Chhiaravalle: Prc, vicini a Moscatelli, assessore scaricato dal Sindaco

rifondazione comunista prc 17/04/2011 -

Che l'assessore Moscatelli abbia sbagliato è certo, che sbaglierà ancora è probabile, tuttavia ci sentiamo di esprimergli la nostra vicinanza. Quello che è successo nell' ultimo consiglio comunale di Chiaravalle è inaudito e ricorda gli ancestrali e crudeli riti del "capro espiatorio".



Una giunta allo sbando, "nave senza nocchiero in gran tempesta" avrebbe chiosato Dante, e , non solo sulla questione, per molti versi marginale della viabilità in via Leopardi, ma, soprattutto, su vicende essenziali che si condensano nell' incapacità di chiudere un bilancio senza colpire la scuola, le famiglie, la qualità e le tariffe dei sevizi primari, scarica sull' assessore tutte le responsabilità (già collettivamente condivise) dimidiandone la potestà (gli vengono revocate le deleghe più importanti) e additandolo in questo modo al ludibrio pubblico e all'esecrazione di una cittadinanza esasperata.

C'è molta ipocrisia e molta ignavia in tutto ciò e illustra i limiti e le qualità del Sindaco Montali che invece di assumersi in pieno le sue responsabilità, ammettere gli errori, avviare un confronto vero con i cittadini e, per questa via,intraprendere nuovi percorsi scarica il suo assessore.

Cosa farà Antonio Moscatelli non lo sappiamo, la dignità indicherebbe la via, quello che è certo e che da venerdì Chiaravalle è senza Sindaco poichè se l'assunzione delle responsabilità è la prima delle condizioni che permettono l'autorevolezza l'atto testimonia inequivocabilmente la mancanza di questa qualità tra le doti del primo cittadino di Chiaravalle.


dal Partito della Rifondazione Comunista Chiaravalle





Questo è un articolo pubblicato il 17-04-2011 alle 11:55 sul giornale del 18 aprile 2011 - 929 letture

In questo articolo si parla di partito rifondazione comunista, Partito della Rifondazione Comunista Chiaravalle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jJ0





logoEV