Uil Fpl: i cittadini ed i lavoratori non saranno lasciati soli

Uil Fpl 27/04/2011 -

Grandissima incertezza sul futuro dei servizi dell’Asur Zona Territoriale n.5 per la cittadinanza, nessuna risposta concreta sul futuro dei tantissimi precari in servizio nella Zona mentre la Zona stessa soffre di una evidenziata e cronica carenza di risorse umane.



Ormai da mesi la Direzione latita nel dare precise risposte sul futuro dell’organizzazione dei servizi e soprattutto sui due problemi più gravi, quello legato alla probabile riduzione dei posti letto e quello relativo al destino dei circa duecento precari della sanità pubblica Jesina.

Ci domandiamo come verrà gestito il passaggio di alcune unità di degenza dal vecchio al nuovo ospedale, quale sarà il futuro dei dipendenti e, soprattutto, quali saranno i criteri di riferimento per l’organizzazione dell’assistenza all’utenza, non ultimo quanti posti letto si paventa di eliminare.

Fino ad oggi però nulla di ufficiale è stato condiviso con le Organizzazioni sindacali.

Tale atteggiamento risulta quanto meno censurabile se pensiamo che probabilmente già dal mese di Giugno 2011 la R.S.A. di Montecarotto chiuderà a causa di ristrutturazione.

Considerando poi il mancato utilizzo di una parte della R.S.A. di Filottrano (sono utilizzati solamente 10 posti letto dei 20 preventivati), il taglio dei posti letto nei reparti chirurgici del nosocomio del Viale della Vittoria per il periodo estivo, arriveremo ad una riduzione prevedibile di circa 50 posti letto e forse anche di più.

Ma la Zona sa che nel periodo estivo le malattie e le persone malate non vanno in vacanza?

Risulta sconosciuto il motivo della probabile chiusura del reparto di OTORINO quando lo stesso potrebbe riassorbire parte dei posti letto non aperti della RSA di Filottrano, parte dei posti letto della R.S.A. di Montecarotto in ristrutturazione (ancora per quanti anni ???) oltre quelli delle altre U.O. che ridurranno la degenza per il periodo estivo. Ma siamo certi che sarà solo per il periodo estivo?

Perché finora la Direzione di Zona ha fatto di tutto per non discutere, in maniera chiara e approfondita, alcun nuovo piano di riorganizzazione dei servizi, ma solo pseudo ipotesi?

La UIL FPL è assolutamente contraria a qualsiasi strategia di riduzione dei posti letto e di tagli al personale impegnato quotidianamente nell’assistenza diretta al paziente, soprattutto in una Sanità che fino ad ora e con l’organizzazione attuale ha sempre funzionato, con tutte le sue eccellenze.

Pronta invece a discutere da subito una seria razionalizzazione della spesa che non incida esclusivamente sul personale del Comparto e vada invece ad analizzare ed eliminare sprechi ed inefficienze reali.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-04-2011 alle 13:50 sul giornale del 28 aprile 2011 - 860 letture

In questo articolo si parla di attualità, uil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/j5d