x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

I Servizi Pubblici Locali al centro del dibattito del Pd

1' di lettura
961
dal Partito Democratico
Provincia di Ancona

partito democratico

Nei giorni scorsi si è svolta alla Casa del Popolo di Jesi una riunione del PD provinciale sulla gestione dei servizi pubblici locali in provincia di Ancona.

Alla riunione convocata dal Segretario provinciale PD Emanuele Lodolini hanno partecipato Sindaci e Amministratori PD. Presenti il vice Presidente della Provincia Giancarlo Sagramola, la Presidente del’AATO Marisa Abbondanzieri e il Presidente di AnconAmbiente Lino Secchi. Ad introdurre i lavori la relazione di Ferdinando Avenali Presidente Multiservizi.

I servizi pubblici locali, anche per la loro rilevanza economica, sono una delle leve per migliorare la qualità ambientale e sociale dei territori e delle città, sono un’opportunità di investimento, di lavoro e di innovazione. Entrano nella vita quotidiana di famiglie e imprese, svolgono un essenziale ruolo sociale. Possono contribuire a rafforzare, coi loro sistemi a rete, le infrastrutture, le relazioni tra territori e la collaborazione tra le comunità.

Il PD considera politicamente Strategico per le nostre Comunità affrontare il grande tema dei Servizi Pubblici Locali con un disegno politico ma anche gestionale per erogare servizi di qualità appropriati alle esigenze dei cittadini ed a costi sostenibili in un giusto equilibrio tra costi del servizio, qualità del servizio ed investimenti da realizzare per i necessari miglioramenti e la tutela del bene collettivo.

Per superare la forte polverizzazione dei soggetti gestori in tutte le Marche occorre attrezzarsi per: 1. fare una unica Holding che gestisce tutte le società di acqua-gas-rifiuti a livello regionale 2. partire in tempi brevi con un processo di aggregazione nella provincia di Ancona (acqua-gas-rifiuti) per stimolare questo processo e diventare un interlocutore forte a livello regionale



partito democratico

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2010 alle 12:25 sul giornale del 23 settembre 2010 - 961 letture