contatori statistiche

Al via i lavori per la stazione Interporto: c'è la firma!

Interporto Marche 2' di lettura 22/03/2011 -

Altra significativa giornata per lo sviluppo dell'Interporto delle Marche grazie alla firma apposta sul contratto che consentirà di avviare i lavori per la realizzazione della stazione interporto.



I lavori che cominceranno nel giro di una settimana saranno conclusi tra 15 mesi ed il completamento dell'opera consentirà di realizzare un'infrastruttura tecnologica capace di instradare i treni dall'interporto direttamente sulla linea Orte-Falconara in entrambe le direzioni (Orte e Falconara) e non più in regime di interruzione di linea mediante tradotta come avviene oggi con evidenti risparmio in termine di tempi e costi.

La firma sul contratto è stata apposta da Roberto Pesaresi, Presidente di Interporto Marche Spa e da Davide Massaro in rappresentanza dell’A.T.I. composta da COSTELDATI s.r.l di Foggia, GLOBAL COSTRUZIONI s.r.l.-di Caserta, TEMA s.r.l di Napoli, aggiudicataria dell'appalto “Lavori di adeguamento della linea ferroviaria Orte - Falconara tra la stazione di Jesi e Chiaravalle con l'inserimento di una stazione ferroviaria a servizio dell'Interporto delle Marche e relative opere ferroviarie e civili connesse” relativo all’intervento per la realizzazione della stazione Jesi-Interporto, presso l’Interporto Marche.

L’investimento complessivo per la realizzazione delle opere ferroviarie a servizio dell’Interporto Marche S.p.a. ammonta a € 21.401.078,05, di cui € 9.624.358,28 relativi ai lavori già realizzati per la realizzazione delle opere ferroviarie che attualmente consentono l’operatività in regime di tradotta.

Contemporaneamente sono in corso di realizzazione, direttamente indirettamente altri investimenti per circa € 4.000.000,00.

Grande soddisfazione nelle parole di Roberto Pesaresi, Presidente di Interporto Marche Spa: “Oggi si scrive un'altra pagina importante nella storia di questo interporto realizzando la stazione in accordo con RFI – Rete Ferroviaria Italiana all'interno della proprietà di questa società. Nell'ultimo anno e mezzo e nei 15 mesi prossimi continueremo ad instradare i treni in regime di tradotta sopportando il costo ulteriore e i tempi dilatati, ma è l'unico modo per avviare l'intermodalità in questo territorio. Come per tutte le altre opere appaltate e realizzate – ha aggiunto - se avessimo atteso che tutto fosse stato a posto non avremmo avviato nulla, invece l'input impartitoci dal governatore Spacca è stato sempre quello di assecondare i tempi dell'economia mettendo in funzione ciò che di volta in volta abbiamo realizzato nel rispetto del crono-programma che ci siamo imposti.”








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2011 alle 17:22 sul giornale del 23 marzo 2011 - 951 letture

In questo articolo si parla di economia, jesi, Interporto Marche spa, roberto pesaresi, interporto marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/iKr





logoEV
logoEV