Cicconi Massi: le firme contro Berlusconi sono inutili, lo legittimano le elezioni

Alessandro Cicconi Massi 10/02/2011 -

Il capogruppo del PdL in Consiglio Comunale, Alessandro Cicconi Massi giudica "legittime" ma inutili le firme raccolte per le dimissioni di Berlusconi, che ha autorità per  governare grazie alle elezioni ed ai voti di fiducia in Parlamento. A Senigallia "Mangialradi non governa ma galleggia - continua Cicconi Massi - fino ad ora non sono state fatte cose rilevanti".



Le 1.500 firme raccolte da Pd, IdV e Vivi Senigallia sono, per il PdL locale, una manifestazione democratica e legittima, ma le firme e le petizioni non possono annullare il risultato delle elezioni ed i voti parlamentari.
Gli scandali del momento non incidono sul Governo, anzi, in Parlamento il Governo si sta rafforzando. "Questo scandalismo mediatico non sta producento effetti" conclude Cicocni Massi

Ma Alessandro Cicconi Massi non si limita a commentare la situazione politica nazionale, ed analizza anche la posizione politica locale: "Non sono state portate in Consiglio Comunale pratiche essenziali per la politica della città. Nella scorsa legislatura su pratiche importanti ci sono state forzature che ci hanno spinto ad uscire dall'Aula consigliare. Ad oggi si è discusso assai poco di pratiche rilevanti. Mangialardi non sta governando, sta facendo ordinaria amministrazione. Solo ora stanno arrivando cose di rilievo, speriamo di trovare nella Maggioranza una posizione di apertura e di rispetto delle nostre posizioni. Fino ad ora abbiamo avuto segnali positivi, ma se non sarà così faremo opposizione dura".

L'intera intervista è disponibile nel video.








Questa è un'intervista pubblicata il 10-02-2011 alle 10:50 sul giornale del 11 febbraio 2011 - 4150 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, alessandro cicconi massi, consiglio comunale, politica, Popolo delle Libertà, pdl, Pdl Senigallia, intervista

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/he3


Per lo stesso ragionamento "Mangialardi ha autorità per governare grazie alle elezioni ed ai voti di fiducia in Consiglio" e se prende delle decisioni contrarie alle vostre idee è nel pieno dei suoi diritti ... caro Cicconi è un cane che si morde la coda ...

bello bello siamo in democrazia "purtroppo". il sig sindaco come gli pare ci fa a casa sua!!!, anzi neanche li visto che ha moglie e figli.

Cicconi Massi, questa storia che siccome ha vinto le elezioni (grazie al Porcellum, non lo dimenticare) allora può fare ciò che vuole è una boiata! Le elezioni non sono una investitura che regala il potere a vita, sono una consultazione il cui esito dipende da ciò che accade nel momento in cui si svolgono.

Se dopo le elezioni il soggetto vincitore mostra di essere indegno del potere che il popolo gli ha temporaneamente delegato, ce lo dobbiamo tenere lo stesso? Io direi di no, in democrazia! Dunque, farglielo sapere male non fa.

Per adesso la sinistra deve pensare a come inserire nei posti comunali i loro pupilli. La classe del '68 e' tutta a scaldare le sedie degli uffici municipali.
Grazie sinistra. E poi non vado oltre......

Io purtroppo non sono riuscito ad avere un posto comunale perchè non ero dello stesso colore di loro. Invece una ragazza (e poi una gran bella ragazza) è riuscita senza concorso a rimanere con il posto fisso lì dentro. Con questo si puo' vedere che la sinistra fa lo stesso "Bunga bunga" del nostro Primo Ministro.
CHI E' SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA.

Off-topic

Se proprio vogliamo parlare di inutilità, non leghiamola però all'idea che Berlusconi goda di un'autorità legittimamente conseguita. Le firme saranno inutili perché al governo abbiamo una persona che non ne tiene conto. E questo è ben diverso.
Comunque, la sottoscritta ha firmato e crede di aver compiuto un atto utile per le seguenti ragioni:

1) è un piccolissimo modo per rafforzare il senso delle proprie idee e la propria coscienza civica
2) si può essere d'esempio ad altri che, magari avendo le stesse convinzioni, si sentono sfiduciate e accettano passivamente le vicende politiche.
3) Si rivendica il senso della partecipazione politica
4) E' solo una goccia nell'oceano, ma non si crea un oceano senza gocce.

