Sicurezza: si riunisce l'osservatorio regionale per le politiche integrate

sicurezza pubblica 11/02/2011 -

Nuovi percorsi formativi e informativi per la Polizia locale, l’organizzazione di un workshop per l’esame dei progetti realizzati da Comuni e Province in tema di sicurezza; un compendio statistico aggiornato sull’andamento della criminalità nella regione. Sono questi alcuni punti del piano di lavoro per il 2011 dell’Osservatorio regionale per le politiche integrate di sicurezza, che sarà discusso nel corso della riunione di lunedì 14 febbraio.



L’Osservatorio si riunisce in media due volte l’anno per un confronto sulle linee di attività e sulle iniziative adottate dalla regione in materia di sicurezza. L’incontro di lunedì sarà particolarmente significativo perché una questione centrale del programma di governo della legislatura 2010-2015 prevede, infatti, in riferimento alla sicurezza personale e di sistema, la tutela integrata dei cittadini rispetto a ogni fenomeno criminale.

L’Osservatorio è composto dal Comitato di indirizzo e dal Comitato scientifico. Del primo fanno parte rappresentanti istituzionali regionali, provinciali, degli enti locali, dell’Ordine degli avvocati e degli assistenti sociali, del volontariato sociale, delle Università marchigiane, degli immigrati e dell’Ufficio scolastico regionale. Il secondo è composto da tre esperti esterni all’amministrazione. Sono poi invitati i prefetti delle Marche e il procuratore generale della Repubblica, il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona e il procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei Minori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2011 alle 18:00 sul giornale del 12 febbraio 2011 - 1414 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, sicurezza, sicurezza pubblica, forze dell'ordine, osservatorio regionale, politiche integrate

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hjD


Saremmo felici di conoscere le modalità di scelta dei componenti, in particolar modo del comitato scientifico. Quando è stato pubblicato il bando, che diffusione ha avuto, chi ha scelto i nominativi dei componenti. Visto che in giro non ne sapeva niente nessuno. Sarà mica ancora una volta uno dei soliti pastrocchi della giunta spacca, e dei suoi validi super dirigenti?