Vignetta di Vauro, Pizzi: 'Grazie don Giancarlo!'

don giancarlo cicetti 2' di lettura 24/01/2011 -

Spesso gli organi di informazione riportano i ringraziamenti di una o più persone per un fatto accaduto e risoltosi positivamente (intervento medico, ritrovamento di merce rubata, soccorso ad un animale ecc. ecc.). Mi scuserete se in questa occasione voglio ringraziare un Sacerdote (don Giancarlo Cicetti ndr) per l’omelia fatta durante la Messa del 23 gennaio, alle ore 11,30, presso la Chiesa del Duomo di Senigallia.



Il Sacerdote ha difeso con passione e fermezza i tanti Cristiani che sono rimasti allibiti di fronte alla vignetta di Vauro, nella trasmissione Annozero, con la quale ha affermato che “basta diventare prete se si vuole avere rapporti fisici con minorenni” in poche parole se si è pedofili. Non voglio entrare minimamente in certe discussioni “politiche”, tanto accese in questi giorni, ma ciò che mi preme sottolineare è stata la chiarezza del Sacerdote quando ha ricordato i tanti Cristiani che muoiono in nome della Fede e vivono illuminati dal Vangelo, meritando un rispetto che il Vauro ha volutamente e spudoratamente ignorato.

E anche qui, a Senigallia, casi di comportamenti così luminosi non mancano. E qui l’Islam non c’entra nulla! (anche se certe reazioni alle vignette olandesi dovrebbero farci riflettere affinchè si eviti con tutte le forze una guerra di religione). La parte dell’omelia più significativa e toccante è stata poi quella in cui ha sottolineato come con quella vignetta il Vauro abbia di nuovo offeso, segnato e martoriato chi è stato vittima della pedofilia; argomento sul quale, come ha ricordato giustamente il Sacerdote, il Papa Benedetto XVI era già intervenuto, come Cardinale, durante l’ultima Via Crucis del Pontificato di Giovanni Paolo II. Grazie Don Giancarlo!








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2011 alle 18:54 sul giornale del 27 gennaio 2011 - 9629 letture

In questo articolo si parla di attualità, paolo pizzi, vangelo, don giancarlo cicetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gE3


Viviamo in un Paese dove se tocchi un Musulmano muori.
Se tocchi un Cristiano becchi l'applauso.

Non sappiamo più manco chi siamo.

Ps Ciò non toglie che i preti, anche a Senigallia, si danno da fare...

Melgaco, "si danno da fare" in che senso???
Nel senso Vauriano!?...No spero!!

Se conosci qualcuno di questi "Maghi Otelma" che sodomizzano bambini, o stuprano giovani ragazzi sordomuti, toccano e si fanno toccare, perche' gli pesa il voto di castità o quello del celibato, e' un tuo dovere di cittadino, andarlo a denunciare alle autorità di PS...Ed anche in fretta, visto che la tattica di Santa Romana Chiesa, in questi casi, e' sempre stata quella di "decentrare" il sospetto, ed affidargli altre parrocchie con altri bambini.

TU forse non sai chi sei, e lo dici TU che chi deride o critica un mussulmano muore. Io invece so benissimo chi sono. Sono uno che ESIGE Giustizia e Legalità in questo paese, su tutti i fronti. Mussulmani, Cristiani e Premier puttanieri vari, entiendes!?

Fatti un giretto su questo sito:
http://www.bishop-accountability.org/
Poi dimmi cos'ha detto Vauro di così sbagliato.

La vignetta di Vauro era oscena ma è stato osceno anche il comportamento dei presenti che se la sono sghignazzata alla grande, primo fra tutti Santoro; l'unica che si è indignata è stata la Santanchè che se n'è subito andata via senza neanche salutare, ha fatto bene.
Che credibilità può avere questa sinistra ghigliottinista che da una parte aspetta con ansia gli anatemi del Papa contro i comportamenti di Berlusconi e dall'altra lo tratta peggio di un maiale?
Questa è l'etica di Vauro e Santoro, esiste solo l'opportunismo del momento, difficile che conquisti spazi di nuovo consenso; è ora che la sinistra rifletta senza paraocchi sul perchè queste trasmissioni portino acqua al mulino di Berlusconi altrimenti anche la prossima volta saranno stangate sui denti.

Sicuarmente Vauro poteva essere più chiaro ed asplicito, così da evitare fraintendimenti e manipolazioni varie.
Non credo che nessuno, nemmeno io che non professo e non aderisco formalmente a nessun credo religioso, può dire che sia giusto essere perseguitati per differenze di credo, ma allo stesso tempo non è difficile capire che è proprio l'esaltazione della religione stessa che porta a queste violenze (solo il mio dio è quello vero, il mio dio è meglio del tuo, il mio dio è buono il tuo cattivo...).
Non è difficile neanche capire che, Vauro voleva sottolineare l'evidenza delle cose e cioè che nessun sacerdote accusato di pedofilia viene punito legalmente, come il diritto del nostro stato dovrebbe garantire.
La pedofilia, la violenza sulle donne e sugli indifesi, è il peggior crimine che si possa compiere.
Rimanere impuniti perchè si è preti è veramente una cosa schifosa, meritevole solo del disprezzo più totale.

Se la vignetta urta la sensibilità di un credente, allora il credente se la prenda con le gerarchie ecclesiastiche, colpevoli fino all'indicibile di aver coperto le sozzure commesse dai loro sottoposti, a danno di BAMBINI, non con Vauro.
Se un vignettista attuale prende per il c**o l'Italia io non me la prendo con il vignettista, che registra un dato di fatto e lo porta a livello di caricatura: me la prendo con chi ha reso il nostro un Paese degno della presa per il c**o.

Si chiama "Satira", avete presente? Se la satira è soave e serafica, allora non è satira. La satira colpisce dove fà più male...E come non possono esserne esenti i partiti politici solo perchè si sentono insultati dall’essere presi in giro nelle loro bassezze, così non possono esserne esenti le religioni. Soprattutto perche' viviamo perennemente con il capo di questa religione in televisione e sui giornali. Con uno spazio concesso che va' ben oltre lo spazio solitamente concesso, anche al principale esponente politico italiano, qualunque esso sia. Cerchiamo di non essere "bacchettoni" se per una volta, la derisione o la critica, viene fatta nei confronti di chi predica bene, ma RATZola male...O di chi, se vuoi, si mette a sindacare in merito alla pagliuzza nell'occhio dell'altro, e non si accorge della trave, nel suo.
Se stavolta a finire sotto "schiaffo" e' la Chiesa, tutto questo stracciarsi le vesti e ricordare i tanti cristiani che muoiono in nome della fede, francamente lo trovo fuoriluogo....


