoa domani notte...magari è così suqallido che ,chi lo sa,minacia.Da ultimo pubblico una coa di cui non fregherà nulla nessuno,perché volete solo sistemare la realtà come se giocaste a soldatini e indiani,ci sono i soldatini e ci sono i pellerossa,i soldatini combatono i pelerossa o viceversa, tutti branchi ,comunque,Mi vengono in mente persone candide,esmpi di moralità com eil commissario calabresi che hanno pagato per gente come voi,massa medioevale.

Da "Lettere dal patibolo" (di Aldo Moro) Ed. Critica Sociale: "Caro Craxi, poiché ho colto, pur tra le notizie frammentarie che mi pervengono, una forte sensibilità umanitaria del tuo partito in questa dolorosa vicenda sono qui a scongiurarti di continuare, ed anzi accentuare la tua importante iniziativ...a...Ogni ora che passa potrebbe renderla vana ed allora io ti scongiuro di fare in ogni sede opportuna tutto il possibile sull’unica direzione giusta che non è quella della declamazione. Anche la Dc sembra non capire.Ti sarei grato se glielo spiegassi anche tu con l’urgenza che si richiede. Credi, non c’è un minuto da perdere. E io spero che o al San Rafael o al Partito questo mio scritto ti trovi. Mi pare tutto un po’ assurdo, ma quello che conta non è spiegare, ma, se si può fare qualcosa, di farlo.<br />
Grazie infinite ed affettuosi saluti<br />
Aldo Moro". (Lettera n.12 a Bettino Craxi)<br />
Dodici lettere,non una di approccio,dodici e forse più,non ostentate dal destinatario,mai,ma purtroppo...i poteri forti eistono e hanno organizzato ure contro Craxi tutto da dare da bere alla gente,tanto è facile plagiare le masse,informi.CMi 'spiace rappresentare solo me stesso,visto il riversamento di derisioni o anche minacce,mi iacerebbe che qualcuno prendesse un po' di coraggio,la neutralità è complicità

Intitolate a Senigallia una via aFalcone e Borsellino con l'adesivo Italia dei valori del complice morale di assassinio,oppure autore di tentato omicidio,Di Pietro,tentato omicidio qwquando interrogava citaristi,tesoriere Dc,75 anni all'epoca ,cardipopatico.Un massacro .Nonr non dirla con un altro verbo. vedete che ai montenovesi (manco sapete chi siano),non frega nulla né di queste cose,né di Magdi Allam?Allora non sporcate,pe

Vorrei ricordare a Tommaso che il suo"eroe" Bettino Craxi è stato uno dei politici collettori di tangenti più corrotti della Prima Repubblica, che trasformò il più vecchio partito d'Italia (di Pertini, Nenni, Turati,ecc.) in una combriccola di riccastri, puttane nani e ballerine, che è stato uno dei maggiori artefici dell'enorme debito pubblico che tuttora ci carichiamo sulle spalle, una persona che ha foraggiato dittatori sanguinari e terroristi, un politico di sinistra in affari con la P2,e il vero padre del conflito di interessi berlusconiano. Vogliamo dare un colpo di spugna a questo onorevole curriculum? Prego, accomodatevi.Per me è solo una trovata assai triste.<br />
Anche io combatto i revisionismi.

Abbiamo avuto il peggior partito socialista d'europa, una cricca di affaristi che hanno fatto lievitare il debito pubblico italiano all'inverosimile, un codardo che ha preferito volare via che affrontare e difendersi nei processi. Un privilegio tutto POLITICO che niente a che vedere con la vera natura del SOCIALISMO. Un SOCIALISTA che si è trasformato in piccolo MONARCA, che ha preferito chiudersi in silenzio che affrontare lo STATO che RAPPRESENTAVA.<br />
Si è comportato come un Brigatista qualunque e per salvare tutta la cricca, invece di piantare un bel casino e tirare dentro tutti, ha preferito l'omertà MAFIOSA. Quell'omertà che oggi ha aiutato il sistema a rimanere intatto, identico, cambiano solo le dinamiche delle mazzette, ma è sempre l'italiano "medio" e lasciarci il portafoglio.<br />

Oltretutto stupisce che l'inizativa di commemorare Craxi parta da un ex esponente del MSI. Nessuno si ricorda chenel '93, a tirare le monetine al Grande Latitante, c'erano anche alcuni camerati (Fini, Gasparri, Alemanno, ecc. ecc.)?<br />
Ma certo, la memoria è un privilegio che costoro non si possono permettere. Con rispetto parlando.

