contatori statistiche

Maiolati Spontini e Castelbellino promuovono la discussione sul nucleare

Stemma del Comune di Maiolati Spontini 3' di lettura 09/02/2011 -

Gli assessorati alla Cultura dei Comuni di Maiolati Spontini e Castelbellino promuovono un doppio appuntamento, in questo fine settimana, per affrontare il controverso tema del nucleare. Si tratta del dibattito dal titolo “Ni al nucleare. Un convegno da affrontare senza pregiudizi”, in programma domenica 13 febbraio (ore 17), e dello spettacolo “La luce addosso. Storia della bomba che ha cambiato il mondo”, in scena sabato 12 febbraio (ore 21), entrambi al Teatro Spontini di Maiolati.



A 24 anni dal referendum abrogativo si torna a parlare di centrali ed autonomia energetica, a seguito della decisione del Governo che ritiene sia giunto il momento di produrre in proprio questo tipo di energia anziché acquistarla all’estero. C’è chi sostiene che questa decisione sia opportuna e lungimirante, chi è convinto, invece, che l’energia prodotta dal nucleare rappresenti solo una minaccia. Il convegno mette a disposizione un tavolo su cui i più qualificati rappresentanti degli opposti schieramenti argomenteranno al pubblico, con la chiarezza necessaria, le ragioni per le quali si dovrebbe/non si dovrebbe ricorrere al nucleare.

“Sarà un’importante occasione da cui ricavare le nozioni necessarie per esprimere un giudizio consapevole sull’argomento”. E’ quanto hanno sottolineato questa mattina (mercoledì 9 febbraio), nel corso di una conferenza stampa alla biblioteca La Fornace di Moie, il sindaco di Castelbellino Demetrio Papadopoulos, l’assessore alla Cultura di Maiolati Spontini Sandro Grizi, il professor Franco Rustichelli, docente di Fisica all’Università Politecnica delle Marche, e Elena Monti, del gruppo teatrale Fuoritempo. Oltre a Rustichelli, nel ruolo di moderatore, interverranno al convegno il professor Ugo Bardi, relatore contro il nucleare, docente di Chimica e fisica all’Università di Firenze, e il professor Pietro Maria Putti, relatore pro nucleare, sub-commissario dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie e lo sviluppo economico sostenibile (Enea).

Il convegno è a ingresso libero, come pure lo spettacolo “La luce addosso” che attraverso musica, immagini e recitazione, con 27 attori della compagnia marchigiana Fuoritempo sulla scena, affronterà il tema delle armi atomiche.

“Ci sono problemi collegati sia a una soluzione che all’altra – ha osservato Rustichelli – è fondamentale, quindi, documentarsi e capire, sostanzialmente, quale sia il male minore. Nel corso del dibattito si forniranno nozioni tecniche, normative e scientifiche sull’argomento, attraverso due qualificati relatori come i professori Bardi e Putti”.

L’assessore Grizi, dopo aver sottolineato la collaborazione fra i due comuni di Maiolati Spontini e Castelbellino, ha evidenziato come “la nostra posizione, come Amministrazioni, è quella di aiutare la gente a capire. Vogliamo dare strumenti e favorire il confronto”.

Sull’importanza dell’informazione ha insistito anche il sindaco Papadopoulos, rilevando con una nota critica anche il fatto che “nonostante si parli tanto di federalismo, non è previsto il parere delle Regioni sul decreto relativo alla scelta del nucleare”.






Questo è un articolo pubblicato il 09-02-2011 alle 14:18 sul giornale del 10 febbraio 2011 - 1094 letture

In questo articolo si parla di comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini, energia nucleare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/hcx





logoEV
logoEV