x

SEI IN > VIVERE JESI > POLITICA
comunicato stampa

Prc, spazi di libertà e diritto di parola di fronte all’uso politico e strumentale della crisi

2' di lettura
847
da PRC Jesi

prc

Di fronte all’uso politico e strumentale della crisi economica e alle sue ricadute sociali negative, dovrebbero aumentare gli strumenti e gli spazi di partecipazione, informazione, socialità a disposizione della collettività. Questo almeno dovrebbe essere in una società che si dice democratica, specie se governata da forze di centro-sinistra, almeno a livello locale. Purtroppo così non è.

L’amministrazione comunale, troppo impegnata nelle sue diatribe interne, da tempo non fa altro che mettere in vendita spazi di socialità (Via Politi e San Martino), bloccarli in una ristrutturazione infinita (Ex-carceri e Giardini Sacco e Vanzetti), o addirittura toglierli (bacheche pubbliche dell’Arco del Magistrato e in Piazza Federico II).

Il Palazzo dei Convegni è sempre meno accessibile per iniziative pubbliche che non siano prenotate con mesi di anticipo, e la stessa Piazza della Repubblica non prevede l’uso dell’elettricità a chi voglia far sentire la sua voce. La possibilità di affiggere un manifesto, distribuire un volantino, organizzare un dibattito o valorizzare i luoghi di socialità presenti da tempo in città sono necessità che devono essere mantenute e potenziate, e l’Amministrazione Comunale deve dare delle risposte su quanto descritto.

In merito consideriamo importante e necessario riprendere un percorso ampio ed aperto avviato anni fa in tema di spazi di aggregazione e di controinformazione, per costruire un percorso reale di partecipazione dal basso ai bisogni della città, aperto all’associazionismo e ai gruppi politici, contro qualsiasi scelta istituzionale che limiti o condizioni le libertà di espressione collettiva ed individuale. Vogliamo che si possa continuare a dare parola ai diritti e spazi alle libertà, come tutto un mondo di individui e gruppi, spesso diversi fra loro, da anni fa in città, fuori dagli intrighi, dagli interessi o dalle negligenze del palazzo.

Partito della Rifondazione Comunista Circolo “Karl Marx” – Jesi

Federazione Anarchica italiana Sez. “Michele Bakunin” – Jesi

Associazione Brigate di Solidarietà Attiva – Marche

Comitato Diritti e Lavoro

Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”

Partito dei Carc - Jesi

Qui Jesi Libera

Associazione musicale Valvolare

www.Jesiattiva.org



prc

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-07-2010 alle 17:50 sul giornale del 29 luglio 2010 - 847 letture