contatori statistiche

Anche la Croce Rossa Italiana di Jesi partecipa alla commemorazione dell'Unità d'Italia

croce rossa 2' di lettura 14/03/2011 -

Il Commissario del Comitato Locale di Jesi, Dr. Francesco Bravi, scrive a Vivere Jesi per partecipare alla ricorrenza del 150° Anniversario dell'Unità d'Italia, ricordando come proprio in quegli anni nacque la Croce Rossa.



"Penso di poter inserire con orgoglio e a buon diritto, nella celebrazione dell'Unità d'Italia, anche quella dell'Unità della Croce Rossa.

Proprio a quella fase eroica della nostra Storia,il Risorgimento,si fa risalire la nascita della Croce Rossa che è un fenomeno stupendo ed esaltante, dovuto all'idea del fondatore svizzero,Henry Dunant,che si era trovato,il 24 Giugno 1859, nel tentativo di raggiungere Napoleone III°,a Solferino,teatro di terribili scontri fra soldati italiani,austriaci e francesi.

Quella straziante carneficina,nel corso della quale ci furono 40.000 soldati tra morti e feriti,dette lo spunto al nostro Dunant a raccogliere attorno a sé uomini e donne del luogo,per soccorrere e salvare i feriti di quella battaglia.

Diede il via a qualcosa di veramente grande,coinvolgendo uomini e donne di qualsiasi censo,animati da forti ideali di solidarietà, che si è tramandata negli anni,sino ai nostri giorni,sotto l'emblema della Croce Rossa.

Fu quello il primo corpo dei volontari che portarono soccorso ai feriti militari,sulla base del principio della protezione e del rispetto dell'essere umano in campo di battaglia.

E furono quelle le basi dei sette Princìpi della Croce Rossa:la neutralità e l'imparzialità,essendosi presi cura di feriti dello stato sabaudo,francese e austriaco,senza alcuna distinzione.

Da allora,fu tutto un susseguirsi di trattative con i capi di stato che aderirono nel corso degli anni,fino alla attuale adesione di 174 stati,nel rispetto delle Convenzioni di Ginevra.

Nel 1864 Milano aderì alla Croce Rossa con la nascita di gruppi di volontariato e del Corpo delle Infermiere Volontarie(le Crocerossine). E' del 1864 la nascita del Diritto Internazionale Umantario che parte dal principio fondamentale di Umanità e dal presupposto che chi è ferito non è più un militare in armi.

Oggi parliamo dell'Unità d'Italia, ma anche dell'Unità della Croce Rossa. Nessuno pensi che l'Italia si possa frammentare. C'è un'Italia unita come c'è una sola Croce Rossa, unica e indivisibile".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2011 alle 14:28 sul giornale del 15 marzo 2011 - 2503 letture

In questo articolo si parla di attualità, cri, Croce Rossa Jesi, Anniversario unità d'Italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/irl





logoEV
logoEV