Per alcuni tutto questo potrà essere ritenuto *inutile*, però prendere posizione è una cosa *importante*, e alle cose inutili e non importanti preferisco quelle inutili e importanti.

Io sono del '68 e non scaldo nessuna sedia,....

ma il Cicconi mica ha raccolto firme per mandare a casa Mangialardi
o non è consentito criticare Magnalardi?

in democrazia vigono anche leggi che regolano il mandato degli eletti e le condizioni per eleggerli o sostituirli

purtroppo per voi, l'attività sessuale non è contemplata da queste leggi e i novelli bacchettoni ex teorizzatori dell'amore libero (ma solo per loro) devono sorbirsi ancora un pochettino l'odiato berlusca

Certamente contano i voti, più delle firme. Però è di oggi una iniziativa di un parlamentare pdl che in commissione vigilanza rai ha proposto l'ennesimo tentativo di porre un bavaglio alle opposizioni. Se già il vostro capo dispone di televisioni, quotidiani, periodici e dio solo sa che cos'altro,(vedi le marchette delal petruni con ferrara sul tg1)ma si accanisce tanto per far tacere quelli che lo avversano, secondo lei consigliere, non vorrà dire che si è ad un passo dalla dittatura,almeno quella mediatica. Allora ecco perchè è importante la raccolta delle firme, per testimoniare che c'è una parte del paese che non accetta di tacere. Ecco perchè anche le firme contano.

Sig freewilly, dell'attività eroticosessuale del vostro capo ce ne frega, almeno a me, assolutamente niente. Ma se lo stesso interviene con tutto il suo peso per far uscire dalla questura la sua amichetta marocchina, per paura che si metta a raccontare cose pesanti, allora io mi chiedo, per esempio, sulla vendita di alitalia che cavolo avrà combinato, visto che i buffi ho dovuti pagarli anche io. Dia un'occhiatina ai giornali esteri, notoriamente vetero comunisti, tipo il WP, il NYT, il WSJ per non dire di quei bolscevichi del Figaro e di Le Monde, e vedrà come commentano le note vicende. E guardi che gli articoli non li scrivono i giornalisti di repubblica o l'espresso, hanno i loro corrispondenti a roma che seguono i fatti italiani. Ecco come siamo ridotti, lo zimbello del mondo.

Roberta

Commento sconsigliato, leggilo comunque

WP, NYT, WSJ, Figaro, Le Monde
lei è un tipo colto e poliglotta

no, non intendo dare un'occhiata perché di quel che scrivono non me ne frega una minchia, e se anche scrivono che siamo un popolo di merde (per dirla alla francese) è grazie alla fabbrica del fango che s'è messa in moto, fabbrica tutta italiana e tutta di un colore a lei caro, il rosso

la stessa fabbrica che ha accusato in continuazione il nostro capo (come lei chiama anche il suo presidente del consiglio) di essere mafioso ma che si scorda di indagare su chi veramente è sceso a patti con la mafia, perché puta caso aveva lo stesso colore che, ripeto, a lei continua a piacere tanto, sempre il rosso

Sig. freewilly forse non mi sono spiegato bene, chiedo scuso e provo a farlo megli. Il fango, se mai di fango si trattasse, non lo hanno inventato i comunisti, anche perchè in giro ne vedo ben pochi, se l'è procurato il suo capo, io preferisco non averlo un preidente del consiglio, piuttosto che averne uno come questo. Purtroppo la limitazine del popolo italiano sta tutta nel fatto che invece distudiare qualche altralingua si è sempre limitato a guardare certa televisione, quella disignorini, per capirci. Ed ecco li il risultato. Infine tenga conto che quando gente della sinistra si è fatta beccare in situazioni, come dire, sconvenienti, ha avuto il pudore di togliersi dalla scena, ha dato le dimissioni e se ne è andata a casa.

PS: ho citato solo i giornali scritti in lingue che riesco a decifrare. Purtroppo non conosco tedesco e spagnolo, ma chi le conosce mi dce che il tono è il medesimo. Siccome l'ITALIA non è solo dei berluscones che, si ricordi sempre, sono si maggioranza in parlamento grazie ad una legge truffa, ma anche di chi non vota per il capo,mi devo vergognare di essere italiano.