Quantcast

Banca Popolare di Ancona nel futuro, il fotovoltaico per ricoprire l’Esagono di Jesi

Ubi banca popolare di Ancona 2' di lettura 15/02/2011 -

Il nuovo impianto, continuamente monitorato, è stato realizzato dal Gruppo Loccioni. “Puntare al risparmio energetico e investire nelle energie rinnovabili”. Non è più solo uno slogan, tante volte pronunciato nel rinnovare da parte di UBI BPA il proprio impegno nei confronti delle energie sostenibili. Oggi, UBI Banca Popolare di Ancona compie un altro deciso passo verso il futuro.



Già nel 2008, sposando il progetto Leaf Community del Gruppo Loccioni, UBI BPA diventava protagonista attivo della prima community sostenibile d’Italia; esperienza e collaborazione continuata con coerenza sia sul fronte della divulgazione di buona pratiche, con convegni ed eventi dedicati, sia internamente, nell’implementazione di un percorso integrato di sostenibilità.

Sulla copertura del parcheggio interno alla sede della BPA, infatti, è stato istallato un sistema fotovoltaico in grado di produrre energia elettrica per una potenza di poco inferiore ai 200 Kwp. L’impianto istallato dal Gruppo Loccioni (che già aveva realizzato gli impianti elettrici in Esagono negli anni ottanta), consente lo scambio dell’energia prodotta sul posto e quindi l’autoconsumo; tale soluzione permette un risparmio sulle spese correnti pari ad un valore medio di circa 0,15 euro a KWh rispetto alla attuale bolletta energetica, con un risparmio in termini di costo dell’energia consumata stimata in circa 22.000 euro annui.

Questo risparmio in bolletta si aggiunge ai ricavi legati al riconoscimento dell’incentivo da parte del GSE pari a 0,384 euro per KWh, oltre al contributo in conto scambio. Oltre a produrre una sensibile riduzione di tonnellate/anno di CO2 immessa nell’atmosfera, il piano prevede un effetto economico positivo anche nel periodo di vita fiscale dell’investimento, ultimato il quale andrà integralmente a beneficio del conto economico, fatta eccezione per il primo anno nel quale, per effetto del pagamento dell’IVA, vi sarà una sostanziale neutralità sotto il profilo economico. L’effetto economico medio nell’arco di 20 anni è stimato in circa 50.000 Euro medi annui.

Ma la sostenibilità è anche e soprattutto efficienza energetica. UBI BPA ha definito un percorso di interventi sul fronte del risparmio di energia e dell’abbattimento degli sprechi, già in parte concretizzato con la sperimentazione di nuovi sistemi di illuminazione e di automazione dell’edificio.

Energia risparmiata, prodotta dal sole, riduzione delle emissioni di CO2: con l’istallazione del Leaf Meter UBI Banca Popolare di Ancona misurerà, comunicherà e monitorerà il suo percorso di sostenibilità in tempo reale. L’iniziativa sarà presentata prossimamente con un apposito incontro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2011 alle 11:34 sul giornale del 16 febbraio 2011 - 1057 letture

In questo articolo si parla di attualità, fotovoltaico, banche, UBI Banca Popolare di Ancona, Esagono

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/hpM





logoEV
logoEV