E' Simone Bini lo studente migliore di Senigallia

Simone Bini 1' di lettura 18/06/2011 -

Esposti i tabelloni con i risultati di tutti gli studenti degli istituti superiori di Senigallia la pagella di Simone Bini della 3BT del Liceo Medi si distingue subito perché i suoi voti hanno tutti due cifre. "E' la prima volta che mi capita in 23 anni di presidenza" afferma il presidente Lucio Mancini.



Basta parlare con Simone per qualche minuto o dare un'occhiata al suo profilo su Facebook per capire che Simone è un ragazzo normale, a cui piace divertirsi e che di certo non pensa solo a studiare: "Mi piace viaggiare, uscire con gli amici, divertrmi e leggere - dice Simone - bisogna sapersi organizzare e si può fare tutto anche studiando. Non penso di avere tutta questa intelligenza: mi piace studiare e mi piace conoscere le cose".

Simone, grazie alla vincita di una selezione internazionale, partirà ad Agosto per la Russia, dove trascorrerà 10 mesi e frequenterà la quarta superiore.
"Ho scelto la russia perché mi affascina l'est europeo, sono già stato in USA ed in Inghilterra".

Entusiasta dei risultati di Simone Bini il preside Lucio Mancini: "Mi ha colpito la completezza della sua preparazione e l'attitudine a raggiungere risultati brillanti in ogni materia. Ammiro la sua meravigliosa 'curiositas' per ogni ambito del sapere, sia umanistico che scientifico. Siamo orgogliosi di avere studenti come lui".






Questo è un articolo pubblicato il 18-06-2011 alle 21:25 sul giornale del 20 giugno 2011 - 7344 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, michele pinto, lucio mancini, simene bini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mhN


Off-topic

A giudicare dalle foto che posta nel suo profilo facebook, a braccino non molto teso con vaccate come "dux in altum" o la caricatura del fascio littorio, disegnati sulla lavagna del liceo, probabilmente, sembra che la storia non la conosca molto.

Simone Bini

Off-topic

Io penso che l'ignorante sia lei Gelo_Polare, perché lei vede lo stereotipo di Benito Mussolini che il mondo ha voluto far passare; è innegabile il fatto che lui abbia tolto la libertà ai cittadini italiani ma non dobbiamo dimenticarci di quello che ha fatto per il nostro paese: ha costruito strade, ponti, stadi e monumenti. Ha risollevato un paese a terra economicamente e militarmente portandolo, in solo 20 anni di governo, ad un livello che possiamo definire simile a quello degli altri paesi europei del tempo. Si, siamo entrati in guerra sotto il fascismo, ma ricordo che tutto il mondo era in guerra e noi che avremo dovuto fare ? lasciar marciare gli eserciti stranieri sulla nostra amata terra standocene a guardare ?
Mussolini è stato uno dei personaggi politici che ha più amato l'Italia e all'Italia ha dedicato la sua vita.
I suoi metodi sono moralmente riprovevoli e non li accetto a livello umano ma le opere che ha compiuto sono degne di essere ricordate.
Politici del suo calibro oggi in Italia ce li sogniamo e prima di giudicare con questo fare ironico e indubbiamente ignorante la invito a leggere il testamento politico di Benito Mussolini che certamente non conosce.

Commento modificato il 20 giugno 2011

Negli anni '70 studenti con questo curriculum erano segnalati alla Presidenza della Repubblica e premiati come "Alfieri del Lavoro" personalmente dal Presidente della Repubblica con una significata rappresentanza del mondo della scuola.
Sicuramente il Preside Prof. Lucio Mancini si ricorda, ma non so se questo premio gesiste più.
Saluti
Gino Serretti ex Segnetario del Liceo "Medi"

Nessuno avrebbe invaso l'Italia, come nessuno a invaso la Spagna franchista se l'Italia non avesse dichiarato guerra a Francia, Inghilterra prima e alla Russia poi.

Off-topic

Caro Simone,
Strade, ponti, economia, potenza. Nulla conta di più che la vita umana.

Se una sola goccia di sangue è stata versata per colpa di un'organizzazione (politica o altro che sia) allora non merita di essere ricordata se non come esempio da non seguire.

Le strade e i ponti sono fatte per le persone. L'economia è fatta di persona, la potenza di una nazione è potenza dei suoi cittadini.

