Calcio: Belvederese, 'Il 2010 anno storico, per il 2011 vogliamo la salvezza'

pierino romagnoli 13/01/2011 -

Il 2010 è stato un anno che entrerà nella storia negli annali rossoverdi ma la stagione 2011 sarà comunque ricca di successi. Parola del direttore generale della Belvederese Pierino Romagnoli. Da neo promossa, la matricola dell'Eccellenza è senz'altro la rivelazione di questo campionato.



Con i suoi 28 punti all'attivo e 26 reti messe a segno (tante quante quelle della Fermana capolista), la Belvederese si gode il momentaneo nono posto in classifica.

Chiediamo sempre ai nostri ragazzi di stare coi piedi per terra -commenta Romagnoli- ma allo stesso tempo promettiamo a tifosi e a tutto il paese che vogliamo conquistare quanto prima la salvezza. Il 2010 è stato un anno spettacolare. Abbiamo vinto il campionato tornando dopo dieci anni in Eccellenza, abbiamo vinto la Coppa Disciplina e siglato un accordo con la Junior Jesina per valorizzare il nostro settore giovanile (la Juniores è al momento seconda in classifica ndr) aiutandoci anche a restare in Eccellenza. E già tutto questo, per un paese di 2.300 abitanti sembra un sogno. Poi è iniziata l'avventura e l'inizio di stagione, con colossi come Ancona, Fermana, Pesaro e Macerata, c'ha fatto rabbrividire. Con umiltà e a testa bassa ci siamo impegnati e in questo primo giro di boa possiamo dirci contenti”.

Per il dirigente rossoverde la forza della Belvederese sta nella passione per la maglia del proprio paese. “Siamo un gruppo di amici che la domenica ama ritrovarsi allo stadio ma cerchiamo di curare al massimo ogni dettaglio -aggiunge Romagnoli- e se stiamo disputando un campionato più che dignitoso il merito va ai giocatori, che hanno creduto nella nostra scommessa lasciando anche piazze blasonate, ai tifosi, che ogni domenica riempiono lo stadio, a tutto lo staff tecnico, che abbiamo riconfermato in tota dal massaggiatore al preparatore atletico fino a mister Maurizio Morsucci”.

Proprio il tecnico, ex giocatore rossoverde, rappresenta la ciliegina sulla torta del miracolo belvederese. “Per il mister la Belvederese deve essere un punto di partenza e non di arrivo -conclude Romagnoli- perchè è un tecnico preparato, che sa calarsi in qualunque categoria, e che tiene bene lo spogliatoio”. Domenica intanto va in scenda il ritorno del derby delle matricole contro l'Atletico Piceno, occasione in più per la società per augurare a tutti “in bocca lupo”.






Questo è un articolo pubblicato il 13-01-2011 alle 23:00 sul giornale del 14 gennaio 2011 - 828 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, sport, belvedere ostrense, pierino romagnoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gjc





logoEV