Sadam: Massaccesi (Pdl) scrive ai Ministri Tremonti e Prestigiacomo

Daniele Massaccesi - Pdl 24/06/2011 -

Mentre sui tavoli della discussione per il progetto di riconversione della Sadam stanno in questa fase trattando i tecnici per risolvere le questioni rimaste in sospeso ed il gruppo Maccafferri ha dichiarato che, pur essendo i tempi della politica troppo lunghi rispetto a quelli imprenditoriali e che quindi occorre prendere le decisioni con maggiore sollecitudine, sarà prorogata dall'azienda la cassa integrazione in deroga fino a settembre per i circa 110 dipendenti che attualmente sono fermi, Massaccesi torna ad occuparsi di questa intricata vicenda.



E lo fa alzandone il livello di coinvolgimento politico perchè stavolta i destinatari della sua missiva sono, oltre ai soliti vertici delle Amministrazioni pubbliche locali, Comune, Provincia e Regione, anche il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona ed i Ministri dell'Economia, Giulio Tremonti, e dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo.

Nella lunga lettera il Consigliere del Pdl, ricostruisce il percorso dell'affair ricordando in particolare il suo esposto denuncia di un anno fa contro l'allora progetto di riconversione, che poi nel tempo si è più volte modificato fino ad arrivare nella versione attuale, ancor oggi contestata e giudicata come prevedente "in realtà una 'preferenza' per aspetti immobiliari – commerciali rispetto a quelli industriali, invece originariamente ipotizzabili – o auspicabili", elencando un lungo elenco di documentazione prodotta a dimostrazione dei fatti contestati, anomali o irregolari.

Nella descrizione della vicenda Massaccesi cita anche un ricorso al Tar Marche contro le delibere della Regione e del Comune, fino a ricordare come diverse associazioni di categoria e di cittadini abbiano contestato i progetti di riconversione presentati nel tempo, anche profondamente modificati nelle successive evoluzioni, e che il Comune non abbia adempiuto al proprio dovere, nei confronti dell'impianto Turbogas, previsto in una specifica convenzione come funzionale al mantenimento in operatività della Sadam, di verificare la regolarità dei contributi percepiti dal gruppo imprenditoriale, il livello delle emissioni prodotte dall'impianto entro i termini previsti dalla convenzione ed il pieno rispetto della stessa convenzione "in merito alla applicazione ed adozione, nel tempo, delle migliori tecnologie possibili".

Tali controlli, secondo Massaccesi, sono ancor più necessari visto che la centrale Turbogas è prevista rimanere in funzione anche nel nuovo piano di riconversione della Sadam, e che queste verifiche vadano comunque effettuate prima di qualsiasi tipo di nuovo accordo.

In questo nuovo accordo sarà comunque indispensabile escludere la realizzazione di termovalorizzatori, per altro non previsti dal PEAR della Regione Marche, prevedere garanzie sul livello occupazionale dal punto di vista quantitativo, qualitativo e temporale, e prevedere un maggior impegno sull'aspetto industriale che al momento invece è ridotto a vantaggio di un eccessivo aspetto commerciale.



...

Il testo integrale della lette...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-06-2011 alle 15:22 sul giornale del 25 giugno 2011 - 798 letture

In questo articolo si parla di attualità, sadam, Daniele Massaccesi, pdl, paolo picci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mwD





logoEV