Ecco il monumento a Giovan Battista Pergolesi fresco di restauro

Graziosi, Lasca, Olivi, Campo, Mozzoni, Vilizzi 13/09/2010 -

Continuano i festeggiamenti e gli omaggi che Jesi offre a uno dei suoi personaggi più rinomati: Giovan Battista Pergolesi, compositore, violinista e organista, nato nel 1710 proprio a Jesi.



In concomitanza alle Celebrazioni Pergolesiane organizzate dalla Fondazione Pergolesi Spontini, il Lions Club di Jesi e l'Assessorato ai Progetti Speciali e al Turismo del Comune di Jesi hanno deciso di rendere omaggio al compositore jesino restaurando il monumento per lui eretto ben 100 anni fa grazie al lavoro dello scultore Alessandro Lazzarini. "L'opera- spiega Loretta Mozzoni, direttrice della Pinacoteca di Jesi- è l'unico monumento a Jesi con qualche qualità artistica. Mostra le figure allegoriche del Canto tramite una figura femminile e del Suono tramite un ragazzo che suona il violino. Al vertice c'è Pergolesi che batte il tempo con le dita. Nel retro un amorino che veglia su una donna morta, probabilmente Teresa Spinelli morta d'amore per Pergolesi".

Il monumento, restaurato dall'architetto Massimo Ippoliti, ha visto l'inizio dei lavori lo scorso luglio e l'architetto ha definito l'intervento come uno "tra i più scorrevoli effettuati:la pulitura del soggetto ha avuto forte intensità in quanto la resina dei pini attorno alla statua ha reso adesivo lo sporco. Ora il monumento sembra quasi nuovo". La novità di questo recupero è il ritorno dell'acqua all'interno della fontana e il gioco scenografico delle luci installate attorno alla statua, "il tutto con un'attenzione ambientale ed energetica- sottolinea l'Assessore ai Progetti Speciali Daniele Olivi-l'acqua sarà infatti a circolo chiuso".

Domenica 19 settembre alle 18 verrà scoperto, quindi, il monumento in Piazza Pergolesi. "Avremo anche il corpo dei carabinieri in alta uniforme proprio come cento anni fa- riferisce Olivi-La festa continuerà poi nella Chiesa di San Nicolò dove sarà proiettato il video 'A spasso con Pergolesi', realizzato dalla Costess new Media di Jesi."

Ma la festa non finisce qui. "Alle 21,30 sempre nella chiesa di San Nicolò-fa sapere Leonardo Lasca, Assessore alla Cultura-si terrà il concerto di musiche pergolesiane organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi." William Graziosi, Amministratore Delegato della Fondazione Pergolesi Spontini, precisa che verrà recitato un Monologo Pergolesiano e ricorda l'importanza della presenza il 25 settembre di Abbado che "torna a Jesi per la seconda volta quest'anno e abbiamo prenotazioni da tutto il mondo".

Un ringraziamento speciale va al Lions Club di Jesi, rappresentato dal Presidente Michele Campo, che ha stanziato 11mila euro per la restaurazione del monumento. "Prendere attivo interesse al bene civico, culturale, sociale e morale della comunità- riferisce il Presidente-è uno tra gli scopi primari del Lions Club che così cerca di lanciare un messaggio ai giovani sulla casa che si trovano ad abitare."

Come ogni inaugurazione che si rispetti si brinderà e sarà offerto un rinfresco a tutti i presenti offerto dal Panificio Martellini e dalla Montecappone Vini che per l'occasione ha creato il 'Pergolesi a.d.1710', vino rosato adatto a tutto pasto.








Questo è un articolo pubblicato il 13-09-2010 alle 14:10 sul giornale del 14 settembre 2010 - 1830 letture

In questo articolo si parla di cultura, ilaria cofanelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/b46