Isola pedonale: Prc, sperimentare l'accesso per tutti i disabili con impossibilità motorie

prc 29/04/2011 -

In merito alla questione dei disabili e l'isola pedonale di Jesi, la nostra posizione è stata già espressa anche dal consigliere Achille Bucci nella commissione dedicata all'oggetto.



La nostra richiesta, che nasce anche da una profonda conoscenza del problema da parte dell'ex assessore ai servizi sociali Daniela Cesarini, è di consentire l'accesso, nelle forme e modalità da definire, all'isola pedonale ai disabili con gravi e inoppugnabili impossibilità motorie nel caso debbano usufruire di servizi di primaria necessità (farmacie di turno ecc.). Si tratta peraltro di pochi casi, persone alle quali sarebbe del tutto reso impossibile l'accesso al centro della città.

Questa la nostra richiesta, che chiediamo venga presa in considerazione per non rendere ancora più difficile la vita a persone già alle prese con molteplici difficoltà quotidiane. Il tutto ovviamente soggetto a un periodo di sperimentazione, durante il quale si potrà verificare l'effettiva funzionalità della soluzione adottata.

Al di là delle proposte del consigliere Massaccesi, noi riteniamo che la creazione di un'isola pedonale sia una conquista e un beneficio per l'intera città, da sostenere da parte dell'intero consiglio comunale a prescindere da rigidezze personali e propagande di vario tipo, cercando però di trovare tutte le soluzioni possibili affinché non si creino disparità e discriminazioni.

Su questi temi Rifondazione Comunista si è sempre impegnata e continuerà a farlo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2011 alle 20:03 sul giornale del 30 aprile 2011 - 723 letture

In questo articolo si parla di attualità, prc jesi, isola pedonale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kdh