Questo pseudo comunicato o ringraziamento al Don "vattelapesca" di turno, e' uscito sul Corriere Adriatico, ed almeno su altri 3 siti web locali. Oltre a contenere una miriade di inesattezze, di errori e di distorsioni palesi della realtà, ipotizzo a questo punto volute, recupera la vignetta di Vauro, la estrapola dal suo contesto e la inserisce nel "piagni-piagni" generale che solitamente segue il raro sbertucciamento che colpisce la Chiesa. Si ha la faccia tosta di mischiare: Islam, Cristiani discriminati, Satira, Ringraziamenti ad un prete e le presunte arrampicature sugli specchi di Benedetto XVI, sui casi di pedofilia eclesiastica in un'ipotetica Via Crucis.

Ma anziche' mettere cartelli e gridare nei megafoni, facendo un coktail di argomenti che secondo logica e buona fede dovrebbero essere trattati separatamente, non sarebbe bastato allo scrittore dell'articolo in questione, andare dal prete autore dell'omelia e ringraziarlo a quattrocchi???...Non era piu' discreto e sentito un ringraziamento a voce o con una lettera privata???
Analizziamo la faccenda e mettiamola sotto la lente di ingrandimento....

1)interventi medici, ritrovamenti di merce rubata (o persa), soccorsi ad un animali, ecc, ecc, arrivano sulle pagine dei quotidiani o sui siti web di informazione e notizie, solo con 2 righe sulle ultime pagine o con brevi accenni, in mezzo agli annucni di vendo/compro/cerco e via dicendo, e non certo con titoloni altisonanti.
Il fatto che si vada a ringraziare un prete riportando nome, cognome, posto, circostanze e addirittura l'ora in cui ha pronunciato l'omelia, mi pare un tantino eccessivo. A prescindere che "l'omelia" rientra perfettamente nel servizio e nel lavoro che deve svolgere un prete, che senso ha ringraziarlo. Qualcuno ringrazia le forze dell'ordine per il loro operato? Qualcuno ringrazia pubblicamente un idraulico che ripara le tubature di casa di un'altro? Qualcuno ringrazia con titoloni, un metalmeccanico che assembla un'auto?...No mi risulta. Sfruttare i media per ringraziare qualcuno che svolge il proprio lavoro, come fanno tutti, sembra oltremodo fuoriluogo.
Saraà sempre una mia sensazione, ma mi sembra che a volte si superi il limite della decenza. Con tutte le cose SERIE che accadono e che andrebbero riportate nei mezzi di informazione per un corretto servizio alla società, riportare questo articolo e' una vera buffonata, tipica della macchina mediatica supina ed accomodante alle ingerenze del pretume.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

ATTENZIONE poi..Le parole riportate nella vignetta di Vauro, non sono quelle riportate in modo errato e spudoratamente distorto in questo articolo.
La vignetta di Vauro dal titolo "Il Vaticano spera in una conversione" vede un Benedetto XVI che dice con un'accento tedesco: "Ze a lui piacciono tanto le minorenni, puo' zempre farzi prete". CHE E' BEN DIVERSO DA: "basta diventare prete se si vuole avere rapporti fisici con minorenni".
Le parole hanno ancora un significato nella lingua italiana, e il fatto che in questo articolo, si faccia esplicito riferimento a "rapporti fisici", indica chiaramente che la malizia e la malafede conseguente, sta tutta in chi l'ha voluta intrpretare in questo modo.
E' ovvio che la vignetta fa riferimento ai casi di preti pedofili, ma sulla base di questo, non vedo cosa centri Vauro. Se i credenti sono allibiti per il fatto che i loro beniamini in tunica, vengano punti sullo scandalo della Chiesa, prendersela con Vauro e' da dementi...Perche' anziche' ringraziare il "DinDonDan" di turno, scagliandosi contro la satira di Vauro, i credenti non vanno in Piazza S.Pietro a sputare in faccia a chi ha coperto lo scandalo per ANNI!? Che centra Vauro se alcuni preti sono effettivamente stati accusati di pedofilia, e la loro Chiesa li ha voluti coprire per evitare lo scandalo!?...Che i credenti, se sono veramente credenti, se la prendano con i colpevoli e non con chi giustamente poi li giudica e li critica.

Islam. Ditemi ora cosa centra tutto questo con l'Islam?...E dire che qualcuno ci e' anche cascato nell'imbeccata data dall'autore dell'articolo.
Il meccanismo e' semplice. Si mostra al lettore il "baubau" islamico, si fa leva sull'islamofobia tanto cara all'elettore di centro destra padano, e si evidenzia come "i buoni" della religione CattoCristianna, non siano altrettanto estremisti e non abbiano indossato cinture esplosive, contro Vauro....MA FINITEVELA VA'!!

Piuttosto, chiedetevi come mai, si e' liberi di criticare aspramente qualsiasi cosa presente sulla faccia del globo, dalla politica agli spettacoli teatrali, dai comportamenti umani alle ricette di cucina, da una squadra di calcio ad un funzionario della magistratura, passando attraverso giornali, TV, e via dicendo, ma quando si tocca una religione, sono tutti pronti a farsi saltare in aria, ammazzare, condannare, vendicarsi e stracciarsi le vesti come in questo caso.
La tolleranza ed eventualmente il rispetto, sono dovuti nei confronti di chiunque, e non solo nei confronti delle religioni. Se manca la tolleranza, l'ugualianza e l'eventuale rispetto per qualcuno, non vedo perche', per la religione colpevole nei casi di pedofilia eclesiastica di questo caso, si debba fare un'eccezione.

A dimenticavo...Prima di dire che Vauro offende o manca di rispetto nei confronti dei credenti, della Chiesa e nei confronti delle vittime della Pedofilia, mi auguro che il Secerdote ringraziato o il Sig. Paolo Pizzi, abbiano il buonsenso di andarsi ad informare su cio' che realmente sia accaduto nello scandalo "Preti pedofili". Suggerisco questo:

http://it.wikipedia.org/wiki/Pedofilia_e_Chiesa_cattolica

L'impunito Benedetto XVI si e' salvato dai tribunali americani, solo perche' e' stato considerato un "Capo di stato estero". NON DIMENTICATEVELO MAI, prima di mettervi a difendere l'indifendibile.

Altro che Via Crucis...!


Viviamo in un paese dove "ma dai, era solo una battuta". Però se ci toccano da vicino ci si scandalizza subito(non ci vuole tanta a capire che si riferiva esclusivamente ad alcuni preti ). W le battute su Berlusconi così ridiamo tutti

Abbiamo tutti il dovere di metterci ogni giorno in discussione.
Sono più divertenti le "battute " di melgaco?
pazienza, la prima regola è il blibero arbitrio.

Off-topic

Scusa Paul, ma 5 commenti consecutivi sono un po' troppi. Sembra spam.

