x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Unione Media Vallesina: Università degli adulti, inaugurazione

3' di lettura
1046
da Unione dei Comuni della Media Vallesina

Laura Boldrini, la jesina portavoce dell’Alto Commissariato per i Rifugiati dell’Onu, ha lanciato un appello ad Amministrazioni comunali, enti locali, scuole e associazioni del territorio per “la creazione di una rete, che abbia come finalità quella di diffondere la cultura dei diritti e dell’accoglienza”.

Lo ha detto sabato 4 dicembre di fronte ad una sala conferenze della biblioteca la Fornace di Moie gremita di pubblico, accorso per ascoltare la prolusione al sesto anno accademico dell’Università degli adulti della Media Vallesina, che la Boldrini ha incentrato sul tema “Accogliere o respingere? L’Italia al bivio”. Dal tavolo dei relatori, insieme al presidente dell’Unione dei Comuni Demetrio Papadopoulos, al sindaco di Maiolati Spontini Giancarlo Carbini e al presidente dell’associazione che gestisce l’università, Cesare Bellini, sono state affrontate questioni di grande attualità, dalla politica dei respingimenti alla paura per il diverso, dalla cronaca degli sbarchi, come l’ultimo, drammatico, al porto di Ancona, alle dichiarazioni dei rappresentanti del Governo “che mi hanno definita disumana e anti-italiana”, come ha ricordato la stessa Boldrini.

“Sono felice del riconoscimento della cittadinanza onoraria che mi ha appena conferito Jesi e prima Monte Roberto – ha detto la giornalista – ma per far sì che non diventi solo qualcosa di estetico, di autoreferenziale, occorre che i Comuni sensibili a certe tematiche, le istituzioni locali o la stessa Unione, si facciano promotori di progetti e percorsi, da attuare con le scuole o con l’Università degli adulti, per portare i giovani e la popolazione a diretto contatto con la realtà dei rifugiati e diffondere così, al posto della paura, una cultura del rispetto, dei diritti e della cittadinanza. Sono disponibile a venire ogni volta che ci sia da incontrare gli studenti. Sarebbe davvero interessante ed educativo, inoltre, far arrivare qui e far conoscere agli alunni dei coetanei afghani, piuttosto che somali o di altri paesi martoriati, a raccontare la propria esperienza”. E’ così, con la creazione di una rete fra enti e realtà del territorio, ha sottolineato la Boldrini, che si “combatte la grande mistificazione in atto che vuol far passare l’equazione fra sicurezza e immigrati, o fra clandestini e rifugiati”. Durante la serata, prima grazie alla presentazione fatta dal sindaco Carbini, che l’ha definito “molto interessante ma anche scomodo”, poi con gli approfondimenti e la rivelazione di alcuni retroscena da parte della stessa Boldrini, si è parlato del libro della portavoce dell’Alto Commissariato per i Rifugiati dell’Onu dal titolo “Tutti indietro”. Papadopoulos ha testimoniato alla giornalista jesina “l’apprezzamento e la disponibilità a fare percorsi insieme da parte della comunità della Vallesina”, condannando poi chi la attacca “perché vive come servizio e come missione un lavoro che riguarda la democrazia, i diritti umani e le coscienze”.

L’incontro con la Boldrini era inserito nel calendario degli eventi per il terzo compleanno della Fornace ed è stato l’occasione per l’Università degli adulti, che collabora con la biblioteca, per inaugurare il sesto anno accademico. “Le attività stanno andando molto bene – ha sottolineato Bellini – gli iscritti sono saliti a 250 ed è cresciuto anche lo spessore delle iniziative e dei corsi. Con i 75 docenti, l’Università è una comunità che sta dando vita a percorsi culturali e aggregativi diventati punto di riferimento per il territorio”. Intanto proseguono le lezioni, tenute sia al Centro comunale 6001 di Moie sia a Villa Salvati di Pianello Vallesina. Molto successo sta riscuotendo il corso di yoga, in programma sia il venerdì che il lunedì, come pure il percorso storico sul Risorgimento italiano. Domenica 12 dicembre c’è in programma una giornata a Roma “Tra Barocco e Risorgimento”. Le lezioni proseguiranno, prima dell’interruzione natalizia, fino a martedì 21 dicembre, per riprendere lunedì 10 gennaio.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2010 alle 23:03 sul giornale del 06 dicembre 2010 - 1046 letture