Complimenti Enea, bravo.<br />
Chissà se "Bello" c'ha capito qualcosa.... XD

bartolini ha semplicemente fatto un copia e incolla da wikipedia..che lavoro ammirevole

Scusate una domanda...ma con le varie "via Unione Sovietica, piazza Togliatti o largo Stalin" come vogliamo comportarci? L'Italia ne è piena....

Commento sconsigliato, leggilo comunque

è uno schifo anche quello, ma, personalmente, non aggiungerei schifo allo schifo.... Togliatti era il pupillo dell'unione sovietica e, non nonostante il partito comunista italiano era diverso da quello sovietico (qui nessuno può dire il contrario), Togliatti era il burattino di MOSCA e prendeva SOLDI SPORCHI DI SANGUE.<br />
<br />
Personalmente sono contrario a dedicare strade ad assassini, mafiosi, ladri, pedofili (tranne se il Ladro è Robin Hood, che rubava ai ricchi per dare ai poveri ma il cinghialino Craxi rubava ai poveri per spartirselo con i ricchi).<br />

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Sempre peggio!!!<br />
Non ci sono commenti per una cosa del genere.<br />
Non bastava la sofferenza di tante persone che ancora pagano per gli errori e/o ORRORI di queste persone INNOMINABILI, ma diventano pietre miliari.<br />
I politici che hanno fatto del bene al paese sono pochi e bastano quelli, altri nomi, sia di destra che di sinistra sono una pietà!!!

Appunto,jimmi Fontana...ma sei il giocatore del'ancona ed ex allenatore dela vigor?Io non replico a cavolate ,cavolate,cavolate,di chi invidia chi si è affffrancato dal pensiero unico e lo ha delegittimato questo pensiero unico,chi ha evoluto un paese.Non so cosa replicare a parole a vanvera.Se una cosa e bianva e uno sostienje che è nera io cosa devo dire...ponte stalingrao,viale lenin....devo dire comunisti,chius qua..deo.voglio dire che siete dei comunisti massimalisti egiustizialisti...craxi lo avreste mandato amorte,perché ha violato il vostro o,non esite comunisto positivo,pensiero.Comunisti,non c'è altra definizione,comunisti da cortina di ferro,comunismo e valori sono due contrapposti,comunisti che hanno cambiato nome,non sapete nemeno di xosa parlate,massa medioevale .Sfogate solo sul prossimo i vostri compolessi.

Dite tutti la stessacosa,che cavolo state a commentare,siete solo delleentità evanescenti.