Si danno da fare...ci sto scrivendo sopra un piccolo dossier, ovviamente impubblicabile, che invierò per e-mail a chi ne farà richiesta.
Quando ho sentito il Vaticano incazzarsi con il bunga bunga non ci ho visto più.
Garantisco verità...che poi voi senigalliesi già sapete

Sì...è tutto una battuta.
Però dovete dire la stessa cosa per le T-shirt di Calderoli, sennò la coerenza dov'è?

Vauro ha esagerato.
Per il resto stendiamo un velo pietoso.
Ovvero: "Bocca mia sta zitta"

@Melgaco: Chi tocca un mussulmano muore? Non è certo colpa di tutti gli altri se davanti a una battuta blasfema un mussulmano si riempe di tritolo e si fa saltare in aria.
Sono i mussulmani che si indignano e si incazzano mica tutti gli altri.....

Quello che può aver detto don Giancarlo (non ero presente) è assolutamente vero: troppo spesso non si pone orecchio alle molte cose positive che vengono fatte, invece si insiste solo su quelle negative.

Apprezzo l'ironia di Vauro, e qui si intuisce che il bersaglio "grosso" era un altro: purtroppo si riferiva a recenti innegabili fatti di cronaca mondiale.
Proprio perchè apprezzo l'ironia anche quando mi riguarda, purchè non sia sguaiatamente offensiva, lo prendo come sprone per la Chiesa ad insistere ancora nella sua strada di perseguire questa assurda colpa di pochi che sta "macchiando" di riflesso anche tutti gli altri: perchè non accada più in futuro di accostare chiesa a pedofilia.

Adesso la Santanchè è diventata pure una martire cristiana..vabbè mi trattengo dal ridere.
Il ribaltamento dei ruoli non è novità al giorno d'oggi.

Paulm, ma non l'hai capita. Questi sedicenti "cristiani" indicano il dito , ma non la luna...orami va avanti così.

Vabbè , allora aspettiamo la scomunica e la passeggiata di Canossa, così le alte gerarchie sono soddisfatte).

Vauro / Calderoli mi sembra una cosa azzardata da affiancare solo per il fatto che il secondo non è un cittadino qualunque ma, anche ai tempi, svolgeva cariche Istituzionali e rappresentava, nel bene e nel male, lo STATO ITALIANO. Ora credo che lo Stato dovrebbe essere più sobrio e non scendere in comportamenti da Bar che invece tollero nei normali cittadini quale Vauro è.

Ora incriminare Vauro per una vignetta porta la comunità Cristiana, e chi la difende, alla stregue della Comunità Mussulmana integralista che grida "morte" contro il vignettista Danese che fece quel disegno contro Maometto.

Io personalmente mi sento offeso quasi giornalmente dall'ingerenza della Chiesa Cattolica nella vita sociale dello Stato Italiano. Le continue intromissioni sul "fine vita", la fecondazione assistita, le cellule staminali, i diritti delle coppie di fatto (omosessuali e non), Radio Vaticana e le sue onde nocive che causano tumori alla popolazione che abita vicino alle sue antenne, ecc.. ecc..

Ci fosse oggi un politico che dicesse che sarebbe ora di abolire i patti lateranensi fascisti.

Pizzi, la satira non dev'essere obiettiva né equilibrata. La satira esprime un punto di vista, uno. Vauro ha volutamente e spudoratamente ignorato gli altri aspetti, perché gliene interessava un altro.
Personalmente, penso che la vignetta non sia originale, sia di cattivo gusto e non faccia nemmeno ridere.
Detto questo, se non ci piace possiamo sempre cambiare canale.

Paul,
noi pubblichiamo sempre tutto, lo sai. Poi siete voi lettori a decidere cosa è interessante e cosa no e ad esprimere giudizi sugli articoli.
Questo articolo è il più letto di oggi, la cosa mi ha sorpreso, ma dobbiamo prenderne atto.

La satira è satira, chi si arrabbia o non ha il minimo senso dell'umorismo o ha la coda di paglia.

Gli altri si indignano e s'incazzano...ma non ammazzano.
I Musulmani sì.

Non mi pare una differenza da poco

ve la cantate e ve la suonate, ma imparate ad essere più tolleranti e più umili invece!

e studiate la storia invece del catechismo, chissà che non imparate qualcosa!

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Concordo assolutamente con te Melgaco, almeno in questo. Per quanto non abbia in simpatia i vari Calderoli, trovo che non ci sarebbe stato un bel nulla di sbagliato nel mostrare la T-shirt con i disegni del vignettista danese su Maometto.
Le motivazioni le ho già espresse abbondantemente nei post piu' sotto. Libertà di espressione, libertà di critica e libertà di Satira, con la "S" maiuscola.
E' ora che i credetni di TUTTE le religioni se la finiscano di offendersi, se i loro credi, i loro dogmi o le loro convinzioni indimostrate ed indimostrabili, vengono fatte oggetto di satira.
Se faccio la lista di tutti coloro che hanno pagato con la vita, le offese arrecate ad Allah o Maometto facciamo notte. Si definiscono "La religione della Pace" gli islamici...Fatti un giretto su questo sito:

http://www.thereligionofpeace.com/

E poi mi saprai ridire circa il loro vero concetto di "PACE" (!!!)

Ceppo, cosa aveva di osceno la vignetta di Vauro?
Ha forse scritto qualcosa di "non vero"???

Il problema sta a monte. L'Italia e' una Repubblica Laica e la religione Cattolica, non e' piu' religione di Stato dal 1984. La cosa veramente oscena, e' che destra, sinistra, centro, sopra e sotto, facciano politica sulla base di cio' che dice "sua maestà" d'oltretevere. Giocano tutti al rilancio ed alla concessioni di privilegi, benefici e leggi per conquistare la Chiesa ed i suoi conseguenti voti. Come nel piu' classico dei "DO UT DES"...E a pagare ovviamente e' sempre il cittadino "Pantalone", costretto a tirare la cinghia per arrivare alla terza settimana del mese, ed a vedere pure il lorsignori vestiti Prada con un anello di mezzo chilo d'oro al dito.
Vergona!!

