Grazie al contributo del “Premio Vallesina” riprendono i lavori della missione di don Carrescia

Premio Vallesina 19/05/2011 -

Grazie all’aiuto finanziario dell’associazione “Premio Vallesina” onlus che ha messo a disposizione l’intero incasso della serata di gala della quinta edizione del “Premio” svoltasi a Filottrano e grazie al contributo di amici e sostenitori della costituita onlus “Missione Brasile”, don Luigi Carrescia ha potuto riprendere i lavori della costruzione dell’asilo e del centro socio educativo a Camaçari nella diocesi di San Salvador in Brasile dove è missionario da oltre 17 anni; lavori che erano stati sospesi per difficoltà finanziarie.



Il manufatto, sino ad allora allo stato grezzo, ha potuto essere completato anche per l’interessamento dell’amministrazione pubblica locale che ha chiesto a don Luigi la possibilità di poter utilizzare l’asilo prendendolo in affitto ottenendo, in contropartita, l’impegno per il completamento dell’opera.

È una operazione molto complessa per le problematiche tecniche di registrazione degli atti e per i tempi di realizzazione che generalmente sono lunghi; ma oggi la struttura ospita più di 100 bambini dai 3 ai 5 anni divisi in due turni, mattino e pomeriggio, in aule confortevoli e dignitose, mentre le vecchie sale ospitano circa 50 ragazzi per il doposcuola attivo da quattro anni per coloro che incontrano difficoltà nella scuola pubblica.

Se don Luigi riuscirà a completare il centro socio educativo potrà ospitare gruppi di lavoro quali corsi di alfabetizzazione, corsi di cucina, corsi di ricamo, corsi di pittura e anche corsi di informatica (una azienda locale ha donato alla parrocchia cinque computer) nonché attività di formazione culturale umana e sociale per bambini, giovani e adulti.

Don Luigi, oltre la missione sacerdotale, ha voluto intraprendere iniziative in attività per creare occupazione, per responsabilizzare le persone al fine di renderle autonome istallando, attraverso vari contributi, tre serre per la coltivazione di insalata idroponica, tecnica consistente nel coltivare insalata nell’acqua e creando lavoro per sei persone.


Don Luigi Carrescia è nato a Santa Maria Nuova. Ordinato sacerdote nel 1978, è stato vice parroco a Moie, Poggio Cupro e Castelbellino. È partito missionario “Fidei Donum” il 15 novembre 1993 per lo Stato di Bahia, città di Camaçari a nord est del Brasile, in una parrocchia con 120.000 persone. Nel 2003 gli viene assegnata la comunità di San Bento a Monte Gordo che si estende per circa 17 Km di costa e più di 20 Km all’interno e ha una popolazione di 35 000 persone. Grazie agli aiuti ricevuti dagli amici italiani e dal vescovo Rocconi di Jesi ha acquistato un terreno sul quale sta costruendo una scuola e ha costituito la “Fondazione Emaus” per la promozione sociale delle persone più povere attraverso iniziative economiche e sociali.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2011 alle 14:52 sul giornale del 20 maggio 2011 - 1276 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, premio vallesina onlus, don Carrescia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kYG