L'Interporto fungerà da retroporto del Porto

Interporto Marche 2' di lettura 24/05/2011 -

Vespasiani: “Togliamo 35mila container dal transito via gomma su Ancona”.



Lo sviluppo della Piattaforma Logistica delle Marche è stato il tema centrale della mattinata di lavori in Interporto, cominciata con la Presentazione dell’accordo raggiunto tra Agenzia delle Dogane, Autorità Portuale di Ancona Interporto Marche spa alla presenza delle istituzioni (Regione Marche, Provincia di Ancona, Comune di Ancona e di Jesi) e degli operatori privati, circa gli aspetti della semplificazione procedurale per la movimentazione di container dal Porto di Ancona all'Interporto di Jesi, e proseguita con la conferenza stampa per aggiornare circa i contenuti della semplificazione procedurale con l'intervento di Roberto Pesaresi, Presidente Interporto Marche Spa, Tito Vespasiani, Segretario generale dell' Autorità Portuale di Ancona, Paolo Pantalone, Direttore Interregionale Emilia Romagna e Marche dell’Agenzia delle Dogane.

“Oggi è possibile che l'Interporto svolga le funzioni di retroporto – ha detto Tito Vespasiani – e questo consentirebbe di trasferire 35mila dei 110mila container in arrivo ogni anno al Porto di Ancona sul ferro e non su gomma, abbattendo quindi di un terzo il traffico di mezzi pesanti in uscita da Ancona con evidenti vantaggi anche sotto l'aspetto ambientale.”

Svolgere le funzioni di retroporto significa effettuare tutte quelle operazioni di manipolazione delle merci e, grazie all'accordo con l'Agenzia delle Dogane, anche effettuare le operazioni di sdoganamento delle merci direttamente in Interporto e non più al Porto di Ancona.

“Il nostro obiettivo – ha aggiunto Roberto Pesaresi – è quello di utilizzare tutto quello che abbiamo a disposizione senza attendere che sia tutto a posto, con l'intento di collegare questo territorio (Marche e Umbria) all'Europa. Da oggi è possibile creare un corridoio porto-interporto e da ottobre contiamo che diventi pienamente operativo.”
Questa opportunità è stata resa possibile grazie all'impegno dell'Agenzia delle Dogane, rappresentata del Direttore Interregionale Emilia Romagna e Marche, il grande lavoro di Autorità Portuale di Ancona e di Inteporto Marche “ed oggi – ha concluso Pantalone - occorre individuare uno o più operatori terminalisti interessati a sperimentare questa procedura”.

Al termine della conferenza stampa è avvenuta l'inaugurazione del desk operativo della Agenzia delle Dogane di Ancona, presso l’Interporto Marche.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2011 alle 22:58 sul giornale del 25 maggio 2011 - 1395 letture

In questo articolo si parla di attualità, interporto, jesi, interporto marche, agenzia delle dogane

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/lcD