Enea, la Chiesa si scagli tutti i giorni contro "i laicisti", e ancora non ha capito che e' proprio il Principio di Laicità di uno Stato che gioverebbe oltremodo alla loro libertà di religione.
Oltretutto la differenzazione che fanno i preti ed alcuni politici interessati a dipingere in modo dispregiativo chi combatte per il principio di laicità dello Stato, non ha un minimo di senso.
Dividere "laici" da "laicisti" e' sconcio a livello intellettuale.
La maggior parte dei dizionari della lingua italiana come il De Mauro o lo Zingarelli, in accordo alla definizione storica del termine laicismo, considerano i due termini come sinonimi, o meglio, definendo il laicismo semplicemente come la corrente di pensiero che rivendica la laicità.
Sostanzialmente e per farla in breve, non ci vorrà molto a capire che chi si adopera per la "pluralità", sara definito "Pluralista", chi si adopera per gli altri, sarà definito "Altruista", e via dicendo. Va da se che chi si adopera per la laicità, venga defnito "Laicista"...Ma chi si adopera per la laicità dello Stato, cosa avrebbe fatto di sbagliato, in considerazione che il principio di laicità e' espresso nella nostra Costituzione? ;)
Un caro saluto Enea,

Michele non ci penso minimamente a criticare te o chi lavora dietro VS, per l'uscita di questa notizia. Tantopiu' perche' e' uscita con due giorni di ritardo rispetto all'edizione on line del "Bugiardon"...E se sono arrivati a pubblicarla loro, figurati se accuso VS di eventuali sudditanze.

L'unica cosa che dovrei un tantino rimproverarti, e' un off-topic in piena regola, ma te lo dico lo stesso. Qualche giorno fa il Consiglio Comunale di Senigallia, ha approvato il famoso registro comunale per i Testamenti Biologici. Ebbene in quell'occasione, non e' uscita nemmeno un riga in merito, se non un comunicato dei Consiglieri Rimini e Mazzarini, contrari al registro.
E' sostanzialmente il primo caso in cui mi capita di leggere, prima le critiche alla notizia, che la notizia vera e propria. Magari, anzi, sono sicuro che non dipenda da voi, ma e' certo bizzarro che si leggano le reazioni ad una notizia mai uscita...! ;)
Ciao

Off-topic

La colpa e' tutta tua...Ti rimprovero da una vita che c'e' poco spazio a disposizione per i commenti! ;)
Se devo commentare una notizia, anche sciocca come questa, e devo approfondire le mie critiche, sono solito prendere punto per punto, analizzarlo e scriveci eventuali critiche e dubbi.
Mettici che sono prolisso di mio e che devo necessariamente bypassare alcuni vocaboli che non sarebbero di facile comprensione per gli altri lettori, ne escono necessariamente 5 commenti.
...Voilà! ;)

Vauro ha esagerato molto relativamente Quilly...

Su youtube, c'e' uno splendido video di una tua poesia, relativa alla "Messa di Natale alla chiesa del Portone". Al di là dei complimenti che ti faccio, perche' e' davvero divertente, anche tu in questa poesia dialettale, in fatto di "sbertucciamenti" alla Chiesa mica scherzi...Scimmiotti abbondantemente tutta l'ipocrisia dei vari fedeli cattolici, che sembrano capitati lì piu' per circostanza, che per un relativo rito religioso importante per un credente. La parte delle Signore con la borsa di Luis Vuilton e quella del prete che fa' addormentare tutti, e' fantastica. ;)
Mi e' piaciuta soprattutto perche' rispecchia fedelmente la realtà dei fatti...Di un paese che si straccia le vesti per una vignetta satirica che prende di mira il Papa, e poi a messa ci và 2 volte l'anno. ;)

Un caro saluto

No 83mal...Aspettiamo la scomunica di un Papa, visto che e' il primo colpevole di aver coperto molti preti pedofili.

Daniele, S. Agostino (Si si, proprio quello su cui la Chiesa ha fondato tutto quanto!!), aveva una concubina di 10 anni.

Fattene una ragione...

La colpa è nostra nel senso che non abbiamo seguito con abbastanza attenzione il consiglio comunale. Ma le nostre forze sono limitate. Se fosse arrivato un comunicato stampa lo avremmo di certo pubblicato.

Off-topic

Vabbè, dai sblocco. :-)

Off-topic

Patti Lateranensi Fascisti, POI RIVISTI da Craxi nel 1984, che fece ideare all'attuale Ministro dell'Economia Giulio Tremonti, il meccanismo/truffa dell'8x1000!...T'ho detto tutto!

I rapporti tra Italia e Vaticano, si reggono su leggi scritte da Mussolini e da Craxi...C'e' poco da stupirsi quindi, se le cose siano marce fin dalle fondamenta, e se il Principio di Laicità in Italia sia una barzelletta in Europa.

Daria, la seconda che hai detto...QUELO! ;)

Melgaco, "gli altri si indignano e si icazzano", ORA!
Ti assicuro che fino a 4 secoli fa', per certe critiche, anche molto piu' velate di quelle di Vauro, si finiva dritti sparati ad arrostire allo spiedo, dopo svariate torture da parte dell'inquisizione.

All'Islam odierno, rispetto ai Cristiani odierni, manca l'Illuminismo, La Rivoluzione Francese, La Rivoluzione industriale, il Risorgimento Italiano e via dicendo....La Chiesa certe cosine non se le puo' piu' permettere perche' i Valori ed i Principi nati in tutti questi periodi storici, gli hanno abbondantemente fatto abbassare le corna. Per l'Islam invece e' tutta un'altra cosa...Nella loro cultura, questi Valori e questi Principi non si sono mai nemmeno affacciati,. E chissà se tutto il polverone che sta accadendo in Egitto, Tunisia, Algeria e via dicendo, non si porterà dietro anche un minimo di questi valori!?...Io lo spero proprio.

E ti pare poco che i Cristiani siano 400 (dici tu...ma direi almeno 500) anni avanti?

Vogliamo farci tenere al laccio da gente che ancora sta al Medioevo?

Io personalmente, non mi faccio tenere al laccio nemmeno dai "neoTalebani" nostrani, che vivono ai giorni nostri, in un paese che ha l'assurda pretesa di dirsi civile e sviluppato...Figurati se mi faccio tenere al laccio da chi sta ancora al Medioevo.

Basterebbe leggersi i valori ed i principi espressi nelle Costituzioni dei paesi occidentali, per capire che la cultura islamica e' sostanzialmente incompatibile con la cultura occidentale. Basta il Principio di Uguaglianza, per tagliare le gambe a tutti i loro dogmi ed usanze che vedono la donna, sottoposta all'uomo.

Alla domanda: "Vogliamo farci tenere al laccio da gente che ancora sta al Medioevo?"

Rispondo: "NO" e rilancio con un'altra domanda: "Sei sicuro che di aver veramente slegato i laccio che ti teneva 400 (o 500) anni fa'?"

Se non si e' liberi nemmeno di criticare (giustamente!) la Chiesa per lo scandalo dei preti pedofili, ne dubito fortemente.
Un saluto,

A criticare i preti pedofili è stato il Papa per primo.

Vediamo se un Imam condannerà un kamikaze

Mi spiace, ma non siete di certo tu, Pindaro, o Paulm i miei maestri.
Maestri di cosa poi non so: forse di sterili critiche a senso unico, ma ogniuno è libero di esprimersi e di accettare o meno quello che si legge, quindi io son libero di non prendervi in considerazione.
Anche perchè di solito quando si vuol discutere di qualcosa si parla in due, qui vedo solo pensiero unico: e a me il pensiero unico non è mai piaciuto, da nessuna parte.
Saluti.

