Treia: carte di credito clonate, arrestati i falsificatori grazie ad un commerciante jesino

carta di credito 21/09/2010 -

I Carabinieri di Jesi, a seguito di una segnalazione da parte di un commerciante di elettronica del posto che segnalava carte di credito clonate, hanno avviato le indagini ed arrestato in flagranza di reato i due responsabili.



N.N., rumeno di 23 anni che aveva un documento di identità falso, ed il connazionale V.A. di 28 anni, in possesso di un documento rubato a Parma, sono stati tratti in arresto a Treia per i reati di falsificazione di documenti e carte di credito emesse da banche estere.

I due rumeni, che avevano tentato di acquistare presso il negozio del commerciante jesino merce per 800 euro con una carta di credito estero senza esito, avevano trasformato ad insaputa del proprietario un agriturismo di Treia in un vero e proprio laboratorio. All'interno della struttura, in cui vivevano con altri connazionali, i due rumeni avevano tutto l'occorrente per la falsificazione delle carte: stampanti, plastificatrici e diversi computer.






Questo è un articolo pubblicato il 21-09-2010 alle 19:41 sul giornale del 22 settembre 2010 - 1151 letture

In questo articolo si parla di cronaca, jesi, treia, carta di credito, Sudani Alice Scarpini, carabinieri di jesi, carte di credito false

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cpf