contatori statistiche

Cercaci: Stop ad degrado. Qualcosa sta cambiando a Jesi, grazie ai cittadini

Jesi, piazza 3' di lettura 01/10/2010 -

Nel pomeriggio di giovedì 30 settembre, si è tenuto presso i locali della prima Circoscrizione Centro un consiglio convocato dalla Presidente della Commissione ‘Quartiere Via Roma’ della 1^Circoscrizione, Chiara Cercaci.



La novità è che stavolta, oltre ad esserci gli “ eletti”, cioè il Presidente della Commissione,
il vice-presidente Italo Pierelli e il Presidente di Circoscrizione, Roberto Vecci, vi era una folta rappresentanza di circa 40 persone residenti nel quartiere Via Roma, i cui animi subito si sono accesi a causa delle tante difficoltà che da decenni sopportano per i problemi che affliggono il quartiere, uno dei più importanti e storici di Jesi, biglietto da visita della città con l’ Arco Clementino che domina.

Ma quegli animi si sono poi confortati per essere stati finalmente ascoltati dai rappresentanti della Circoscrizione, lamentando che, al contrario, i nostri amministratori comunali mai hanno risposto alle loro seppur minime richieste o domande (a volte in forma scritta) nonostante non riguardassero ambiziosi progetti quanto la sistemazione di una buca stradale piuttosto che l’ allagamento di alcuni garages privati durante le piogge autunnali magari dovuti alla chiusura di una caditoia.

Questi gli argomenti discussi che il Presidente Chiara Cercaci porterà sulle scrivanie del Sindaco e dei competenti Assessori:
degrado di strade e marciapiedi dissestati, malamente rattoppati e bucati con la urgente necessità di eliminare le barriere architettoniche ancora oggi presenti, ostacoli che impediscono, limitano la vita a persone disabili, temporaneamente o permanentemente e a mamme e papà con carrozzine;
illuminazione scarsa ed obsoleta, soprattutto nelle ore notturne, a tratti inesistente;
mancanza di pulizia delle caditoie, colme di fogliame, rifiuti, carta e altra sporcizia;
attraversamenti pedonali pericolosi sia per la loro collocazione sia perché quasi invisibili, spesso carenti di segnaletica a rischio dei pedoni stessi che li percorrono;
aumentato traffico fin dalle prime ore del giorno, auto ma soprattutto tantissime corriere che utilizzano giornalmente Via Veneto (la continuazione di Via Roma), come ritrovo e parcheggio scambiatore, regalando inquinamento acustico e atmosferico con odori nauseanti a chi ci abita;
difficoltà ed incoerenze nell’ effettuare la raccolta differenziata, che pur si vorrebbe fare correttamente proprio per la validità del progetto in sé, ma poi le aree verdi sono piene di sacchetti di immondizia abbandonate lì;
una pista ciclabile quella dietro Via Roma dalle condizioni misere, sporche, abbandonate ed impraticabili che ne ostacolano il passaggio a ciclisti e pedoni;
mancanza di sicurezza e senso di solitudine in cui vivono e si sentono i cittadini che abitano il quartiere laddove spesso vi sono zone al buio, con siringhe sparse sulla strada, magari vicino la scuola territoriale, teppisti prepotenti e sfrontati di cui aver paura: che fine ha fatto il poliziotto di quartiere?


E’ per tutto questo che il presidente di Commissione Cercaci ha rassicurato le persone intervenute al consiglio sul fatto che ci saranno nuovi e vicini incontri con la cittadinanza, per portare tutti insieme le problematiche e le carenze della città all’ attenzione degli amministratori comunali competenti.
Una sorta di progetto condiviso con i residenti per ascoltare la voce di ognuno ed attuare quel virtuoso e buon sistema chiamato CITTADINANZA ATTIVA.
Il Municipio ringrazierà.


da Chiara Cercaci

Circoscrizione Jesi Centro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2010 alle 19:51 sul giornale del 02 ottobre 2010 - 791 letture

In questo articolo si parla di politica, Chiara Cercaci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cPF





logoEV
logoEV