...e ogni tanto una camomilla...

E allora?
San Francesco, San Pietro, San Paolo, e molti altri no.
Un pò sterile una critica in questo modo, non credi?
E poi suvvia, non sarai proprio tu a non accettare il concetto che ogni cosa deve essere vista con gli occhi del proprio tempo!
In ogni caso la Chiesa NON ha fondato tutto quanto su S.Agostino: anche se lo hai indicato solo come "sintesi" di un discorso più ampio che volevi fare, non credo che tu sia un teologo (come non lo sono io ne mai lo sarò) con tutte le conseguenti conoscenze.

Mi sta bene: e invito te e Paulm a rileggere Voltaire.
Ma non il Candido, ma il Trattato sulla tolleranza.
Saluti

Elena

Daniele, mi citi molto opportunamente Voltaire e io sono appena tornata a casa dopo aver fatto una lezione proprio su di lui e sull'argomento della tolleranza! Vorrei condividere con tutti voi alcune osservazioni che ho letto in un libro di Kratriona McKinnon intitolato "Toleration". Il senso generico dell'argomentazione è questo. L'autrice insiste sul fatto che, in questi casi, non ha molto senso soffermarsi sulle "offese" che individui singoli o gruppi di varia cultura si rivolgono, perché l'offesa non dipende solo da ciò che è stato detto, ma soprattutto dalla sensibilità dell' "offeso", e non è detto che la soglia di tolleranza o di intolleranza di quest'ultimo sia giustificata.
Piuttosto, è necessario verificare se una data accusa possa aver provocato dei "danni" effettivi all'accusato. Per "danno" si intende il risultato di un'azione tale per cui all'accusato viene tolta la possibilità di rivendicare liberamente le proprie ragioni e di difendersi, compromettendo la stima di sé e l'onorevolezza del suo gruppo di appartenenza.
Osservando la lettera del signor Pizzi, noto con piacere che i credenti (di cui condivido empaticamente alcune perplessità, pur non essendo io stessa credente)non sono stati minimamente danneggiati dalla vignetta, dal momento che sono ampiamente tutelati dai mezzi di comunicazione in funzione nella nostra comunità.
A mio parere, altrettanto non si può dire dei non credenti, che mi sembrano molto danneggiati(e ribadisco il "danneggiati", non semplicemente "offesi") da una politica che intende proporre il modello cattolico come morale imperante, noncurante del fatto che ogni religione, avendo pretesa di universalità, atrofizza un sano pluralismo culturale, che dovrebbe fungere da carburante per una società che sappia mettersi sempre in discussione in maniera critica. La mia critica, qui, non è tanto rivolta alla religione e alla morale cattolica,quanto invece ai nostri politici, che permettono che esse detengano un'influenza onnipervasiva e tentacolare, mettendo a repentaglio il libero pensiero e sottoponendo ad indegne pressioni psicologiche chi non si conformi ai dettami religiosi.
quanto invece sugli eventuali "danni" che si possono arrecare. Proponendo l'esempio dei musulmani offesi dai "Versetti satanici" di Rushdie, la McKinnon afferma che una vignetta potrà urtare la sensibilità dei credenti, ma non danneggiarli, e questo perché sono ampiamente tutelati dalla società e dalla politica.

Ciò detto,
1)alla sottoscritta la vignetta non è piaciuta per niente (per motivazioni che non sto a spiegare qui), ma ritengo che la libertà di espressione vada difesa a sostegno del pluralismo e di una società che ci dia spunti di riflessione, anzichè proporre valori a senso unico.
2)Se è vero quanto sostenuto dal signor Pizzi, ossia che, nelle parole del sacerdote, "Vauro abbia di nuovo offeso, segnato e martoriato chi è stato vittima della pedofilia; argomento sul quale, come ha ricordato giustamente il Sacerdote, il Papa Benedetto XVI era già intervenuto, come Cardinale, durante l’ultima Via Crucis del Pontificato di Giovanni Paolo II"...beh, mi auguro che qualcuno concordi con me sul fatto che quanto proferito da questo sacerdote è una delle nefandezze più eclatanti che si potessero mai pronunciare per difendere la propria categoria. E' una frase che magari non danneggerà le vittime della pedofilia, ma che lascia ben intendere il livello di integrità e di coscienza civile di chi l'ha pronunciata.
Scusate la prolissità

Temo che mi si sia cancellata una parte di commento, visto che alla fine compaiono delle frasi sconnesse dal contesto! Stavo semplicemente dicendo che in Inghilterra il governo non ha accolto le richieste dei musulmani residenti in UK di censurare il libro di Salman Rushdie "I versetti satanici", dal quale si sentivano profondamente offesi. La ragione che è stata addotta era proprio la distinzione tra offesa e danno, più altri 4 argomenti:
1) Le espressioni artistiche non devono necessariamente essere intese come "informative", ma ad esse è concessa l'esagerazione e perfino la deformazione della realtà, purché essa abbia il potere di dirigere l'attenzione verso problemi reali e creare un dibattito.
2) La premessa "Voltairiana" secondo cui siamo tutti infallibili, per cui non possiamo ricorrere alla censura di opinioni che potrebbero avere degli aspetti sensati
3) Ogni opinione ha un "granello di verità", per cui avere più opinioni diverse è un bene, non un male.
4) Anche se la censura fosse ragionevole in alcuni casi, rischia di condurre lo stato verso una deriva oscurantista, e questo è un rischio da scongiurare ad ogni costo.
Tutte queste argomentazionoi sono contenute nel libro della McKinnon.

oltre a leggerlo occorre capirlo e meditarci caro daniele,
tu hai mai letto libri come "la favola di Cristo", "la posizione della missionaria", "l'illusione di dio" o "Rompere l'incantesimo, la religione come fenomeno naturale"?

credo di no (si vede dal tuo qualunquismo perbenista molto faziosamente procattolico), bene, se sei tollerante e vuoi avere una visione pluralista dovresti leggerli anche se sei credente, soprattutto se sei credente, in quanto ti darebbero una visione allargata della realtà e interessante anche se certo in contrasto con alcuni dogmi e pregiudizi in cui, inevitabilmente essendo vissuto in una cultura cattolicizzata, sei stato educato e istruito.

ecco, fai questo sforzo e poi potremo fare un confronto, sia su testi cattolici e bibbia o altri testi (anche Antonio Socci e vuoi) ma anche su testi critici e disincantati. Buona lettura alle persone intelligenti e aperte di mente.

PS un grande plauso al commento di Elena, obiettivo e intelligente che una volta di più mostra il valore delle persone razionali e non aggressivamente arroccate a difendere ideologie o altro ma interessate alla Verità e al confronto obiettivo!

bravo continua a stare solo con chi la pensa come te che così non ti stressi a dover vedere le contraddizioni e le assurdità della tua ideologia; cosi si vive piu tranquilli no, dormendo sulle proprie illusioni.

