Cupramontana: il futuro dell'enologia marchigiana racchiuso nel binomio vitigno-territorio

vino rosso 27/09/2010 -

“Il futuro del nostro vino è legato alla capacità di concentrare la produzione e di sfruttare le opportunità offerte dall’Unione Europea per il settore vitivinicolo. In altre parole, non più fondi destinati a distruggere impianti, ma risorse finalizzate a promuovere e a far conoscere i nostri vini nel mondo, mettendo in risalto il vitigno ed il territorio”.



Secondo Alberto Mazzoni, Direttore di I.M.T.-Istituto Marchigiano di Tutela Vini, è questo il binomio vincente “destinato ad avere successo, tanto più quanto sapremo spiegare le specificità e le peculiarità dei nostri prodotti!”. Un messaggio molto chiaro, scaturito dal convegno svoltosi a Cupramontana per illustrare “risultati, obiettivi e strategie” dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini, il consorzio presieduto da Giancarlo Garofoli che si è costituito nel 1999 e che oggi può contare su circa 1200 viticoltori associati delle Province di Ancona, Macerata e Pesaro-Urbino, i quali rappresentano una massa critica pari ad oltre il 90% del vino esportato dalla nostra regione.

Dopo i saluti di Fabio Fazi, Sindaco di Cupramontana, e di Doriano Marchetti, vicepresidente di I.M.T., Mazzoni ha illustrato il ruolo strategico del consorzio tra presente e futuro, sottolineando che “l’Istituto Marchigiano di Tutela Vini è divenuto il perno intorno al quale ruota tutta l’attività promozionale del settore vitivinicolo il quale, ora più che mai, ha bisogno di un forte aiuto per poter penetrare sui mercati, soprattutto terzi, nei quali i singoli produttori, da soli, non potrebbero mai emergere!”.

Al confronto, moderato dal giornalista Angelo Serri, hanno partecipato anche i responsabili per le Marche di due prestigiose guide: Pierpaolo Rastelli per la Guida ai Vini d’Italia, del Gambero Rosso Editore, e Francesco Quercetti per Slow Wine, la guida di Slow Food Editore. Al termine dell’incontro è stato conferito il premio “Medagliere del Verdicchio” alle aziende che nel 2009 hanno ottenuto significativi riconoscimenti dalle principali guide di settore. In questa edizione, ben undici i produttori che si sono aggiudicati la medaglia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-09-2010 alle 19:34 sul giornale del 28 settembre 2010 - 1125 letture

In questo articolo si parla di attualità, vino, cupramontana, Istituto Marchigiano di Tutela Vini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cC3





logoEV