Maiolati: da' fuoco all'appartamento dove vivono moglie e figli, arrestato

carabinieri 1' di lettura 31/01/2011 -

I carabinieri della stazione di Moie hanno arrestato un albanese di 49 anni, B. S., per incendio doloso.



L'uomo nei giorni scorsi aveva litigato con la moglie, con la quale si stava separando. La donna aveva chiamato i carabinieri che avevano allontanato B. S. dalla casa coniugale. Domenica sera, verso le 23, la donna ha chiesto nuovamente aiuto ai militari perchè il marito voleva entrare in casa. I carabinieri sono intervenuti ed hanno trovato l'uomo in forte stato di agitazione ed hanno notato del fumo uscire dall'abitazione.

I militari hanno forzato la porta, svegliato la moglie dell'albanese e tratto in salvo la donna con i due figli piccoli. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco che hanno aiutato ad uscire dall'abitazione una famiglia bengalese che vive al secondo piano della palazzina. Dagli accertamenti eseguiti è emerso che l'incendio, di origine dolosa, si è sviluppato dal pian terreno dello stabile e precisamente da una porta in legno.

B. S., accusato di aver provocato l'incendio, è finito in manette. Tutti gli occupanti dello stabile, compresi i due carabinieri, sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari dell'ospedale di Jesi.






Questo è un articolo pubblicato il 31-01-2011 alle 19:47 sul giornale del 01 febbraio 2011 - 821 letture

In questo articolo si parla di cronaca, incendio, francesca morici, carabinieri, moie

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gT8