Sostituire coperture in eternit con il fotovoltaico: nuovi 'incentivi' per bonificare la città

2' di lettura 09/03/2011 -

Sostituire le coperture in eternit con impianti fotovoltaici beneficiando degli incentivi statali, il tutto avvalendosi della consulenza passo passo di esperti messi a disposizione dal progetto Azzero CO2.



Parte da Senigallia la campagna regionale del protocollo d'intesa sottoscritto da Regione Marche, Provincia di Ancone, Legambiente e Comune per “cancellare” la presenza del famigerato amianto disseminato spesso ovunque.

“Il Comune ha già provveduto alla bonifica di tutti gli edifici pubblici del territorio -afferma il sindaco Maurizio Mangialardi- ma fra i privati restano ancora troppe strutture in amianto, dalle fabbriche ai capannone alle rimesse o garage delle abitazioni fino ai tetti”.

“Senigallia è la prima città delle Marche a partire con questo progetto perchè ha una sensibilità maggiore sulle problematiche legate all'amianto anche per via della ex Sacelit-Italcementi -
aggiunge l'assessore provinciale Marcello Mariani- l'operazione di sostituzione delle coperture in eternit con pannelli fotovoltaici ha una doppia efficacia. Oltre ad eliminare l'amianto e a sostituirlo con una fonte di energia rinnovabile, contrasta anche il fenomeno del proliferare del fotovoltaico a terra. Un'operazione rispetto alla quale in questa Provincia diciamo basta perchè deturpa il paesaggio che invece vogliamo tutelare”.

Concretamente chi vuole sostituire una copertura in amianto con pannelli fotovoltaici si reca in uno dei centri di Legambiente e compila l'apposito modulo. Seguirà quindi il sopralluogo tecnico con relativo preventivo. Il tutto gratuitamente. Se si sceglie di procedere, verrà ceduto il diritto di superficie per vent'anni della superficie in questione e l'installazione del fotovoltaico verrà eseguita beneficiando degli incentivi statali che nella maggior parte dei casi di piccole e medie superfici copre interamente il costo dell'intervento. Per ulteriori informazioni www.azzeroco2.it








Questo è un articolo pubblicato il 09-03-2011 alle 23:28 sul giornale del 10 marzo 2011 - 4955 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, eternit

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/igc


"beneficiando degli incentivi statali che nella maggior parte dei casi di piccole e medie superfici copre interamente il costo dell'intervento"
Non ne sarei proprio sicuro... Visto gli ultimi decreto.
Ma forse in Comune non è arrivato.

Di primo acchitto parebbe un'ottima iniziativa. Poi, leggendo, una domanda sorge spontanea: il privato sostiene i costi, seppure mitigati dagli incentivi, della rimozione delle coperture in amianto e loro sostituzione coi pannelli. Poi, però, DEVE CEDERE per vent'anni il diritto di superficie alla società che monta i pannelli.

Come spesso accade, si socializzano i costi o li si scaricano sui propietari, e si privatizzano i vantaggi arricchendo una impresa privata?

però il preventivo lo fanno gratuitamente :)

Una buona iniziativa, anche se vi consiglio di visitare il sito dell'azienda promotrice, per cedere l'uso del tetto ed avere in cambio la rimozione gratuita dell'eternit, dovete disporre di almeno 3500 mq di copertura.
Comunque, chi ne ha bisogno credo faccia bene ad informarsi meglio, potrebbe essere una buona opportunità.




logoEV