Nulla da dire a chi non vede perché non vuole vedere o pensare,perché gli piace bersele le papardele,tanto per farlo,tanto perché così nel vulaggio si dice e tutti lo ripetono a pappagallo.Il villaggio è il provincialismo italiano,fenomeno che porta la gente a (non)ragionare per comparti stagni per deresponsabilizzare la propria mente e quindi la propria coscienza,il bisogno di prendere l qualcuno per sfogarsi,parlare male di nemici e dei loro boia.Traattasi di persona che ha preferito morire piuttosto che rientrar fra il popolino con lo status ,coll timbro a fuoco di delinquente comune. Guardate la televisione in pantofole,commentate due parole su ciò che vedi e sentite,seguite le direttive che vi impartiscono, e poi la sera andate a letto.Nelle coop rosse emiliane c'è un disgustoso sistema gerarchico,per lo meno era così venti anni fa,me lo ha detto chi compra il manifesto e ci ha lavorato,a Bologna,in una copp,e prendeva ordini da un bulletto figlio di papaà,ordini gratuiti,per autoritarismo gratuito e frustrato.L'uomo italiano ignavo,che ha creato uno stato vuoto,perché la società ,il modo in cui funziona,è sempre i risultao della volontata,stre massacrà dei propri componenti.La snistra dovrebbe essere strapazzata verbalmente ogni giorno per il proprio ruderismo conservativo più che rude(quello che ha più da dire su Craxi è D'Alema,con la sua mefistofelica aria sufficiente,che da giovane teneva il ritratto dI Stalin nel suo ufficio,giovane,ma già navigato e laido,che prende capi di organizzazioni teroristiche a braccetto,da minstro ddegli esteri,perché antisionista di maniera.io sono antisionista per sostanza(fra parentesi,un quarto del sangue mio è ebreo,fra parentesi,come l'interesse concreto di Craxi è stato sempre verso i deboli,verso la popolazione comune,in palestina.come si fa a sostenere Israele(atroci i tempi di Shamir,di sabra e Chatila),uno stato spacciato per civile,che è fanaticamente teocratico,affamatore,opprressore,sterminatore,figlio di u non senso,quello del diritto ad essere depositari non si sa di che osa,il resto del mondo no esiste,può anche scomparire,pe i sionisti(che praticano anche riti religiosi fanatici e rigorosi,comunque per me la religione come insieme di regole e di verità imposte da altri,non esiste ,non c'è, e c'è da preoccuparsi ddelle cose che succedono in Italia al contrario di quelo che penso io,di iniziative come quella di magdi allam,piuttosto che di Craxi.Craxi è morto,nessuno più lo rapresenta,il craxismo non torna,quindi non vedo perché continuare ad in fierire e non vedo perché,seppur discutibile moralmente,si protesta per una via dedicata a Fabrizio Quattrocchi,persona brutalmente assassinata senza nessuna colpa e che ha dimostrato coraggio, ha voluto laciare a noi un messaggio,comunque:una vita vale per quello che è,non per quanto dura(faccio tutti gli scongiuri in uso),altrimenti non è una vita.Qualcosa lo si può sempre mettere in circolo.<br />
Cosa dire,l'uomo,purtroppo,viene lasciato al suo destino,perché è quelrita,è una civiltà che non si è voluta congenitamente sviluppare ,quella umana.Non interessa.

http://www.youtube.com/watch?v=SIGg4Scs_B8.io mi metto in discussione,anche se tracvaglio dice quello che vuole e omette quello che vuole.Ormai,poi ,è di moda sparare balle.la civiltà del pensiero è inesistente.

Attenti agli ipnotizzatori,travaglio,ma voi li vlete gli ipnotizzatori,vi piaciono, sono l'emanazione della vostra volontà.

è vero che a Milano,negli anni '80,la situazione era raccapricciante,me lo diceva chchi ci viveva,ma tan te sfum,ature bisogna guardare nelle cose,per esempioo l'idea di un progressismo trasversale,senza Craxi,non sarebbe passata.Emettete giudizi storici da asini in storia,da sini da zero spaccato ,perché violenti oscurantisti.

Come sempre la verità sta nel mezzo. Io distinguerei tra l'Almirante di prima della repubblica e quello dopo il 1945. Non c'è dubbio che sia stato un protagonista convinto della vergogna del fascismo, ma non possiamo negargli l'onesta intellettuale di non essersi nascosto dentro la democrazia cristiana, come invece hanno fatto tanti altri suoi coetanei. Perlomeno ha sempre mostrato onestà intellettuale. Per quanto riguarda craxi, stendiamoci un velo pietoso. Ci si dovrebbe vergognare che sia stato un cittadino italiano, incarnava perfettamente il ruolo del dittatorello del centro america, tanto che ci ha lasciato in eredità il suo sodale, cav. banana, che piace a tanti italiani. tambroni e, perchè no, anche scelba cercarono di riportare l'italia sotto la dittatura. Qualcuno si ricorda i morti di genova o reggio emilia? altro che bolzaneto. A questi figuri si voglion intitolare vie e piazze? ma fateci il piacere. A quanti paragonano togliatti agli altri, vorrei ricordare, per amore di storia, che durante la seconda guerra mondiale almeno lui stava dalla parte giusta. Dopo la guerra se in italia si cominciò a respirare aria più pulita, lo si deve anche a lui, come a tutti gli altri che la liberazione la vissero da protagonisti. Esere anticomunisti non vuol dire doversi per forza bere il cervello.

