Massaccesi: 'Il mea – culpa del sindaco in prossimità della manovra sul bilancio'

Daniele Massaccesi 05/01/2011 -

Il Sindaco riconosce ora gli errori sulla Sadam e parla riduttivamente di sgarbo politico ed istituzionale. Peccato che le scuse non arrivino nelle sedi ufficiali ma sui giornali.



Peccato che il “mea – culpa” venga fatto in prossimità della manovra sul bilancio, magari per la necessità di blindare la maggioranza ed alcuni Consiglieri riottosi. Peccato che dopo il riconoscimento dello sgarbo non ci sia stato il gesto conseguente, le dimissioni. Peccato che il Sindaco non si sia accorto del terremoto che ha provocato (ha squassato il suo partito). Peccato che il Sindaco non abbia riconosciuto, nell’occasione, anche il disastro di questa Amministrazione e l’incapacità politica di una gestione deficitaria.

Per Belcecchi basta dire di aver provocato uno sgarbo, e tutto passa: e no, non è sufficiente, non facciamoci anche prendere in giro. Aver gestito in modo disastroso una questione così importante non è un fatto secondario o da trattare con sussieguo, se si è fatto un grave errore, come è stato fatto, e come tardivamente riconosciuto, se ne deve trarre anche la conseguenza logica, politica, e trarre d’impaccio molti, dando le dimissioni.


da Daniele Massaccesi
Popolo delle Libertà – PDL




Questo è un articolo pubblicato il 05-01-2011 alle 16:32 sul giornale del 07 gennaio 2011 - 707 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, fabiano belcecchi, Daniele Massaccesi, Popolo delle Libertà – PDL

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/f45