x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
articolo

Chiaravalle: Mannarini, la scuola- palestra di formazione

2' di lettura
1131
di Sudani Scarpini
redazione@viverejesi.it

scuola|

Gabriele Mannarini, ex dirigente D.C., riflette su un grande tema che lo tocca da vicino: la scuola. Mannarini ricorda ancora quando il figlio frequentava le scuole medie a Falconara -scuola Ferraris- e lui fu eletto nel Consiglio d'Istituto, organi scolastici, membro della Presidenza, rappresentanza dei genitori con tante preferenze da parte degli altri genitori.

"Giovane è sinonimo di studente, è la scuola infatti, dopo la famiglia, l'altra grande istituzione che forma-plasma la nostra personalità e sviluppa le nostre capacità e attitudini, ed è appunto nella scuola, a tutti i livelli, che gli studenti ed i gentori- dice Mannarini-devono far sentire il loro impulso propositivo ed innovativo. Quanti sono chiamati a far parte di certi organismi istituzionali scolastici devono - a mio avviso- avere idee precise su cosa significa per tutti noi 'scuola'.

A tal fine -continua l'ex dirigente D.C. Gabriele Mannarini- si può sintetizzare su tre punti:

1-Dialogo dell'educazione: consiste nell'incontro con altri soggetti i quali hanno, in fatto di educazione, idee diverse al punto da non poterle condividere perchè ritenute dannose ai propri figli, quindi nella scuola si deve avere chiarezza riguardo alle proprie idee, franchezza nell'esporle e motivarle, fermezza nel proporle e sostenerle.

2-Solidarietà nell'educazione: è la capacità di presenza unita nella testimonianza di certi valori educativi ritenuti irrinunciabili.

3-Organizzazione e strutture: indispensabile per la funzionalità della scuola. Gli organismi: consiglio di interclasse, consiglio di circolo, consiglio di istituto, genitori, alunni e corpo insegnante. I quali vi siano collaborazione, armonia per il corretto funzionamento e per il miglio sviluppo della vita scolastica.

La struttura senza il rapporto umano, rimane sterile. L'amicizia, la lealtà, il rispetto della persona umana verso un progresso che non sia alienante ma a misura di uomo e delle sue esigenze, significa appunto- conclude Mannarini- riproporre dei valori cardine della nostra cultura. E' significativo un passo che esorta la famiglia e il dovere di essere genitori e per noi cattolici ciò è essenziale (dalla esortazione Apostolica di Papa Giovanni Paolo II- la Famiglia ha la missione di diventare sempre più quello che è, ossia comunità di vita e di amore, in una tensione che come per ogni realtà, troverà il suo compito nel Regno di Dio, la partecipazione alla vita e alla missione della Chiesa)".



scuola|

Questo è un articolo pubblicato il 13-09-2010 alle 19:33 sul giornale del 14 settembre 2010 - 1131 letture