Quantcast

San Paolo di Jesi: tutto esaurito per 'Ottobre Piovono Libri'

ottobre piovono libri 2' di lettura 20/10/2010 -

In una Sala Consiliare, affollatissima per l’occasione, sono stati presentati “Non dobbiamo perderci d’animo” di Massimo Cortese e “Il diritto alle informazioni ambientali” di Roberto Tiberi.



A fare gli onori di casa non poteva non essere il sindaco Sandro Barcaglioni, che peraltro conosce da tempo entrambi gli scrittori. Nel presentare il testo di Cortese, il sindaco ha apprezzato il contesto storico in cui vengono ambientato i racconti, visto che il libro è stato scritto per il 150° Anniversario dell’Unità Nazionale. La professoressa Mara Tirotta, docente dell’Istituto Comprensivo “Beniamino Gigli” di Monteroberto, nel mettere in rilievo il motivo conduttore della speranza, ha passato in rassegna alcuni racconti. Massimo Cortese ha detto, rispondendo alla domanda del sindaco, incuriosito dal titolo dell’opera, che il libro è inserito all’interno di un progetto ben preciso.

Barcaglioni ha poi presentato l’opera di Roberto Tiberi, noto avvocato ed esperto di diritto ambientale, definendo il suo libro un vero e proprio testo unico nel suo genere. Hanno quindi preso la parola i due esperti in tematiche ambientali, richiamati dal testo di Tiberi: il Consigliere regionale Enzo Giancarli, Presidente della V Commissione e per due mandati alla guida dell’Amministrazione Provinciale di Ancona, e Roberto Oreficini Rosi, attuale Direttore dell’ARPAM e da diversi anni al vertice della Protezione Civile Marchigiana. Giancarli ha messo in evidenza la Green Economy, che fa della nostra regione un esempio di vivibilità, come ha rimarcato un noto giornale americano. Oreficini, nel sintetizzare il ruolo dell’ARPAM, vero e proprio termometro dei risultati in materia ambientale, ha menzionato alcuni casi specifici, che hanno denotato la sua grande esperienza.

Ha concluso l’incontro Roberto Tiberi, che ha definito l’informazione ambientale uno degli strumenti essenziali e irrinunciabili per la protezione del benessere e della salute della popolazione che, con la partecipazione dei cittadini alle scelte decisionali, rappresenta l’asse portante del nuovo modello di gestione delle politiche ambientali, apportando un cambiamento culturale nel modo di amministrare e gestire il nostro caro territorio, poiché un pubblico informato rende possibile un ambiente migliore.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2010 alle 17:15 sul giornale del 21 ottobre 2010 - 910 letture

In questo articolo si parla di attualità, Massimo Cortese, ottobre piovono libri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dvE





logoEV
logoEV