Densamente annuvolate,più che nebulose.

ora ho disgraziamente scoperto che siste pure viveresenigallia facebook,dove si possono lasciare commenti e pure immediati,capirai...:).Se un motore fa 2000 km al giorno,un po' è provato,fuma,dopo.Comunque,mi autolodo per l'impegno,la buona volontà,il non timore di ciò che dico e co<br />
me lo dico,è più importante cercare di smouovere la gente,cercare di portarla sul terreno razionale,diciamo,analitico,non fazioso,poi ognuno ha le sue idee,però le analisi sono tali in quanto per definizione sono nalisi a 360 gradi,è inutile strimpelare.Io non ho voglia di scrivere un articolo di analisi politica,sono stanco,buto spunti qua e là,secondo me non ovvi,poi se uno interessato,va a documentarsi.C'è un link,un intervento di marco travagli su anno zero,almeno quello è un intervento basato su una prosa pulita che non ha come oggetto solo il craxismo e nemmeno il '932 in sé,pregherei che venbisse pubblicato quel link che ho lasciato,lo rimetto.<br />
http://www.youtube.com/watch?v=SIGg4Scs_B8

Calabresi,Biagi,D'antona,Pio La Torre,Giuseppe Impastato,Callipari,oltre ovvimanete a Falcone e Borselino:quasi tutti questi assassinati dallo stato,una via a loro ,per ognuno di loro dovrebbero esserci tante vie sparse per l'Italia.Questi sono personaggi indiscutibilmente immacolati:la legge Biagi non c'entra nulla con la legge Maroni.Non comanda la politica,non lo volete capire,questo?nessun governo comanda.

Placido Rizzzotto,sapete chi è?Conoscete le tante vittime ,in Sicilia,delle lotte sindacali contro la mafia latifondista,massacrate?Eppure siete tutti in età più di me,credo.

Off-topic

Ho un libro di Walter Veltroni dedicato alla figuracasa, di Robert Kennedy, asjaqueline,morta triste,molto triste.ipeto ,di spessore incredibile,lo si notava dala sua postura retta così affascinante e da quei lineamenti e modi così aristocratici di sassinato prima di diventare presidente,da Cia,solite cose...come John...grandissima figura umana,nonostante le sue connivenze:ispiratore di forte ideali,uomo ,mi r

Off-topic

Parlando in modo propositivo e non lapidatorio,mi soffermo sul presente: c'è un vuoto,morale,sociale,reazionario,conservatore,un nulla di materia.<br />
Nonmi riconosco in tutte le cose che pensa Niki Vendola;è ,altresì,l'unico vero leader positivamente rivoluzionario che l'Italia può avre e a tal fne serve un 'asociazione del PD a lui,per "stemperare" certe impostizioni,insomma ,uno sdoganamento che i pugliesi,per due volte ,hano già operato nei confronti di una persona che è stata giudicta per quello che dice e fa,:mi inquietala sua così forte,fanatica,passionalità,ma la ricetta è solo questa,altre cose sono solo niente.L'unico leader politico italiano.Non credo sia così stupido da mettersi nei guai come fece Allende,dando troppa retta a Fidel castro.Un leader morale,vVendola e un amministratore ruieletto,contro lo status quo del centro sinistra autolesionista.

Commento sconsigliato, leggilo comunque