Il Fascismo ha ucciso (da Matteotti agli ebrei). Il fascismo è un errore (come tanti altri) nella nostra storia.

Sono molto amareggiato nel vedere uno straordinario studente come Lei perdersi nelle più becere pieghe della nostra storia. Sono certo che, passata l'infatuazione adolescenziale verso il Duce, capirà. O almeno spero...

Buon viaggio in Russia.

Ai miei tempi, che non sono antidiluviani, visto che mi sono diplomato nel '98, il 10 non esisteva.
Un compito in cui il prof non toccava penna era un 8, non di più. ogni anno cambiano i criteri di valutazione e questo ha un peso sulle graduatorie di qualsiasi esame d'ammissione, concorso eccetera....

Off-topic

Prescindendo dalle ca...te che dice nella prima parte del suo commento, se "I suoi metodi [di Mussolini] sono moralmente riprovevoli e non li accetto a livello umano ma le opere che ha compiuto sono degne di essere ricordate", perchè si fa scattare delle foto inneggiando al duce?
Io non inneggio a personaggi di cui non accetto i metodi. Forse che il suo "non accettare" è la solita formuletta che utilizzano i fascisti impenitenti?
Lei è fascista?
Lo sa che l'apologia del fascismo in questo stato è (anche se purtroppo sempre più solo formalmente)reato?

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Off-topic

La nostra amata patria è entrata in guerra pugnalando alle spalle la Francia, già sotto attacco dai nazisti. La nostra amata patria è andata a spezzare le reni alla Grecia, e se non arrivano i nazisti a tirarci fuori ancora stiamo vagando per le montagne dell'Epiro. La nostra amata patria è andata a costruire l'impero in Etiopia e gli inglesi ci hanno fatto un mazzo come un baobab. Se non fosse stato per gli eroi di El Alamein, tutto il mondo ci avrebbe riso dietro.Siamo andati a conquistare la Russia con le scarpe di cartone, e tutti sappiamo con quale risultato. Ecco perchè, dopo, siamo stati invasi. Solo perchè avevamo aggredito mezzo mondo, alleandoci con dei macellai e degli assassini a tradimento, visto che a Pearl Harbor i giapponesi si erano dimenticati di presentare la dichiarazione di guerra. E vogliamo parlare delle leggi razziste, dei contadini mandati a combattere in Spagna per risolvere il problema della miseria nel meridione. Oppure affrontiamo l'argomento delo sfruttamento dei contadini nella padania di allora? Quella era una nazione al pari delle altre? E' possibile consocere il nome dell'insegnane di storia e filosofia di questo giovanotto? sarei curioso di scambiarci due parole.

Off-topic

Ci sono sa fare i complimenti ad una ragazzo che nello studio ha conseguito dei voti eccezionali. Che centra tirar fuori i discorsi che riguardano il fascismo e mussolini? siamo un tantino fuori tema?!

Off-topic

LOL, e questo avrebbe 10 in storia? Ma ci faccia il piacere!
1-"ha costruito strade, ponti, stadi e monumenti" Sì, infatti alla fine del suo ventennio ne erano rimaste ben poche di queste sue costruzioni, mentre quelli che sono arrivate sino ad oggi sono merito del "regime" repubblicano democratico.

2-"Ha risollevato un paese a terra economicamente e militarmente"
E l'ha lasciato economicamente a terra, tra le macerie e militarmente azzerato; completamente alla mercé delle potenze vincitrici che, fortunatamente, hanno avuto pietà di noi e ci hanno aiutato nella ricostruzione solo per non farci cadere nel giogo del comunismo.

3-"ma ricordo che tutto il mondo era in guerra e noi che avremo dovuto fare?"
Questo dove l'ha letto, su Topolino? In realtà, al momento del nostro ingresso nel conflitto, in guerra c'erano solo Germania, Francia ed Inghilterra. Mussolini pensava di fare l'opportunista, poiché Hitler aveva invaso la Francia in 3 settimane, aveva graziato gli inglesi a Dunquerque e sembrava aver vinto la guerra.
Così Mussolini attaccò la Francia, con ridicoli risultati, per avere un po' di gloria sul tavolo dei vincitori, ma sbagliò completamente i calcoli.
Franco, nella stessa situazione del duce, rimase neutrale e nessuno invase la sua amata patria, facendolo rimanere al potere fino alla sua morte.

