Quantcast

Santinelli sul quartiere S. Giuseppe e su Porta Valle

cesare santinelli 1' di lettura 25/01/2011 -

Ormai è noto a tutti che a Jesi il quartiere S. Giuseppe è una sorta di ghetto e che Porta Valle presenta grosse criticità per quanto riguarda l’aspetto sicurezza.
Da queste valutazioni nasce la mia convinzione di proporre le ronde come una delle possibili soluzioni al problema relativo allo scarso controllo del territorio.



Ad aggravare la situazione, nell’ultimo decennio, è la totale assenza dell’Amministrazione Comunale che non ha mai attuato una politica edilizia sociale che consenta l’inserimento dei nuclei familiari stranieri su tutto il territorio cittadino, al fine di incentivarne l’integrazione. San Giuseppe è un quartiere con molte case popolari e il Comune dovrebbe studiare nuove regole per l’assegnazione di tali abitazioni; come del resto avviene per esempio a Cupramontana, dovrebbe essere data la priorità agli italiani, piuttosto che alle famiglie con molti figli in quanto questo criterio che si basa sulla prole, favorisce indirettamente gli stranieri. Queste mie proposte possono essere discutibili, ma sostengo che da qualche parte occorre pur iniziare.

Di Lucchio dunque, che tanto difende il proprio operato, dovrebbe anche accorgersi del degrado in cui versa l’area San Giuseppe e anziché contrastare delle proposte concrete, potrebbe almeno essere disponibile ad un costruttivo confronto.


da Cesare Santinelli
Consigliere Comunale PdL





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2011 alle 18:12 sul giornale del 26 gennaio 2011 - 800 letture

In questo articolo si parla di politica, alleanza nazionale, popolo della libertà, Cesare Santinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/gG9





logoEV
logoEV