Monte San Vito: vietato morire!

Futuro e libertà| 08/06/2011 -

“A Monte San Vito e’ vietato morire”, sarebbe un buon auspicio se questo non nascondesse una bruttissima realtà. Il nostro cimitero non ha più loculi disponibili per dare degna sepoltura ai nostri defunti e dopo aver dato fondo a ogni possibile fantasia, come chiedere in prestito loculi già venduti ma non ancora utilizzati,siamo arrivati all’ ultima trovata: “realizzeremo loculi prefabbricati”.



Certamente questa potrebbe essere una soluzione tecnica, il cui costo tra l’altro non sembrerebbe proprio insignificante poiché si parla di circa 70.000,00 euro, ma a questo punto è lecito chiedere: é vero che l’ ampliamento del locale cimitero e’ già stato programmato e finanziato? E' vero che stiamo pagando da qualche tempo gli interessi di detto finanziamento? Quali sono stati i motivi di tali ritardi? I finanziamenti ricevuti sono ancora nelle disponibilità dell’ amministrazione?

Ci sembra l’ennesima dimostrazione di ritardi e superficialità nella programmazione delle opere pubbliche. Inoltre dopo diverse interrogazioni presentate dalle opposizioni negli anni passati, il cimitero dedicato ai caduti della 1^ Guerra Mondiale si trova in uno stato di totale abbandono, senza rispetto ne considerazione.

Crediamo che tutti meritino di riposare in pace, il cimitero è dove ognuno di noi ha sepolto le persone care, gli affetti e i ricordi di una vita. Onorare i defunti è anche garantire una degna sepoltura.

Un’ altra perla di un’ amministrazione di centro sinistra che purtroppo ha cambiato il sindaco ma che sostanzialmente continua a governare il nostro paese e purtroppo abbiamo l’impressione che le sorprese non siano finite.


da Giorgio Sassi
Consigliere Comunale di Monte San Vito
Futuro e Libertà




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-06-2011 alle 15:52 sul giornale del 09 giugno 2011 - 763 letture

In questo articolo si parla di attualità, Futuro e libertà, Giorgio Sassi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/lM3