Monte San Vito: lo picchiano in 5 perchè non paga l'affitto, 10 giorni di prognosi

Carabinieri 1' di lettura 30/04/2011 -

Reo del mancato pagamento dell'affitto dell'abitazione in cui viveva, un trentenne di origini napoletane residente a Monte San Vito, è stato picchiato a sangue dal figlio della proprietaria dell'immobile, B.S. le sue iniziali.



I Carabinieri della Stazione di Monte San Vito guidati dal Maresciallo Giovanni Delfino, dopo una chiamata al 112 che riferiva della lite che stava avvenendo in un'abitazione della periferia, si sono recati all'interno della casa trovando il trentenne napoletano con gravi ferite alla testa, tanto che si è reso necessario il suo trasporto all'ospedale di Ancona Torrette dove i medici l'hanno giudicato guaribile in 10 giorni.

B.S., il figlio ventenne della proprietaria dell'abitazione nella quale risiedeva il trentenne, aveva aggredito con un oggetto contudente il suo inquilino. Ma non ha agito da solo: complici nell'aggressione sono stati cinque suoi amici di Falconara Marittima, chiamati dal ventenne per impartire una lezione al napoletano reo di non aver pagato l'affitto.

Nella disponibilità di B.S. è stato rinvenuto anche un “tirapugni” con cui l’affittuario in ritardo con il pagamento della pigione è stato colpito. B.S. una volta dichiarato in arresto è stato ristretto nelle camere di sicurezza della caserma di Jesi e sabato mattina è comparso davanti al Tribunale di Ancona dove il giudice, previa convalida dell’arresto, ha concesso al giovane la liberazione avendo il legale dello stesso chiesto i termini a difesa.








Questo è un articolo pubblicato il 30-04-2011 alle 18:28 sul giornale del 02 maggio 2011 - 1963 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ilaria cofanelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/keE





logoEV