Quantcast

Chiaravalle: incendio all'Eurostock, svolta nelle indagini. C'è un indagato

incendio eurostock chiaravalle 1' di lettura 21/09/2010 -

Non si sono ancora chiuse le indagini preliminari ma c'è già un colpo di scena. L'incendio che ha distrutto il deposito merci dell'Eurostock di Chiaravalle lo scorso 18 giugno sarebbe di origine dolosa. Un uomo sembra essere finito al centro delle indagini.



Le indiscrezioni sono trapelate nelle ultime ore. La Procura ha aperto un fascicolo per incendio doloso e un soggetto sarebbe già sottoposto ad indagine.

L'incendio dello scorso 18 giugno si è propagato dai magazzini, divampando grazie alla presenza di materiale plastico e altamente infiammabile. Le fiamme hanno anche raggiunto il quadro elettrico, provocando una esplosione che ha letteralmente fatto crollare una parte del tetto.

In un primo momento gli inquirenti hanno seguito diverse piste, da quella del racket a quella dell'avvertimento, piste che portavano comunque all'incendio doloso. Nelle ultime ore si è aperta la strada del rapporto con i dipendenti. Le indagini infatti si sarebbero concentrate su un dipendente di una ditta di Ancona, fornitrice dell'Eurostock, da mesi in conflitto proprio con i "colleghi" di Chiaravalle.






Questo è un articolo pubblicato il 21-09-2010 alle 11:42 sul giornale del 22 settembre 2010 - 851 letture

In questo articolo si parla di attualità, incendio, riccardo silvi, chiaravalle, eurostock

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cmE





logoEV
logoEV