Quantcast

Monte Roberto: il Pd interviene sull'Assemblea Pubblica

partito democratico 2' di lettura 26/10/2010 -

Nel mio breve intervento, durante l’assemblea pubblica del 19 ottobre scorso indetta dalla Amministrazione Comunale di Monte Roberto, presentandomi come nuovo Segretario del P.D. locale, avevo auspicato un rapporto collaborativo nel rispetto reciproco con la maggioranza, purtroppo mi sono dovuto ricredere subito visto il comportamento tenuto da quasi tutti i componenti della stessa maggioranza.



Infatti, dopo aver illustrato il programma amministrativo con opinioni circostanziate su tutte le tematiche, senza essere interrotti, all’inizio del dibattito, quando è stato il momento di dare la parola ai cittadini, hanno cercato in tutti i modi di limitare gli interventi chiedendo solo di fare domande.

Quando ha cominciato il suo intervento il capogruppo della minoranza di Centro-Sinistra ha dovuto subire delle intemperanze piuttosto accese nei suoi confronti con l’invito pressante a fare solo domande, ebbene oltre ad esporre le sue opinioni con non poca difficoltà, ha posto anche delle domande precise, come le hanno poste altri intervenuti al dibattito, ma se ogni domanda deve avere una risposta, mi sembra che risposte ce ne siano state poche e molto evasive, quelle fatte su argomenti significativi proprio non ci sono state.

Non è questo il modo di avere rispetto degli altri, ognuno deve avere la possibilità di intervenire ed esprimere le proprie ragioni le proprie idee e considerazioni, i cittadini hanno diritto di sapere le opinioni di tutte le parti in causa, anche dei rappresentanti della minoranza, dei partiti politici o semplici persone al di fuori della politica, ma che sono interessati alle problematiche della comunità, specialmente se riguardano argomenti molto sentiti e di rilevante interesse pubblico come la scuola dell’infanzia e la realizzazione dell’impianto fotovoltaico.

Ho sentito diversi esponenti della maggioranza ribadire che quel tipo di discussione doveva svolgersi in altro ambito e che l’intento da parte della minoranza era solo quello di fare polemica, mentre alcuni di loro ritenevano addirittura non opportuno convocare assemblee pubbliche. Se questo vuol dire far si che il dibattito si svolga solo nell’aula del Consiglio Comunale dove la cittadinanza non può intervenire, non è certamente in questi termini che si vuole cercare la partecipazione ed il coinvolgimento della gente, non può essere chiamato trasparenza questo modo di amministrare.

Il Partito Democratico auspica invece che ci sia sempre la possibilità di incontrarsi e discutere con la cittadinanza senza veti o limitazioni di sorta, magari con più organizzazione, con un ordine del giorno che tratti argomenti di maggiore interesse pubblico, sempre alla ricerca del dialogo e della partecipazione comune nell’affrontare le problematiche quotidiane di tutti i giorni, con il massimo rispetto reciproco.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2010 alle 16:40 sul giornale del 27 ottobre 2010 - 733 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, partito democratico umbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dJD





logoEV
logoEV