PS per viveresenigallia: non capisco perché i commenti dei razionalisti vengono censurati e quelli dei bigotti no; non capisco inoltre perché i comunicati stampa della curia siano tutti pubblicati e quelli dell'Uaar o dei radicali non NE VEDO MAI anche se so che vi vengono spediti.

Avete paura che la gente, leggendo che esistono critiche e sentendo altre visioni della realtà si accorga delle intrinseche contraddizioni morali e logiche del cattolicesimo e si sbattezzi in massa?

sei come berlusconi, dici che non hai commesso il reato e speri nell'ottusità dei tuoi perché ti credano, poi i FATTI chi se ne frega vero?

se sei onesto intellettualmente leggi questo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Pedofilia_e_Chiesa_cattolica

se sei onesto moralmente hai il dovere di pubblicizzarlo in tutti i modi possibile sennò sei complice, buona riflessione morale!

Brava Elena per l'ottimo commento, anche se non è filocattolico è troppo bello e non credo verrà censurato come quelli di Paul o di Pindaro.

Sul caso Vauro vorrei dire agli amici cattolici che sono in buona fede (agli altri non mi rivolgo) che cerchino di vederlo come un'occasione di riflessione, capisco che possa parere offensivo ma non lo è in quanto la satira deve far riflettere con piccole stoccate, e questo deve poter essere fatto con tutti (se pensiamo che un ente o una persona sono immuni, siamo nel culto della personalità staliniana e questo è contriario alla democrazia, ai diritti umani e al buon senso).

Poi cercate sempre con grande sforzo di non focalizzarvi sul dito (la vignetta) ma sulla luna (i casi di pedofilia nella chiesa e le vergogne di un Capo del Governo che la Chiesa non osa condannare benché immorale e blasfemo)

sui casi di pedofilia nella chiesa ci sono fior di informazioni da siti vari non ultimo wikipedia, si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Casi_di_pedofilia_all%27interno_della_Chiesa_cattolica

e la storia ci insegna senza dubbio che all'ombra della croce, da persone che pretendendo di essere la mano di Dio, sono stati commessi i crimini più efferati. E questi crimini sono anche peggiori proprio per questo.

Non è negando questo né negando il diritto di critica che si cancella queste cose, anzi si dà loro il diritto di esistere!
Io mi rivolgo ai cattolici in buona fede e che credono nei diritti umani: è più importante difendere la Chiesa o i diritti degli uomini? è più importante difedere un'idea o la dignità dei bambini?


Nessuno che invece prova a dire semplicemente che:
- Chiunque abusa sessualmente di una persona, ovviamente contro la sua volontà, tantopiù se la vittima è minorenne, deve essere processato da un tribunale dello stato e andare in galera per tanti, tanti, tanti anni.
E io aggiungo che sono molto favorevole alla castrazione per gli stupratori, non quella chimica però, ma quella chirurgica.

noi mettiamo links che tanto loro non vogliono vedere, tsk tsk: il papa non sbaglia e se sbaglia la colpa è di chi fa notare l'errore non di chi lo commette, vero cari plagiati di C.L.?

Ci sono persone come quel paziente che cacciava tutti i medici che gli dicevano che stava male e doveva curarsi, accettava solo i medici che gli dicevano che era in florida salute. Ovviamente morì.

C'è una pagina wikipedia, segnalata da me e ripresa da molti, (vedi su google: chiesa cattolica + pedofilia) io sono certo che nessun cattolico qui presente andrà a vederla e vorrà meditarci sopra. Perché?
Il perché è facile da capire: che ci frega della verità quando abbiamo i nostri dogmi da difendere?

Purtropo non è un caso privato perché tanti struzzi fanno sì che il mondo vada (male) come va! Chi pretende di ignorare certi fatti per egoismo e tornaconto personale prima o poi ne paga le consueguenze, esattamente come il paziente di cui parlavo all'inizio.

Se invece che dogmi ai giovani fosse insegnato il buon senso, il rispetto e soprattutto la capacità critica che miglior mondo sarebbe questo e come sarebbe più facile cercare la Verità invece di insabbiarsi in "resistenze psicologiche" tanto forti quanto puerili e inutili e dannose. Buona riflessione (a chi ha l'umiltà e il coraggio di farla).


Melgaco, questa e' una tua sensazione dettata piu' che altro dai media e dalle televisioni italiane.

Ci sono lettere e documenti scritti dal Papa ed inviati alle diocesi con preti accusati e sospettati di Pedofilia, che ti sbugiardano grandiosamente.

Diciamo che il Papa e' stato il primo a condannare la pedofilia di alcuni preti, quando e' saltato il coperchio ed e' venuto fuori lo scandalo che ha coinvolto la Chiesa (avrebbe potuto fare diversamente!?). Nel frattempo, quando ancora non si sapeva nulla a livello mediatico, la Chiesa agiva spostando il pedofilo in altre parrocchie e con altri incarichi. Si invitavano le famiglie dei ragazzi abusati a non sporgere denuncia agendo sui sensi di colpa delle vittime. Si minimizzava e si arrivava già a staccare assegni e pagare indennizzi e silenzi delle vittime. Tutto DOCUMENTATO.

I link che ho segnalato...Copiali e vai a vedere. Eviteresti figuracce da pecora che segue la mandria, andandoti ad informare.

Certo, come no! :D

Quindi i Teologi si possono occupare di qualsiasi cosa, dalla scienza, alla filosofia, dalla storia alla biologia, passando per l'archeologia e la fisica quantistica. Chi invece si occupa di queste cose e di moltissime altre cose, non puo' esprimere giudizi sulla religione e quant'altro, perche' non e' un teologo.

Bello e comodo così, non ti pare? :D
Quanto dev'essere bello, vivere e sparlare di tutto, senza avere un contraddittorio!

A me sembra che qui, l'unico a doversi rileggere qualcosina sulla tolleranza sono i credenti di tutte le religioni.
La tolleranza non mancherà mai a nessuno. Ne con i miei commenti aspri, ne con le vignette di Vauro, ti viene impedito di credere o praticare la tua religione, mi sono spiegato?
Diverso dalla tolleranza, e' il rispetto. per le nefandezze, i dogmi o la teologia assurda della Chiesa, non stà scritto da nessuna parte che io debba portargliene. Se gli abusi su bambini mi fanno schifo, mi fanno schifo e manchero' puntualmente di rispetto a chi ne commette. Se un dogma non e' razionale e non si spiega in nessun modo, non utilizzero certo una forma di riguardo per commentarlo o criticarlo. Una sciocchezza lo e' e basta. La tollero, certo. Tollero che tu ci possa credere. Ma non venirmi a dire che DEVO rispettarla, trattarla con i guanti o concedere che non ci si possano fare vignette satiriche sopra.
Popper spiega molto meglio la situazione della tolleranza, rispetto a Voltaire. Quando la Chiesa porterà rispetto a tutti, verrà rispettata.

