Confartigianato: 'Si convinto alle luminarie'

giacomo cicconi massi 3' di lettura 09/11/2010 -

Una ricognizione tra le 90 attività economiche del centro storico associate alla Confartigianato. L’ha promossa l’Associazione di categoria più rappresentativa per sondare gli umori in vista delle festività Natalizie.



“Abbiamo intenzione di continuare a fare la nostra parte” - dice il segretario della Confartigianato di Senigallia Giacomo Cicconi Massi. La città a Natale dovrà brillare. Anche se non saranno le lampadine ad allontanare tanti altri problemi, un’adeguata immagine servirà, comunque, a dimostrare che impegno e ottimismo non mancano. La presenza delle luminarie sarà un invito a percorrere le vie, un segnale di accoglienza, da parte dei negozianti nei confronti della clientela e dei potenziali acquirenti. Ma anche un piacere per tutti i residenti. Vogliamo dare il nostro contribuito, dice il segretario della Confartigianato di Senigallia Giacomo Cicconi Massi per rendere più godibile e allegro il centro, a maggior ragione in un momento tanto delicato per tutti. In noi prevale come sempre il senso civico e il desiderio di collaborare.

La Confartigianato nel senigalliese rappresenta 2.800 soci tra imprenditori e pensionati. Una forza che cresce, di anno in anno, e fa di Confartigianato il primo punto di riferimento per gli artigiani senigalliesi. L’alta adesione alla Associazione e i nuovi iscritti sempre numerosi, dice Giacomo Cicconi Massi segretario della Confartigianato, sono l’espressione più evidente di quanto sia radicato e saldo il rapporto di fiducia e collaborazione che lega la Confartigianato al territorio. Un legame che si rinnova ogni giorno grazie ai servizi e alle iniziative che l’Associazione garantisce e promuove. Per questo, ribadisce Cicconi Massi, vogliamo essere l’interlocutore privilegiato delle amministrazioni comunali, per sostenere le esigenze ed il valore del nostro tessuto produttivo. E a tal proposito sono allo studio anche alcune iniziative che la Confartigianato è intenzionata a mettere in campo in vista delle festività natalizie. Non dobbiamo sottovalutare l’importanza del Natale anche dal punto di vista turistico. Ma per attirare flussi, Senigallia deve presentarsi con un’immagine particolare: cioè, illuminata e con un pacchetto di proposte.

Ma tutti devono collaborare. Le luminarie sono ormai entrate nella tradizione e, in occasione del periodo natalizio, verranno riproposte per vivacizzare le vie per rendere ancora più accogliente la visita nella cittadina nel mese dedicato allo shopping. Confartigianato ha deciso di sostenere l’iniziativa, pur consapevole di richiedere uno sforzo alle aziende cittadine in un momento non facile per i consumi. Tuttavia l’illuminazione natalizia è ormai divenuto un ingrediente fondamentale per creare il clima di festa e per gli operatori è importante dare un segnale della rilevanza del proprio ruolo nella vita sociale, oltre che economica. Per il Natale 2010 assisteremo dunque, a un impegno della nostra categoria che si conferma e si rinnova, testimoniando il ruolo da protagonisti che negozianti ed esercenti intendono assumere nel contesto della nostra città. Un ruolo che è andato nel tempo rafforzandosi e articolandosi in numerose iniziative che periodicamente animano Senigallia rendendola più accogliente agli occhi dei residenti e dei visitatori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2010 alle 14:57 sul giornale del 10 novembre 2010 - 1800 letture

In questo articolo si parla di commercio, natale, senigallia, luminarie

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/eaM


Sì convinto??
Grazie al cappero, paga per l' 80% il comune.

E se quest'anno non avesse sborsato nulla?? Quale sarebbe stato il vs. pensiero?

Ma per farla breve e meno autocelebrativa: quanto sgancia la Confartigianato e i suoi associati???


Si alle luminarie ma con i soldi dei cittadini!
Qual'è lo sforzo che fa Confartigianto rispetto la spesa totale? quanto mettono i cittadini per le luminarie e quanto gli ritornano? quanto mettono gli esercenti e quanto gli ritorna?