x

SEI IN > VIVERE JESI > ECONOMIA
articolo

Inaugurata La Rotonda, nuovo ritrovo per i buongustai jesini

3' di lettura
1722
di Paolo Picci
redazione@viverejesi.it

Giovedì 23 settembre sarà una data da ricordare per i gourmet di Jesi e dintorni. Presso il complesso del Federico II è stato inaugurato infatti il nuovissimo lounge restaurant “La Rotonda”.

In una splendida sala arredata con gusto e raffinatezza i fortunati invitati hanno potuto apprezzare in anteprima alcuni dei piatti che sarà possibile gustare presso il ristorante. L’inaugurazione di una location come questa dimostra che se ci sono la volontà ed il coraggio necessari, uniti alle capacità manageriali e tecniche, anche in questi periodi di crisi economica è possibile investire ed avviare business che non possono che aver ricadute positive sul territorio e sulla popolazione che lo abita.

Ne parliamo con il General Manager, Andrea Ferrari Acciajoli, che si trova a gestire questa nuova avventura.

Nonostante io sia qui solo da gennaio del 2010 posso dire che fin dal 1985, anno in cui ha preso il via la struttura con l’Hotel Federico II, i progressi si sono succeduti con regolarità, anche con investimenti rilevanti, ricordando il centro benessere e la piscina con l’acquagym che hanno aperto nell’ultimo anno e mezzo. Quindi c’è sempre stata la predisposizione a far crescere il complesso ricettivo negli anni. Questo del ristorante è l’ultimo passo che abbiamo deciso di fare perché reputiamo il periodo estremamente idoneo in quanto in un momento di crisi e sofferenza si sente il bisogno di un rilancio, in particolar modo proprio per la gastronomia, che sappiamo tutti essere strettamente collegata al territorio ed alle sue tradizioni. L’esigenza principale è stata quella di dare un grosso input alla clientela in primo luogo di Jesi ma non solo, rivolgendoci anche al territorio circostante, al quale ci vogliamo riferire per dare il nostro apporto concreto.”

Con quali propositi volete collocarvi nello scenario economico e della ricettività del territorio?

La nostra prospettiva è quella di essere uno dei principali ristoranti di riferimento della città, cercando di alzare il livello complessivo ristorativo a Jesi che secondo me è importantissimo fare. Abbiamo l’esempio di alcune città limitrofe, con Senigallia in testa, che hanno alberghi e ristoranti di primo ordine.
Vogliamo quindi cercare di portare anche Jesi ad essere una realtà gastronomicamente importante. Ho avuto la fortuna di trovare uno staff eccezionale, tutte persone del posto, con la conoscenza approfondita della cultura jesina in particolare, che per me è fondamentale. Questo fatto è stato per me un vantaggio enorme perché non essendo io del luogo ho ricevuto da parte loro un supporto notevol
e”.

Il territorio jesino può così contare su un nuovo importante punto di riferimento che apporterà beneficio al turismo enogastronomico, che tanto successo sta riscuotendo, valorizzando i piatti genuini e semplici, ma al contempo gustosi e raffinati, dell’arte culinaria dell’entroterra marchigiano. Una freccia in più nell’arco del gusto made in Italy.



... Andrea Ferrari Acciajoli


Questo è un articolo pubblicato il 25-09-2010 alle 00:05 sul giornale del 25 settembre 2010 - 1722 letture