UdC contro Belcecchi: 'Che fine hanno fatto le promesse elettorali?'

UDC 2' di lettura 11/09/2010 -

"Il Palazzo, cieco e sordo, non risponde. Eppure in campagna elettorale lo slogan del candidato sindaco Belcecchi recitava: i cittadini, con le loro esigenze, i loro bisogni e le loro aspettative sono stati e saranno al centro della nostra azione politica ed amministrativa". Queste alcune delle parole di una nota stampa diffusa in questi giorni dall'UdC di Jesi.



"Questa amministrazione in un luogo dice una cosa e poi si comporta in maniera esattamente contraria - continua la nota con riferimento al Parco del Vallato e l'UdC si scaglia anche contro il PD - Bornigia forse non sa, o fa finta di non sapere, delle tante e varie riunioni tenutesi sulla questione Parco del Vallato, delle varie e tante delibere di Giunta adottate, di un percorso democratico che aveva coinvolto la Circoscrizione, il Comitato del Parco del Vallato e tanti cittadini interessati, fino alla famosa riunione tenutasi nell’aula consiliare nel novembre 2009 alla presenza del presidente di Commissione Binci – oggi capogruppo in Consiglio Comunale del Pd – dell’assessore ai lavori pubblici Tonelli, dei rappresentanti di alcune ditte che hanno sponsorizzato economicamente il progetto del Parco del Vallato, che all’unanimità avevano ascoltato e condiviso la presentazione dell’architetto Morgante per la realizzazione dell’opera, dove specificatamente e ben marcata era emersa la presenza di nessuna strada all’interno del Parco".

Molto duri i centristi jesini contro il Sindaco democratico, una nota stampa che non lascia speranze ad eventuali larghe alleanze come per per le passate elezioni regionali.

"Ora Bornigia vuol cambiare le carte in tavola forse per favorire qualcuno, forse perché il pressappochismo e la scarsa considerazione del suo partito nei confronti dei cittadini di Jesi è totale come totalmente negativa è la politica del Sindaco Belcecchi nella crescita di una città che sta andando alla deriva in tutto. - continua nell'attacco l'Unione di Centro, che poi consiglia - L’unica cosa che l’accoppiata Belcecchi – Bornigia farebbe bene a fare, per il bene di Jesi, è accelerare il progetto Morgante a completa attuazione del Parco, che ricordiamo è finanziato a scomputo di Oneri di Urbanizzazione, che eventualmente la ditta esecutrice doveva versare ben quattro anni fa nelle casse del Comune di Jesi (oltre 350 mila euro), e poi compiere un atto che tutta Jesi condividerebbe fino ad applaudire, forse anche fino a brindare e festeggiare, e cioè dimettersi e lasciare spazio al Commissario fino a nuove elezioni".

Nelle ultime due righe una stoccata che non tende la mano all'opposta fazione: "Finché si è in tempo avete il coraggio di fermarmi e di riflettere su come avete ridotto la nostra e speriamo anche vostra Jesi".






Questo è un articolo pubblicato il 11-09-2010 alle 17:03 sul giornale del 13 settembre 2010 - 852 letture

In questo articolo si parla di udc, politica, jesi, alberto bartozzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/b26