Binci: 'Nel Pd permane la capacità di autolesionismo'

Logo PD 11/01/2011 -

Trovo stupefacente come nel Pd permanga questa capacità di autolesionismo frutto di continue e costanti polemiche sulla stampa, tra l'altro su temi che sono distanti anni luce dai problemi reali dei cittadini che, dal canto loro, chiedono chiarezza su servizi, opere pubbliche, tasse e tributi e, più in generale, su come il Comune intende far fronte ai pesantissimi tagli decisi dal governo contro gli enti locali.



Credo che il Partito Democratico potrà davvero riprendere a svolgere quell'importante ruolo che gli spetta nella nostra comunità se riuscirà a superare inutili personalismi e lavorare in maniera sinergica su questi temi, attraverso un leale e costruttivo confronto tra le sue componenti: il sindaco, gli assessori, i consiglieri comunali, i consiglieri circoscrizionali, i rappresentanti dell'Unione.

Le sterili polemiche di questi giorni non aiutano a recuperare serenità né tantomeno a contribuire positivamente ad una efficace elaborazione politica e programmatica del partito e della coalizione di governo.


da Andrea Binci
consigliere comunale Pd





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-01-2011 alle 16:09 sul giornale del 12 gennaio 2011 - 1047 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, partito democratico, pd, Andrea Binci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gc4


Carisimo Andrea Binci, Mi stupisco... non pensi di essere in contradizzione con Te stesso?
Io sono daccordo con quanto affermi, nel nostro partito siamo ammalati di autolsionismo, ma una volta appurato ciò forse invece che affidrsi ad un counicato stampa, sarebbe opportuno, strigliare chi fa polemiche, spesso per puro protagonismo, nelle sedi di partito, magari ritornando alle buone abtudini di convocare, un'assemblea degli iscritti di una sezione, ( io voglio chiamarla ancora così...) discutere di queste cose e mandare un forte richiamo al " reo" e informare in modo altrettanto perentorio il segretario, provinciale o regionale se si ritiene conveniente...
E magari minacciare chi non si uniforma a comportamenti corretti, di essere non "candidabili" in futuro.. quest'ultimo argomento è sempre efficacissimo. Specialmente se incominciamo a passre dalle minacce ai fatti!!
Ti saluto cordialmente Claudio Raffaeli