Università: in tre anni raddoppiato gli iscritti

2' di lettura 01/12/2010 -

L’Università di Jesi gode di ottima salute e non teme riforme. Lo ha affermato Gabriele Fava, Presidente della Fondazione Colocci, sede dei corsi di laurea in Scienze dei Servizi Giuridici, in occasione del convegno che il 1° dicembre, presso l’ateneo jesino, ha celebrato l’accordo recentemente siglato con gli Ordini Provinciali dei Consulenti del Lavoro di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo e Macerata.



“Dopo quella stipulata con la Guardia di Finanza e il Corpo Forestale – ha detto Fava - l’intesa con i Consulenti del Lavoro segna un altro importante traguardo per l’Università di Jesi. Grazie alla qualità dei nostri corsi in 3 anni abbiamo raddoppiato il numero degli iscritti: ottimi risultati che testimoniano in maniera tangibile la presenza in città di un centro accademico che lavora bene, che opera da protagonista sul territorio e per il quale la cultura conta ancora qualcosa. Un grazie per il lavoro svolto va ai nostri soci e al consiglio di amministrazione tutto”.

L’accordo tra l’Università di Macerata e i Consulenti del Lavoro, hanno detto alla tavola rotonda di ieri Oltre la crisi: politiche regionali per il lavoro, gremita di persone, rappresenta un “ulteriore passo in avanti con il quale si viene a rafforzare un sistema di reciproco scambio tra mondo accademico e professionale per l’organizzazione di tirocini, corsi di formazione e ricerche e si consolida al contempo la fisionomia di una università che si pone a livelli di eccellenza”.

Presenti all’appuntamento accademico, tra gli altri, Roberto Di Iulio (Presidente del Consiglio Provinciale dell’Ordine dei consulenti del lavoro di Ancona), Luca Barchiesi (vicepresidente della Classe delle Lauree in Scienze dei Servizi Giuridici), Marco Lucchetti (Assessore al Lavoro Regione Marche), Antonio Antonellis (Direttore Inps Regione Marche), Stefano Mastrovincenzo (Segretario regionale Cisl), Paolo Ferretti (Consulente del Lavoro), Guido Canavesi (Università degli Studi di Macerata).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2010 alle 17:36 sul giornale del 02 dicembre 2010 - 2384 letture

In questo articolo si parla di cultura, Fondazione Colocci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/e1p