4-"prima di giudicare con questo fare ironico e indubbiamente ignorante".
Esatto, prima di sparare castronerie, bisognerebbe studiare!

Federico Barbarossa

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Federico Barbarossa

Commento sconsigliato, leggilo comunque

faber

Off-topic

"c'entra c'entra..."

Off-topic

Piccoli liberali crescono.

Off-topic

I discorsi sul fascismo li ha fatti lui. Il fatto che fossero un tantino campati per aria fa riflettere sul suo 10 in storia, sempre che la storia sia ancora una materia di studio al liceo scientifico.
Discorsi del tipo: "il metodo di Mussolini fu sbagliato, ma i risultati furono buoni", li abbiamo già sentiti fino alla nausea.
I problemi sono:
1-i risultati del fascismo non furono affatto buoni perché il duce prese un paese in crisi e lo portò alla disfatta totale. I contemporanei della buonanima di Benito furono così contenti dei risultati del suo regime, che lo portarono in trionfo a testa in giù a piazzale Loreto.
2-il metodo è importante perché di geni fascisti ne abbiamo già visti nella storia: uno fu il dottor Mengele, un vero genio che adottava il metodo scientifico sulle abbondanti cavie umane disponibili. I suoi risultati furono così buoni, che ancora oggi li sfruttiamo. Peccato che i successori non possano usare neppure le scimmie come cavie, altrimenti chissà dove sarebbe arrivata la scienza!

Off-topic

Non è per volerlo difendere, perchè onestamente non me ne frega niente, ma non credo che simone abbia qualcosa da spartire con il fascismo. credo più che altro che il saluto romano nel quale si è fatto immortalare, tra l'altro in classe, sia solo una bravata, una ragazzata. sembra molto intimidito nella foto in questione che si può notare nel suo profilo di fb, come a vergognarsi della situazione nella quale si è fatto fotografare. Al massimo una tiratina "d'orecchie" ed una paternale.. a mio avviso è ingeneroso criticarlo per togliergli i meriti di ciò che ha conseguito con dedizione.

Off-topic

Signori buonasera, come sempre noto con piacere (ovviamente è ironico) che anche la bravura di uno studente viene festeggiata con commenti politici assolutamente fuori luogo e fuori tema.
Io credo che qualsiasi individuo abbia la libertà di farsi fotografare come meglio crede e non per questo si debba prendere a pretesto una posa fotografica per fare un comizio.
E' logico che poi, se uno viene chiamato in causa esprima le proprie opinioni, però ripeto, non era questa la sede adatta per fare politica, ma oramai sono convinto che ci siano persone che non possono e non sanno farne a meno....che tristezza

Lucia

Off-topic

E' veramente penoso vedere come invece di complimentarvi per i risultati di questo bravissimo ragazzo avete trasformato l'occasione in una bagarre tra fascisti e antifascisti. Qui si parla di un ragazzo che si è impegnato, che dimostra come si possa riuscire nello studio senza rinunciare al divertimento e agli amici.Ho letto dei commenti al limite del ridicolo...lo vogliamo appendere a piazzale Loreto per delle foto messe su facebook?
No, il ridicolo è stato superato.

Commento modificato il 22 giugno 2011

Off-topic

fa riflettere che questi giovani di talento cresciuti in questi vent'anni non mostrino nessun segno emotivo verso i "metodi moralmente riprovevoli" e "libertà tolta" e si emozionino più verso "l'amata patria di un testamento politico" di un dittatore che ha lasciato morire migliaia di soldati e cittadini in russia, grecia, africa ed appunto il patrio suolo e le tante nefandezze fatte dagli squadristi e gerarchi locali in ogni paese

putroppo i nostri vecchi, superstiti, stanno al ricovero e negli ospizi, nessuno ascolta più che cosa sia stato; i loro figli e nipoti a dire chissà cose come che "la gente abusa della libertà"

anche dall'altra parte politica le cose sono alquanto "sinistre" e la Russia gli mostrerà tante verità al fortunato e bravo studente

è un momomento difficile per il pensiero europeo, proprio quando sembrava che l'era degli stati nazionali volgesse al termine, ecco un colpo di coda nazional-popolare un po' in tutti gli stati occidentali complice la crisi economica inevitabile per il modello di sviluppo industriale e tanti altri fattori di lobbing internazionale




logoEV