Elena...
2) "La parte dell’omelia più significativa e toccante è stata poi quella in cui ha sottolineato come con quella vignetta il Vauro abbia di nuovo offeso, segnato e martoriato chi è stato vittima della pedofilia"

Qualsiasi credente presente che fosse stato a conoscenza dello scandalo nei suoi particolari, si sarebbe alzato dai banchi, ed avrebbe sputato in faccia al prete. Il ragionamento "Vauro colpevole per la vignetta - Chiesa innocente per lo scandalo" e' da nausea...E si pretende pure che non ci si incazzi bene, bene e che si prenda una camomilla (!!!).

E' proprio vero. "Non si puo' essere allo stesso tempo, credenti, intelligenti ed in buona fede."

Un caro saluto,



Dovrei mettere sullo stesso piano Voltaire assieme ad autori onestamente minori per non dire ignoti?
E dovrei confrontare delle idee universali e universalmente riconosciute, come quelle appunto di Voltaire, l'ispiratore dell'Illuminismo con le loro?
Mi spiace, ma non c'è paragone.

Che arricchimento di idee ne riceverei a leggere dei libri che mi parlano di ricerche storiche quasi impossibili (non ci sono documenti diretti), o che mi descrivono una persona in una determinata maniera?
Tutti quanti con la stessa pecca: che sembrano dimenticarsi che, A PRESCINDERE da chi fosse DAVVERO Cristo, le sue idee si sono espanse in maniera incredibile nei primi 300 anni pur essendo "scomodamente" rivoluzionarie.
Quindi qualcosa di buono le avranno pur avute.
Madre Teresa, invece, ha accudito e accudiva ogni giorno fino alla fine della sua vita i "paria"-senza casta indiani, la più misera della misera gente, gente malata e abbandonata da tutti, fino all'ultimo: e quella gente era li accanto a piangerne la scomparsa, anzichè maledirla, quindi qualcosa di bene deve aver pur fatto.
Sono le conseguenze positive delle idee e delle persone che contano.
Vi piace troppo trovare il particolare scandaloso che ammalora il generale positivo.

Fatevene una ragione, i cristiani non sono come li dipingete e nemmeno la Chiesa.
In Italia il problema serio è che la politica è debole, fatta da puttanieri venditori di fumo e menefreghisti: questa è la vera "crociata" da fare!

"...Ma non venirmi a dire che DEVO rispettarla...".
E invece si, altrimenti saresti/sei un intollerante.

ma daniele se non hai il corgaggio di leggerli come fai a sapere cosa c'è scritto?

su voltaire Elena t'ha spiegato che lo intrepreti male, ti sono stati suggeriti link a una semplice pagina wikipedia, nemmeno quella riesci a vedere?

Teresa di Calcutta era una persona un po' strana, ti dico solo informati, poi ne riparliamo, ma se: non hai la umilità o il coraggio (per paura) di informarti e vuoi restare con le tue cognizioni di parte, be' che discussione può esserci?

ma vivere in una monocultura e in monopregiudizio è una schiavitù che non ti invidio, non c'è persona più ignorante di chi crede di sapere e non sa e stimolato non vuole informarsi. Poi contento te, è tipico di molte persone crogiolarsi nelle loro idee e non avere il coraggio di metterle alla prova di informazioni e idee altrui.

PS dire che Daniell Dennett, Richard Dawkins, Odifreddi e altri siano autori minori o sconosciuti è una fandonia, è famoso Antonio Socci per te? Dai un po' di umilità, solo perché i più grandi pensatori viventi dicono qualcosa che non ti sta bene (e dovresti leggerli prima comunque per criticarli) non ti autorizza a mancare loro di rispetto (questo sì che è mancanza di rispetto, altro che vignette di Vauro che invece segnalano un problema e aiutano la gente onesta ad evitare di mandare i loro figli dai preti visto poi cosa rischiano, come vedi da una parte c'è altruismo da parte tua solo egoistica difesa ad altranza dei proprio pregiudizi), comunque come detto, contento te...

del resto non fa una piega, se un dogmatico si mette in discussione in capo a breve non resta più dogmatico, ti auguro prima o poi di trovare il coraggio e l'umità quindi di fare il grande passo di accettare le critiche senza paure né rimpianti infantili per dogmi inutile e anzi dannosi. Buona fortuna

Come si può tollerare che la maggioranza della popolazione mondiale, si scanna in nome di un immaginario dio, che anzichè pensare al benessere in vita ci si prepari al benessere da morti. E non venitemi a dire che i cristiani non lo fanno, perchè ci sono cappellani militari in ogni esercito, e quei sacerdoti nell'esercito benedicono chi con un arma si prepara a sparare per uccidere, quei sacerdoti benedicono gli eserciti che vanno in guerra.
Un uomo non potrà mai definirsi libero se quell'uomo professa una fede religiosa, perchè comunque dovrà sottostare alle leggi e alle regole di quella religione, dovrà sottostare alla gerarchia che quella religione impone.
La signora madre Teresa di Calcutta ha fatto quello che ha fatto, a prescindere dal fatto che era una cristiana, perchè se prendete ad esempio universale un cristiano che ha fatto del bene, allora dovete metterlo sullo stesso piano di quelli che hanno ucciso in nome del vostro dio, e sono molti di più gli assassini dei benefattori.
Questo naturalmente vale per tutte le religioni.
In conclusione, per me è veramente impossibile pensare che si possa vivere, sperando che un'allucinazione ti renda più sopportabile la morte.
Solo una presa di coscienza personale e individuale può servire a migliorare questo mondo, finchè la maggioranza verrà indottrinata e condotta all'ammasso come tante bestie da macello, ci saranno sempre e solo miseria, guerra e stupida ed inutile avidità.

Commento modificato il 29 gennaio 2011

Consigliarmi di leggere Odifreddi, Richard Dawkins e Daniell Dennett per farmi un'idea sarebbe come se io suggerissi a te di leggere le Confessioni di Sant'Agostino, per confutare le mie tesi.
Vedi, il pregiudizio solo vostro che avete è che io, come molti altri, sia il classico "indottrinato": Socci , sempre per citare l'esempio, so chi sia ma non lo leggo.
Altro pregiudizio: ho letto tutti i link che avete postato, anche quello sulla pedofilia, ma c'è pure scritto che la chiesa sta combattendo questa piaga.
Ancora pregiudizio: ho scritto che la vignetta di Vauro doveva essere uno sprone a combattere la pedofilia, e non l'ho criticata come altri perchè apprezzo l'ironia in genere, anche se piccante purchè non denigrante.
O forse pregiudizialmente hai interpretato quello che scrivo sulla base dei tuoi preconcetti sui cristiani?
Avendo accettato la vignetta, il discorso di Elena per quanto mi riguarda è completamente fuoritema.

