Fiore sull'ondata di maltempo: 'La città si è adoperata per l'emergenza'

mario fiore 20/12/2010 -

In questi giorni la città è stata messa a dura prova dalle condizioni meteorologiche che hanno interessato il nostro territorio. L'ondata di freddo e neve ha riguardato tutta Italia e tutta Europa creando situazioni particolarmente difficili che hanno per forza di cose comportato problemi e disagi ovunque.



A tal proposito Senigallia si è operata sin da subito per minimizzare gli inconvenienti che inevitabilmente hanno interessato e interessano in particolare la viabilità cittadina. Sin dai primi momenti della forte nevicata, sono state attuate le misure per ridurre le problematiche e i rischi derivanti dalle condizioni insidiose che la neve prima e il ghiaccio poi, hanno sviluppato. Sono state liberate sin da subito le arterie stradali fondamentali per la viabilità, quali ponte Zavatti, la statale Adriatica, viale 4 Novembre, Stradone Misa, per poi espandere gli interventi alle strade secondarie, il tutto con il lavoro continuo e senza sosta degli operatori e addetti ai lavori.

In tanti si sono adoperati 24 ore su 24 a cercare di risolvere nel modo più efficiente la situazione, in particolare il vice-sindaco Maurizio Memè, che è rimasto a coordinare le varie attività per limitare le problematiche direttamente “su strada” fino a notte inoltrata, con impegno, e competenza: una dedizione che non può assolutamente essere messa in discussione. Nei momenti più insidiosi la situazione è stata affrontata prontamente con il completo impiego di mezzi e a tal scopo Senigallia è stata una delle prime città del territorio ad uscire dall'emergenza. E' inevitabile che la situazione continui a comportare disagi, in quanto le basse temperature rendono difficile il completo ripristino della situazione: Senigallia non è Trento, e come tutte le città turistiche costiere nonostante sia pronta ad affrontare tali emergenze non è abituata a doversi confrontare con questo genere di situazioni, ma nonostante ciò l'Amministrazione Comunale si è adoperata nel modo più efficiente possibile. Sono circa 570 i km di strada da coprire e già da giovedì (il giorno successivo alla nevicata) si poteva transitare lungo le vie principali.

Tengo a precisare questo visti i dibattiti provocati dall'evento e voglio invitare tutti a rispettare il lavoro e l'impegno di chi, apertamente o nell'ombra, si è adoperato a garantire con tute le forze e le risorse possibili, la sicurezza e il ripristino delle condizioni. Tutti, al tempo stesso, debbono essere realisti adoperarsi e usare senso di responsabilità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-12-2010 alle 15:31 sul giornale del 21 dicembre 2010 - 3756 letture

In questo articolo si parla di politica, vivi senigallia, mario fiore, prima commissione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fFc



questo ennesimo comunicato stampa di autopromozione si riceve a fatica, siamo ai limiti dell'onanismo amministrativo

entrando nello specifico: pur intervenendo con una certa efficacia sulle strade principali, l'Amministrazione ha fallito completamente l'obbiettivo di sgombrare e rendere sicure le strade minori

ancor più grave è lo stato in cui sono stati lasciati gran parte dei marciapiedi della Città: in questi giorni abbiamo visto l'esordio dei "pedoni random", costretti a scegliere fra una bassa probabilità di essere investiti camminando nella sede stradale e un'alta probabilità di scivolare utilizzando regolarmente i marciapiedi coperti dal ghiaccio

questa mattina ho assistito un mio congiunto al Pronto Soccorso e in due ore ho visto una fila continua di 8-10 persone davanti alla porta della sala raggi X e il personale del Pronto Soccorso fare incetta di sedie a rotelle

sull'emergenza neve l'Amministrazione ha fatto una scelta giusta: chiudere le scuole per tre giorni (riducendo il traffico del 30%) e ha parato il colpo sulla viabilità principale, confidando nelle previsioni meteo che parlavano di miglioramenti

ma da questo ad autoglorificarsi in modo preventivo contro le polemiche ce ne corre

Classico comunicato da MinCulPop di ventennale memoria.

se stava zitto ci guadagnava 2 volte.
Ma ha fatto un giro della città oppure ha fatto solo una vasca per il corso ?

Non vorrei essere nei panni di questo Pop.

Commento sconsigliato, leggilo comunque