Monte San Vito: Sordoni, la Sartini racconta favole sui permessi

Gloria Anna Sordoni 08/05/2011 -

Se non fosse per l’importanza della questione, che investe direttamente la mia immagine di pubblico amministratore, nonché quella di pubblico dipendente, oggi nemmeno mi soffermerei sull’ennesimo attacco che il Sindaco di Monte San Vito –Avv. Sabrina Sartini− mi rivolge. Un attacco che oramai dura da un mese, forse unicamente finalizzato a sviare l’attenzione dall’aumento delle indennità di carica −notevole e irrispettoso− che il Sindaco stesso (assieme ai componenti della sua Giunta) si è prontamente regalata a neanche 45 giorni di distanza dall’insediamento.



Visto che si vuol prendere di mira il modo stesso in cui ho svolto il mio ruolo di Sindaco (dividendomi tra il compito istituzionale e il mio lavoro di pubblico dipendente), non posso che sottolineare la non veridicità delle affermazioni fatte dal Sindaco Sartini, la quale sostiene che la sottoscritta avrebbe mensilmente utilizzato “18 giorni di permesso su un totale di 23 lavorativi per svolgere l’attività amministrativa”, o comunque, in alternativa, un numero di permessi stimato “fino a 17 giorni su 23 lavorativi”. Preciso ancora una volta che i numeri di cui parla l’Avv. Sartini non sono affatto cosa vera, né si capisce dove si possa/voglia arrivare con siffatte affermazioni, fumose ed del tutto fuorvianti, nonché frutto di mere combinazioni numeriche letteralmente gettate a vanvera. Senza la benché minima prova, senza la benché minima certezza. E col “supporto” fittizio di un’ipotesi mai divenuta realtà. Infatti, l’Avv. Sartini non fa che ipotizzare un utilizzo di permessi per 6 giorni lavorativi, 2 Giunte settimanali e 1/2 Consigli Comunali al mese: tutto ciò….per arrivare ai fatidici nonché “colpevoli” 17/18 giorni. Senza riscontro di alcun tipo, e con la sola intenzione di gettare discredito sulla mia figura. Ribadisco nuovamente di aver operato sempre e solo nel pieno rispetto delle disposizioni di cui al Decreto Legislativo 267/2000 (testo unico delle leggi sugli ordinamenti locali). Inoltre, la scelta da me fatta (mezza indennità e tempo pieno al lavoro) nasce unicamente dalla volontà di non gravare sulle casse comunali, e devo rimarcare che l’aggiustamento lavoro/attività amministrativa è cosa davvero possibile.

A questo punto, visto che il Sindaco Avv. Sartini sostiene di dire cose vere e di non doversi affatto scusare, la invito espressamente a dare conto dell’assoluta certezza che ostenta circa il numero dei miei permessi lavorativi. Con ciò, la sollecito a dimostrare concretamente la veridicità delle affermazioni fatte: dacché sostiene di non poter essere smentita, non può sottrarsi al compito di provarle. Né io, dalla mia, posso accettare che si faccia appositamente confusione in merito, giocando solo ed esclusivamente con mere congetture e calcoli assolutamente falsi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-05-2011 alle 17:19 sul giornale del 09 maggio 2011 - 947 letture

In questo articolo si parla di politica, monte san vito, Gloria Anna Sordoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kwU