Lo “Stabat Mater” eseguito nella splendida chiesa di nella chiesa di San Giovanni Battista

14/04/2011 -

Tra le iniziative artistiche, culturali e religiose che caratterizzano le imminenti festività pasquali se ne segnala una che in se stessa campendia e risalta i tre aggettivi d'apertura.
Si tratta di un evento che vede coinvolte due associazioni del territorio: "Regina della Pace" e "Organistica Vallesina".



Nel pomeriggio del 19 aprile prossimo, nella chiesa di San Giovanni Battista (conosciuta anche con il nome San Filippo) con inizio alle ore 18,30, alcuni elementi di queste due entità artistiche proporrano l'esecuzione di quello che, giustamente, viene considerato il capolavoro assoluto di Giovanni Battista Pergolesi: lo "Stabat Mater", il componimento musicale che ancor oggi, a distanza di circa tre secoli, esprime al meglio la sacralità della vicenda letteraria contenuta nel testo scritto da Jacopone da Todi.

Protagonisti dell'evento culturale-religioso: il sopramo Elisabetta Amici, il contralto Valeria Pastore, Fabiola Frontalini e Diego Pucci impegnati nell'organo a quattro mani; strumento, questo, che sostituirà il piccolo complesso d'archi ed il basso continuo previsto dal compositore jesino per la sua opera. Il pomeriggio musicale sarà preceduto da una breve riflessione e commento da parte di Mons. Attilio Pastori che non mancherà di sottolineare il fatto che Pergolesi non solo frequentò quella chiesa, ma che questa è anche l'unica ad aver mantenuto l'aspetto architettonico di allora.

L'esecuzione dello Stabat Mater, proposta dal gruppo musicale proprio agli inizi della Settimana Santa, avverra con i protagonisti ospitati nella cantoria della chiesa.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-04-2011 alle 20:52 sul giornale del 15 aprile 2011 - 3646 letture

In questo articolo si parla di cultura, Sedulio Brazzini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jFc