Pennone rimosso a casa Fibbi, Paradisi annuncia la sospensiva del Tar

abitazione fibbi 1' di lettura 24/11/2010 -

Il pennone issato da Giulio Fibbi, esponente del Pdl, sul tetto della sua abitazione per sorreggere la bandiera del partito e quella dell'Italia, può essere ripristinato.



E' la decisione del Tar Marche che ha accolto la richiesta di sospensiva dell'ordine emesso dal comune di Senigallia che aveva intimato a Fibbi di rimuovere il pennone perchè “perchè sprovvisto delle certificazioni di sicurezza”.

La notizia è stata data ieri sera in consiglio comunale dal consigliere del Coordinamento Civico Roberto Paradisi. La vicenda risale allo scorso inverno quando il Comune ordinò a Fibbi di rimuovere il pennone su cui sventolavano le due bandiere sul tetto dell'edificio di viale Bonopera perchè sarebbe potuto cadere. Per Fibbi la questione però era politica (sul pennone c'era anche la bandiera del Pdl) e così dopo aver rimosso il pennone come ordinato dal comune, presentò ricorso al Tar per chiedere la sospensiva del provvedimento deciso dal Comune.

Ora il Tar ha accettato la richiesta di sospensiva avanzata da Fibbi condannando il Comune a pagare le spese legali. L'ente infatti a avuto a disposizione un termine, assegnato dal Tar, per riesaminare l'ordinanza che aveva emesso. Il Comune però avrebbe notificato una nuova ordinanza a Fibbi a ridosso dell'udienza e dunque in ritardo. Il Tar ha dunque preso atto in sentenza del ritardo nel riesaminare la vicenda e sentenziando che “c'erano i presupposti per condannare” il comune al pagamento delle spese






Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2010 alle 23:50 sul giornale del 25 novembre 2010 - 2787 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica, giulio fibbi, pennone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/eKZ


e lo sputtanamento cos'è? e lo sputtanamento.. lalala
se il comune pensasse un po' di più alle cose serie...

a proposito, ho deciso di denunciare e far rimuovere tutte le bandiere rosse che sono a Senigallia e tutte quelle arcobaleno...

...ancora si parla di questa storia?
Capisco che difendere la bandiera è difendere un simbolo, un'idea: ma difendere la PROPRIA bandiera e il PROPRIO simbolo lo considero un "qualcosa" di minore, rispetto a difendere un simbolo universalmente riconosciuto, che è il tricolore.




logoEV