Complanare, comitato: 'Si apre un nuovo capitolo'

complanare 2' di lettura 08/10/2010 -

In data 6 ottobre, giorno in cui la casa di via xxv Aprile, civico 20/22 , simbolo della nostra battaglia, era condannata a cedere e sparire sotto i morsi delle enormi “pinze” meccaniche, una notizia confortante è giunta in serata dal Tribunale Amministrativo delle Marche che, in sede di dibattimento, ha rinviato ad altra data la discussione dei ricorsi presentati dal comitato contro Società Autostrade ed altri, relativamente ai provvedimenti di approvazione dei progetti di ampliamento della terza corsia dell’A14 e delle bretelle di collegamento.



Ai fini della decisione, sono stati richiesti, infatti, ulteriori documenti utili a far luce sui provvedimenti di approvazione dei progetti definitivi ed esecutivi.

La fila ininterrotta di progetti di cui a tutt’oggi non si sa quale sia quello di riferimento, una Valutazione di Impatto Ambientale riferita ad un progetto ormai datato, l’immissione in possesso per pubblica utilità basato su di un Progetto Definitivo superato, ecc…: tutti questi elementi hanno evidentemente fatto sì che la sola Pubblica Utilità non potesse essere una condizione sufficiente per il lasciapassare dell’opera. Si apre pertanto un nuovo capitolo dove, come Comitato, produrremo tutto quello che abbiamo reperito presso i Ministeri, presso la Regione e la Provincia dove certe verifiche di ottemperanze sono ancora rimaste inevase, dove ancora stanno richiedendo alla Società Autostrade di inviare una volta per tutte il Progetto ultimo su cui esprimersi per la Valutazione di Impatto Ambientale e dove stanno ancora richiedendo ulteriori documenti integrativi per il superamento della verifica idrogeologica e di rischio idraulico.

Pur prendendo atto realisticamente dell’avanzamento dei lavori relativi all’opera, consideriamo questa richiesta di approfondimento da parte del Tribunale oltremodo positiva se non altro è un riconoscimento per l’impegno e la tenacia che il Comitato ha messo in questi anni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-10-2010 alle 00:20 sul giornale del 08 ottobre 2010 - 1495 letture

In questo articolo si parla di attualità, complanare, Comitato Versus Complanare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/c3H


Ma come? Il sindaco aveva sempre detto che era tutto a posto, tutto in regola, tutto ok. Quando 15 mesi fa il Tar aveva rigettato la richiesta di sospensiva dei lavori, l'amministrazione comunale aveva dato immediatamente la grande notizia al mondo intero.
Ora invece come mai il comune non informa la cittadinanza che il Tar ha richiesto ulteriore documentazione come specificato in questo articolo?
Probabilmente quel grande castello di carta montato ad arte per coprire le gravi irregolarità e pecche del progetto della complanare, sta cominciando a crollare.

andrea vitali

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Copio e incollo il commento di Andrea Vitali che era stato oscurato:
"Se esiste ancora la Giustizia tutti i nodi verranno al pettine e qualcuno pagherà qualche multa salata; purtroppo la consolazione è magra, i lavori proseguono in barba a norme e divieti, ma come Comitato avete il sacrosanto diritto/dovere di tutelare e vegliare, in questo frangente, sulla sicurezza del cittadino, cosa che dovrebbe fare l' autorità comunale che avrebbe però un grosso conflitto di interessi... quindi meglio che si guardi i suoi "ovviamente"! Bravo Comitato, continuate cosi, la cittadinanza (quella a versus) ringrazia!"