Alcol e droga dilagano fra i giovani: Campanile, 'Non staremo a guardare'

gennaro campanile 2' di lettura 09/11/2010 -

“Il Comune ha piena consapevolezza del disagio adolescenziale, le cui cause sono molteplici e di cui debbono farsi carico tutte le agenzie educative e deve essere sicuramente un monito per la politica”.



L'assessore alle politiche giovanili Gennaro Camapanile, all'indomani dell'episodio del coma etilico in cui è caduta martedì una quindicenne alle tre pomeriggio dopo una mattinata di bagordi con gli amici, interviene sulla questione dell'abuso di alcol da parte dei giovanissimi e annuncia interventi ad hoc.

L'Amministrazione intende avviare un programma di attività e iniziative volte a promuovere i rapporti fra le nuove generazioni -spiega Campanile- i giovani rappresentano una parte attiva e dinamica della nostra comunità locale e dialogare e interagire con loro è la nostra mission. Vogliamo capire e analizzare quelli che sono i loro bisogni reali, informando i giovani per guidarli verso scelte consapevoli in tema di formazione, lavoro, integrazione, opportunità culturali e imprenditoriali. I giovani vano sostenuti per un reale inserimento nella società”.

Dopo progetti già avviati come “Sballo Positivo”, il Comune pensa ad altre iniziative per tenere lontano i giovanissimi non solo dall'alcol ma anche dall'uso di droghe. “La prossima rassegna di Niente da Capire, cinema e gruppi di discussione con i ragazzi delle scuole superiori, sarà dedicata proprio ai temi dell’agio e del disagio -annuncia Campanile- da due anni poi il Centro di Aggregazione Giovanile Bubamara viene aperto nelle sere di venerdì e sabato per offrire uno spazio diverso per gli adolescenti e i giovani della città. A Marzocca ci furono segnali inquietanti di un disagio preadolescenziale e allora puntammo sull'apertura di uno spazio di aggregazione all’interno della Scuola Media. Mettere poi a disposizione strutture come la biblioteca comunale significa dare la possibilità ai giovani di incontrarsi per studiare e socializzare. Siamo coscienti del fatto che si possa e si debba fare di più ma sappiamo pure che tutto questo è messo seriamente in discussione dai tagli del governo che minacciano il mantenimento dei servizi”.






Questo è un articolo pubblicato il 09-11-2010 alle 23:55 sul giornale del 10 novembre 2010 - 2951 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, gennaro campanile, assessore allo sport e al turismo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ecO


A costo zero basterebbe che i genitori fossero più presenti!

a.c.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

bartolomeo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Giacomo

Dobbiamo tornare a fare i genitori e smetterla di fare gli amici. Giacomo

se non ci sono i soldi per fare attività di educazione/cultura, prendeteli dalle LUMINARIE!

ette pareva che anche qui non c'entravano i tagli del governo
ma l'anno scorso, senza tagli del governo, i giovani non s'ubriacavano?
e il comune quali iniziative prese contro il consumo d'alcol giovanile in epoca di vacche grasse?

Qui serve una cultura nazionale sul problema, non locale. Cosa c fai se il tuo Comune ti dice che è sbagliato bere e drogarsi se poi vivi in una comunità globale, dove le informazioni arrivano da tutto il mondo?!?!

Il governo da parte sua ha fatto la Fini/Giovanardi, inasprimento di pene anche per detenzione minima di sostanze stupefacenti e quasi alcuna distinzione tra droghe leggere e pesanti. A livello culturale non ha fatto nulla infatti il problema non regredisce ma dilaga.

Vabè... dalle mie parti siamo per la legalizzazione o depenalizzazione delle droghe leggere (sanzione amministrativa = soldi... quelli che mancano) quindi si è anni luce con la maggior parte dei benpensanti del nostro paese.

A Gennà, ma una valutazione su 'sti progetti non si fà ?
Per esempio, lo "Sballo Positivo" quali risultati positivi ha dato ?
E i Centri di Aggregazione Giovanile ?
Questi che definisci "servizi" hanno riscontri utili alla lotta alla cultura dello stordimento, da sostanze e non ?
Senò c'ha ragione il governo a tagliare, se sono sprechi.

Appunto...annuncia...

Annuncia che da sabato prossimo sarà messa al bando la vendita dei soli Cuba Libre e dei Mojito.

Sulla scia del gran-bando esclusivo della vendita dei cani e dei gatti

Commento modificato il 10 novembre 2010

Ok l'inasprimento delle pene.
Ma come fai a vedere Giovanardi in tv e poi non drogarti?