Senigallia a due facce: centro storico in crisi, lungomare 'felice'

3' di lettura 03/04/2011 -

Il centro storico verso una crisi del commercio che non sembra allentare neanche con l'inizio della stagione turistica. A “tenere botta” sono però i locali e i ristoranti che tengono alta la movida senigalliese, e in estate l'exploit è anche sul lungomare.



È una medaglia a due facce quella prospettata dai commercianti ed esercenti che lamentano un centro storico in crisi a causa dell'introduzione della ztl e un lungomare invece sempre attivo in estate. E proprio per fare il punto sugli effetti negativi apportati dall'introduzione della ztl h24 in piazza Saffi, via Solferino, via Oberdan e via Chiostergi, le associazioni di categoria lunedì pomeriggio incontreranno nuovamente il sindaco Maurizio Mangialardi e la Giunta comunale.

“Prima del vertice, in mattinata, incontreremo i commercianti del centro storico per fare il punto sulla situazione a due mesi dall'introduzione della ztl per capire se qualcosa è cambiato e cosa l'Amministrazione intende fare -spiega Massimiliano Santini di Cna- la situazione più critica è legata alle attività che insistono nell'area attorno alla ztl di piazza Saffi dove i parcheggi non ci sono più”. In vista della stagione turistica, per rianimare il commercio nel centro storico, gli esercenti stanno organizzando nuove iniziative che vanno dagli incentivi allo shopping alla sicurezza. “Ad aprile in via Carducci tornerà l'infiorata e per la festa della mamma riproporremo Un caffè in centro, dove con un acquisto si riceve in omaggio un caffè nei bar che aderiscono all'iniziativa -aggiunge Santini- pensiamo però anche a migliorare la sicurezza (alla luce anche dei frequenti atti vandalici in centro ndr) e per questo sarà introdotto un servizio di vigilanza del centro storico con costi minori ma con maggior efficienza rispetto alla vigilanza privata che ora hanno i singoli negozianti e vogliamo coinvolgere anche il consorzio dei commercianti che si sta formando in centro”.

Sugli effetti negativi della ztl il giudizio è pressochè unanime. “L'economia di marzo è decisamente negativa se paragonata al 2010 e la colpa è della ztl perchè non è stato risolto il nodo di piazza Simoncelli e dei parcheggi venuti a mancare -fa eco Giacomo Cicconi Massi di Confartigianato- sul lungomare invece la questione è diversa operatori balneari e gestori di locali e ristoranti quando c'è bel tempo, come in questo fine settimana, il lavoro c'è e anche in previsione dell'estate le aspettative sono buone. Le attività sono tutte confermate, al massimo con cambi di gestione ma senza vuoti mentre basta fare un giro nel centro storico per vedere quanti cartelli con la scritta 'affittasi' ci sono”. Nel centro storico a “restistere” restano i locali e i ristoranti. “Il settore dei servizi funziona bene -prosegue Cicconi Massi- ma tutti gli altri, dagli artigiani ai commercianti, faticano. Del resto ci sono mesi di forte stagnazione nelle vendite del centro storico, come nei periodi di febbraio e marzo, dove nulla è stato fatto per incentivare il commercio”.






Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2011 alle 09:02 sul giornale del 04 aprile 2011 - 5228 letture

In questo articolo si parla di economia, commercio, giulia mancinelli, lungomare, centro stroico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jaR


mamma come sono catastrofisti questi dell'artiginato .......
i parcheggi in via Oberdan non sono mai esistiti, sempre occupati dagli abitanti della zona e dai commercianti che hanno i negozi nei paraggi, che mi ricordo io non sono mai stato capace di trovare un posto libero in quella zona per sostare con l'auto, e sarei curioso di sapere in quanti negli ultimi anni sono riusciti a trovare un posto libero per il proprio automezzo...

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ribadisco....Piazza Duomo sempre vuota per tre quarti. Io dico ma come si fa a fare un bilancio della Ztl dopo un mese? Bisogna aspettare minimo un anno, quando i lavori ai giardini saranno conclusi e saranno approntate le migliorie alla Piazza. Non mi pare comunque che prima della Ztl ci fossero commercianti contenti, felici e gaudenti da quelle parti. A mio avviso si deve studiare la situazione e apportare le necessarie migliorie che vanno concertate con l'amministrazione, ma se si tornasse indietro e ci fosse un ripensamento sulla Ztl sarebbe una sconfitta epocale....

ribasso degli acquisti rispetto a Marzo 2010... dicono colpa della ZTL... Ma a Febbraio, quando la ZTL nn c'era, gli acquisti rispetto Febbraio 2010, erano in attivo? E Gennaio? Non è che si vuole nascondere dietro la ZTL problemi che sono più grandi (la reale diminuzione degli acquisti su tutto il territorio nazionale).


Vorrei solo segnalare che adesso non ci sono più i parcheggi per i motorini.

Leobi,condivido totalmente le sue considerazioni,anche perchè coincidono con l'esperienza personale di questi anni;aggiungo che, una delle pochissime volte(si potrebbero contare sulle dita di una mano)che ho trovato un parcheggio in via Oberdan,qualcuno,ha pensato bene di"sradicarmi"lo specchietto retrovisore laterale,imprudentemente rimasto non protetto,cioè ripiegato sullo sportello.

Questa storia della ZTL sta diventando una farsa indicibile. Ma veramente vogliamo dare la colpa dei mancati introiti dei commerciantia alla ZTL? Parcheggi ce ne sono, basta fare due passi in più, ed è contro ogni logica pensare che 50 parcheggi in meno, di cui molti perennemente occupati da abitanti e commercianti, abbattano il fatturato dei negozi. Poi da che mondo e mondo i commercianti ne hanno sempre una per lamentarsi e francamente hanno anche un po' stufato. Per dirne una: l'articolo parla di settore dei servizi e ristorazione che funziona bene, però poi se parli con i ristoratori non fanno altro che lamentarsi....Mah!

Non mi è mai capitato, in 42 anni, di rinunciare ad andare in centro per mancanza di parcheggi.
Per ilresto concordo con OmniaByte.




logoEV