Sabato la premiazione per “il Giornale della Scuola” organizzato dall'Ordine dei Giornalisti

Ordine dei Giornalisti 18/05/2011 -

Sabato prossimo (21 maggio), a Jesi, alle 10, nella sala congressi della Banca Popolare di Ancona si svolgerà la premiazione del concorso “il Giornale della Scuola” organizzato dall’Ordine dei giornalisti delle Marche. Novanta le Scuole partecipanti da tutta la regione. Tre premi pesanti (mille euro ciascuno) e un riconoscimento speciale per il miglior servizio su un prodotto del nostro territorio: l’olio extravergine di oliva.



La Giuria ha stilato la graduatoria finale che sarà però rigorosamente tenuta segreta fino a sabato prossimo, giorno della premiazione. E’ prevista la partecipazione di circa 300 persone fra studenti, docenti e dirigenti scolastici. I rappresentanti di una Scuola di Ascoli (docenti e allievi) arriveranno addirittura in treno e dal capoluogo piceno (con tre cambi) diventa quasi un’avventura. Tutti vogliono esserci a questa grande festa della creatività.

La Giuria ha avuto un compito arduo nel selezionare i lavori, tutti di ottimo livello con punte di eccellenza sorprendenti. Molti i premi speciali: dalla testata più originale, al legame con il territorio; dalla pubblicità creativa al corredo fotografico. Premiate anche la continuità, l’originalità, l’ideazione del fumetto, la grafica e il servizio d’autore: decine di premi, una pergamena per le Scuole partecipanti e una medaglia ricordo per tutti i ragazzi.

Il Concorso, alla sua seconda edizione, è stato organizzato dall’Ordine dei giornalisti in collaborazione con la Banca Popolare, la Maip Pieralisi, l’Ufficio scolastico regionale e con il patrocinio dei quotidiani marchigiani (Corriere Adriatico, Carlino e Messaggero), dei settimanali cattolici, della Rai e di Tv Centro Marche. Scopi e finalità dell’iniziativa sono stati illustrati, in una conferenza stampa, dal Presidente della Banca Popolare di Ancona, Corrado Mariotti, dal Presidente dell’Ordine dei giornalisti Gianni Rossetti e dal Presidente della Giuria, Alfonso Benvenuto.

Molti li chiamano “giornalini”. Forse è un inconscio senso del pudore di chi li fa e pensa di “invadere” un campo non proprio. O forse è un amorevole senso di protezione verso una cosa alla quale si tiene molto. I giornali scolastici sono una straordinaria ricchezza di espressività, di freschezza e anche di inventiva. Tante “voci” che sono segno di identità e di spontaneità, ma anche importante strumento didattico e di formazione in generale. Sono l’anima dei nostri giovani. Un mondo vivo, pulsante, fantasioso e propositivo che resta però nell’ombra, confinato nell’ambito della Scuola e che questo concorso, almeno per un giorno, vuole portare alla ribalta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2011 alle 18:51 sul giornale del 19 maggio 2011 - 1148 letture

In questo articolo si parla di attualità, Ordine dei Giornalisti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kX1