E comunque basta, di certo non possono essere delle persone prevenute e giudicanti e in perenne lotta contro le idee altrui a poter dare la "patente" di libero pensatore.
Rispetto le idee altrui, e questo mi basta per pretendere il rispetto delle mie.
Ma c'è modo e modo per esprimere le proprie convinzioni: quello che davvero non sopporto è chi mi vuol chiudere dentro uno stereotipo che si è creato, come io non chiudo nessuno in stereotipi.
Ho visto troppe cose passate/presenti di negativo accadute per colpa di stereotipi, classificazioni, pregiudizi, ed ho sempre imparato a diffidare di chi mi si presenta imponendomi la SUA verità.

la differenza tra me e te è che io Sant'Agostino l'ho letto, ho letto la bibbi, Pascal e persino l'imitatio christi, perché non ho paura di dover cambiare idea. Tu di cosa hai paura? di perdere tempo leggendo dei grandi pensatori che però non la pensano come sei stato educato a pensare fin da piccolo? oppure temi che la tua fede non sia costruita su basi cosi solide da reggere il confronto?

Vedi bene che i talebani prendono i bambini fin da piccoli e li abituano a credere a certe cose che poi da adulti parranno loro naturali, è semplice psicologica tipica anche dei regimi totalitari (nazismo e comunismo sovietico), credi sia un metodo corretto?

Tu, se vuoi esser onesto intellettualmente, devi ammettere che sei stato educato in una cultura impregnata di cristianesimo, e questo ti sbilancia verso delle idee o una filosofia di vita che non necessariamente è quella giusta, credo sarebbe corretto ammettere questo aprendosi, anche solo per curiosità e per amore della ricerca della verita, a culture diverse e che ti mostrano altre vie, poi mica sei obbligato ad accettarle, ma non dire che sei obiettivo o tollerante se vuoi leggere SOLO i libri che piacciono a te.

Non funziona così la tolleranza e l'apertura mentale. E non dire che la nostra cultura è apertissima, io a scuola ho trovato Sant'agostino e Manzoni, ma non certo D'Holbach, Jean Messlier, Darwin, Dawkins, Russell (premio nobel, spero tu lo conosca). Questi la scuola italiana li censura perché non vuole critiche all'imperante e imposto cristianesimo. Facile così imporre un'idea, ma triste e anche tanto sciocco.

Un atto di coraggio e di onestà: prova a leggere uno degli autori da me suggerititi, non muori. E poi riflettici, diventerai una persona migliore come tutte quelle che allargano i loro orizzonti, e anche più tollerante. se invece resti nel tuo orticello mi spiace davvero per te.

i cristiani sono avanti perché c'è stata la rivoluzione illuminista che ha tolto potere ai cristiani e ai religiosi in genere in Europa.

nel medioevo eravamo peggio dei talebani e se non stiamo attenti potremmo tornare a quello, io non voglio tornare ai roghi e all'ignoranza imposta dalla chiesa, non so voi; la superiorità civile dell'europa sta nel suo essersi LIBERATA DALLA SUPERSTIZIONI E BIGOTTISMO MEDIEVALI, ma non certo per merito della Chiesa!

Qui si confonde la malattia (=la chiesa) col medico (=i liberi pensatori). Meditate.

sottoscrivo appieno il pensiero di Enea, un mondo migliore passa necessariamente attraverso lo sforzo umile -ma necessario- di essere consapevoli e informati.

In questo senso spero tutti, buddhisti, islamici, cristiani, agnostici e atei (ma vorrei dire in un unica definizione, noi esseri umani), avremo sempre l'umiltà e la voglia di confrontarci e di informarci e -senza demonizzare- ma con la necessaria forza e impegno portando le proprie informazioni a disposizione di tutti senza paura e senza arroganza ma con spirito collaborativo a ricercare la verità per il bene di tutti.

Chi parla e accetta il dialogo difficilmente ricorrerà alla violenza, e chi conosce gli altri ed è consapevole di sé stesso difficilmente imporrà se stesso agli altri.

Però è basilare avere l'umiltà di informarsi, di riconoscere sempre di poter aver sbagliato (e non farne un dramma), e di evitare la propaganda, come atto di rispetto e apertura verso l'altro-da-sé.


Daniele confondi la tolleranza con rispetto. sono due cose diverse. Già la spiegazione te l'ho data.
La libertà di credere in cio' che vuoi non te la toglie nessuno e non e' affatto minacciata. Il rispetto per cose assurde, indimostrabili ed indimostrete, non te lo devo proprio per niente. E' logica...!

Il rispetto va guadagnato, e questo vale per tutti, Chiesa dogmatica compresa. Se una concetto o un'assunto e' una sciocchezza, lo e' e basta, e non merita nessun credito.

Trovo motlo piu' intollerante chi minaccia di scomunica i farmacisti o i medici che vendono p prescrivono la pillola del giorno dopo.
Vai a vedere il sito di "Militia Christi" e poi semmai, torni a parlarmi di tolleranza...O di rispetto se vuoi.

"autori onestamente minori per non dire ignoti"

La punta dell'iceberg: Russell, Dawkins, Popper, Meslier, Schopenhauer, Goethe, Nietzsche, Balzac, De Sade, Marx, Baudelaire, Wilde, Twain, Freud, Kafka, Pound, Sartre, Onfray, Saramago, Hack...Tutti ignoti e minori. Tutti pirla incalliti. Tutti degli scemi di guerra in tempo di pace. Una manica di cretini, già, come no!...Come non darti ragione Daniele!

...Meglio leggersi un bel testo presunto sacro di 3000 anni fa' che non si rapporta con il mondo contemporaneo, o un'altro completamente contraddittorio, scritto da 4 faziosi seguaci, di cui 3, che sono nati DOPO la morte del tizio sul quale hanno la pretesa di raccontarci le cronache.

Io non ho la pretesa di dirti cosa devi leggerti o meno, per formarti un pensiero e fai bene a sceglierti da solo cosa leggere. Auspico solo che manterrai lo stesso comportamento, nei confronti di chi fa' di tutto per farti leggere i suoi libri.

"c'è pure scritto che la chiesa sta combattendo questa piaga."

MA VA!?...Ci mancherebbe solo che ingora la faccenda e fa come se non fosse successo nulla.
Ci manca solo che minimizzino ancora "la piaga".
Chiaro che una volta che hai sollevato il tombino, piu' smuovi il contenuto e piu' senitrai la puzza. Quindi e' ovvio che e' opportuno richiuderlo, no!?