Blocco del traffico e domeniche ecologiche: così Jesi contrasta le polveri sottili

Gilberto Maiolatesi 3' di lettura 19/04/2011 -

Scatterà giovedì 21 aprile il divieto di transito nel territorio del Comune di Jesi atto a contrastare il fenomeno delle polveri sottili, secondo la Direttiva dell'Unione Europea recepita con Decreto Legislativo dal Governo Italiano e accolta con delibera della Giunta Regionale delle Marche.  La normativa è stata applicata ai Comuni maggiormente esposti al fenomeno, tra cui quello di Jesi.



Saranno due i giorni settimanali durante i quali non potranno circolare i veicoli diesel Euro 0-1-2 senza Filtro Anti Particolato e veicoli diesel dotati di Filtro Anti Particolato con Massa Totale a Terra maggiore di 32 tonnellate Euro 0-1, i mezzi automobilistici di più vecchia immatricolazione, per intenderci. Traffico vietato anche ai ciclomotori e motocicli 2 tempi pre Euro. Il lunedì e il giovedì sono i giorni stabiliti dall'Amministrazione Comunale per il divietro di transito esteso a tutto il territorio del Comune di Jesi nelle fasce orarie del mattino (dalle ore 8,30 alle 12) e del pomeriggio (dalle ore 14,30 alle 18). Per verificare a quale classe Euro appartenga il proprio veicolo si può controllare il libretto di circolazione dell'auto o recarsi al sito del Comune di Jesi all'indirizzo www.comune.jesi.an.it. Per le deroghe alla limitazione, si può consultare la foto in allegato all'articolo che specifica i mezzi esclusi dal divieto di transito.

"Vorremmo dare il segnale che la città si può vivere in maniera diversa - specifica Gilberto Maiolatesi, Assessore all'Ambiente del Comune di Jesi - e far capire che questo provvedimento non è di limitazione, ma di educazione e cultura. Abbiamo realizzato dei depliant in cui è spiegato il fenomeno delle polveri sottili e quali rischi comporti per l'ambiente e per l'uomo."

Il divieto di transito per i veicoli diesel di vecchia immatricolazione si estenderà fino a lunedì 31 maggio. E sempre per questo mese sono previste due domeniche ecologiche, con blocco totale del traffico, ad eccezione di alcune deroghe. Una è fissata per l'8 maggio, giornata nella quale a Jesi verrà realizzata l'iniziativa Bicincittà. In occasione del Palio di San Floriano, previsto per quel fine settimana, il blocco del traffico terminerà intorno alle ore 16. L'altra domenica ecologica sarà il 29 maggio, in cui, anticipa l'Assessore, si svolgerà presso i Giardini Orti Pace una festa sull'integrazione e sull'ambiente.

Nonostante questi provvedimenti, l'Assessore è scettico circa la diminuizione del fenomeno delle polveri sottili: "Credo che nel prossimo autunno la Regione ci chiederà molto di più - afferma Maiolatesi - in inverno non ci sono stati grossi cambiamenti circa le percentuali di polveri nell'aria. Voglio tuttavia ribadire che Jesi è uno dei 17 Comuni che si sono schierati contro l'installazione di rigassificatori e della mega centrale Api. Non possiamo permetterci di avere centrali che ingolfano e inquinano e dobbiamo chiedere alle persone di utilizzare meno le automobili."

L'Assessore torna poi su una questione delicata e cruciale per l'inquinamento a Jesi, il trafficato Asse Sud della città, identificato in particolare con il quartiere Prato, via Gallodoro e via XXIV Maggio. "Questo quartiere è quello che sta soffrendo di più rispetto all'inquinamento e alla qualità della vita - continua Maiolatesi - questa parte di città deve essere sgravata dai mezzi pesanti. Non è razionale far passare questi veicoli in alcune ore del giorno in cui non si cammina proprio. C'è la possibilità di emanare un'ordinanza per limitare il transito dei mezzi pesanti e la deroga riguarderebbe solo il carico-scarico."








Questo è un articolo pubblicato il 19-04-2011 alle 14:22 sul giornale del 20 aprile 2011 - 4744 letture

In questo articolo si parla di attualità, polveri sottili, gilberto maiolatesi, ilaria cofanelli, assessorato all'ambiente jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jOl





logoEV